TRVPPINAPLES

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Vita su Venere: i paesaggi “infernali” di Venere potrebbero essere completamente inabitabili | scienza | notizia

L’anno scorso, la comunità scientifica si è animata dopo che un team guidato da astronomi dell’Università di Cardiff ha scoperto la fosfina chimica (PH3) nell’atmosfera del pianeta. L’atmosfera terrestre contiene anche piccole quantità della sostanza chimica che si pensa produca la vita.

Ciò ha portato gli scienziati alla conclusione che il pianeta può sostenere la vita.

La fosfina è creata da un processo biologico che segnala la vita microbica su quello che una volta pensavamo fosse un “inferno” inabitabile.

Venere è di dimensioni simili alla Terra, dolorosamente calda e secca. Con vulcani attivi e un’atmosfera tossica, il pianeta che prende il nome dalla dea romana dell’amore sembra tutt’altro che abitabile.

Questa entusiasmante scoperta nel settembre 2020 ha spinto molti scienziati a considerare la possibilità della vita su Venere e come sarebbe esattamente.

Leggi di più: Russia e Cina uniscono le forze per raggiungere la luna entro il 2036

La professoressa Jane Greaves dell’Università di Cardiff, che ha guidato lo studio originale nel 2020, ha continuato a lodare le scoperte del dottor Halsworth, ma spera ancora nella vita su Venere.

“Ne abbiamo parlato a lungo l’anno scorso; sappiamo che l’atmosfera di Venere è molto secca, ma quello che non sappiamo è come si mescola bene.

Ha detto alla BBC News: “Un collega Paul Reimer ha un documento di ricerca che mostra che alcune goccioline di nuvole possono avere un contenuto di acqua molto elevato”.

Con così tanta incertezza e grande interesse che circonda il pianeta, la NASA ha annunciato due missioni che impareranno di più sul pianeta. Il lancio è previsto entro il 2030.

All’inizio di giugno, la NASA ha rivelato le due missioni, ciascuna assegnata a 352 milioni di sterline (500 milioni di dollari) per espandere la nostra comprensione del pianeta.

Anche l’Agenzia spaziale europea (ESA) è salita sul carro e ha annunciato la sua missione su Venere una settimana dopo dalla NASA.

La sonda Esa monitorerà il pianeta ed è prevista la partenza entro la fine di questo decennio.