TRVPPINAPLES

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

US Open: Richard Bland condivide un vantaggio inaspettato con Russell Henley a Torrey Pines

Richard Bland fa la sua seconda apparizione agli US Open 12 anni dopo il suo debutto
-5 R Bland (Ing), R. Henley (Stati Uniti); -4 L Oosthuizen (SA), M Wolff (USA); -3 B. Watson (USA), J. Ram (SPA); -2 K Strelman (Stati Uniti), M Hughes (Canada), X Shaveli (Stati Uniti)
Altri prescelti: B DeChambeau (Stati Uniti), B Koepka (Stati Uniti); +1 L Westwood (Ing), R McIlroy (NI); +2 McIntyre (SCO), D. Johnson (USA), F. Molinari (ETA), B. Mickelson (USA); +3 T Fleetwood (Ing), M. Fitzpatrick (Ing), I Poulter (Ing)

L’inglese Richard Bland condivide un vantaggio inaspettato agli US Open dopo il secondo turno dei suoi sogni a Tory Pines venerdì.

Il numero 115 del mondo sta giocando in questo evento solo per la seconda volta e ha colpito quattro under 67 per condurre cinque under

Il ritardatario Russell Henley ha rubato il primo posto prima che un fantasma lo vedesse per l’ultima volta con una carta 70 per finire il livello con Bland.

Il campione in carica Bryson DeChambeau dopo 68 anni, insieme al due volte vincitore Brooks Koepka (73), è alla pari di Rory McIlroy (73).

Bland, 48 anni, ha perso il biglietto per l’European Tour due anni fa, ma ha reagito e ha vinto il primo titolo nel suo 478° evento a maggio.

“Sono molto orgoglioso”, ha detto a Sky Sports Bland, l’uomo più anziano a guidare gli US Open a metà.

“La leadership di Raed è sempre speciale. Ho eguagliato il vantaggio all’Open nel 2017 per un holeshot, quindi è bello avere un po’ più di tempo”.

Il sudafricano Louis Oosthuizen, che era tra i 36 giocatori costretti a completare i loro primi turni venerdì mattina dopo il ritardo della partita di giovedì, ha seguito 67 free-of-stealer con 71 con due volanti finali per lasciarlo a una distanza dai leader.

L’inizio tardivo ha fornito meno entusiasmo con i verdi sempre più forti che hanno reso gli uccelli difficili, ma l’americano Matthew Wolfe, secondo classificato di Dechambeau a Winged Foot agli US Open dello scorso anno, ha sparato 68 per colpire quattro sotto.

In precedenza, il due volte campione Masters Bubba Watson, n. 67, gli ha lasciato due posti al secondo posto, insieme al numero tre del mondo John Ram, che aveva un 70.

Lo spagnolo Ram, che ha guidato il PGA Tour all’inizio di giugno con sei colpi, ma Costretto a ritirarsi dopo essere risultato positivo al coronavirus, Ora potrebbe essere in grado di apportare modifiche a un palcoscenico più ampio.

Phil Mickelson, nato a San Diego, ha avuto un buon tifoso durante la sessione in California e c’è stato molto rumore quando il mancino, sei volte secondo classificato agli US Open, ha prenotato un birdie all’ultima carta per segnare 69 e finire due tiri all’interno delle quattro fermate.

Bland prende l’ispirazione di Mickelson in un tour da favola جولة

Richard Bland
Richard Bland ottiene una vittoria emozionante nel suo primo tour europeo a maggio

Dopo la sua emozionante vittoria ai British Masters, Bland ha detto di aver trovato ispirazione nella recente vittoria di Mickelson nello US PGA Championship all’età di 50 anni, prima della quale l’americano si era classificato al 115esimo posto nel mondo.

L’inglese, diventato professionista nel 1996, dice di non aver mai preso in considerazione un’altra carriera nonostante la lunga attesa per vincere il suo primo titolo nel Tour Europeo.

“Cosa faccio, vado a farmi un lavoro d’ufficio?” Egli ha detto.

“Non sono così intelligente, ho paura. Il vecchio detto è che ti butti a terra sette volte, ti rialzi otto volte. Ho sempre avuto questo tipo di comportamento che continui.”

Bland ha iniziato il primo giorno dopo che due banditi ritardatari hanno fatto una corsa impressionante giovedì, ma sono andati in vantaggio nel secondo round.

Il giocatore nato nello Staffordshire sembrava rinfrescato dopo due birdie nelle prime quattro buche e ha continuato a fare apparizioni impressionanti nel suo quarto major con altri cinque birdie e due stealth, almeno, per fare il taglio degli US Open per la prima volta.

McIlroy una volta ha avuto la sua favola agli US Open – quando ha vinto il titolo all’età di 22 anni – ma venerdì lo stadio di San Diego è diventato un campo di battaglia per il 32enne.

A un certo punto era fuori dal comando, ma sei banditi lo hanno lasciato in pericolo di perdere i pezzi prima che l’Irlanda del Nord incontrasse due passeri e i due sopra potrebbero fornire una solida piattaforma da cui attaccare durante il fine settimana.

L’inglese Lee Westwood occupa una posizione simile con 72 giocatori rimasti in un incontro, mentre lo scozzese Robert McIntyre ha ottenuto un vantaggio di 73 punti per finire in due posizioni.

Finisci venerdì Matt Fitzpatrick (75), Tommy Fleetwood (73) e Ian Poulter (71) tre volte.

Il norvegese Victor Hovland si è ritirato dal nono posto a metà del girone a causa di un infortunio all’occhio, mentre erano assenti gli inglesi Justin Rose, Dave Copeland, Matthew Southgate, Terrell Hutton e Marcus Armitage, così come lo scozzese Martin Laird.

DeChambeau in ascesa mentre Koepka lotta

Henley ha effettuato otto par diritte prima di trovare finalmente un nono birdie per pareggiare con Bland e sembrava destinato a mantenere il comando durante la notte mentre inseguiva l’ottavo per colpire sei sotto la buca 17.

Tuttavia, un’altra possibilità di Bird in quest’ultimo si è trasformata in un frustrante tre tempi e un bogey primo del round per il 32enne, il che significa che ha dovuto accontentarsi di una parte del vantaggio.

“È difficile ingoiare l’ultimo buco”, ha detto Henley.

DeChambeau è anche riuscito a riprendere il controllo di Torrey Pines dopo un deludente primo round.

Il 27enne ha rischiato di rinunciare al taglio quando è scivolato a quattro in anticipo, ma l’americano ha cambiato le cose con un’aquila benvenuta alla nona, 18esima buca.

DeChambeau ha finito nove su e giù con un uccellino, e ha detto che un momento di ispirazione nel cuore della notte è stato in parte responsabile del miglioramento delle prestazioni.

“È una di quelle cose, stavo dormendo e lei è venuta da me nel cuore della notte”, ha detto, aggiungendo che si trattava di un’amaca.

“Così sono uscito e l’ho provato e ha funzionato, ho tenuto il mio polso destro piegato più a lungo”.

Meno appetibile è stata la prestazione di Koepka, che può considerarsi fortunato ad aver raggiunto la metà del par dopo alcune giocate poco brillanti che lo hanno visto arrampicarsi più volte per il par.

Wolff ha iniziato la giornata in modo tranquillo, prima che quattro passeri – l’ultimo al Day 18 – lo vedessero sparare in classifica, mentre Xander Schauffele, che non è mai uscito dai primi sei agli US Open, ha tirato 71 per finire la partita . Il secondo giorno è sotto pari.

Watson – il cui ultimo titolo importante è arrivato al Masters 2014 – è stato il leader americano tra i primi partenti, mentre l’ex campione Jordan Spieth ha concluso solo con un taglio di quattro volte grazie a un birdie il 18.

Il numero uno del mondo Dustin Johnson ha resistito a una corsa vivace e, sebbene alla fine abbia riacquistato la calma, ha segnato 73 gol per poi scendere a due.

READ  Lacazette batte lo Slavia Praga per mandare l'Arsenal in semifinale Lega europea