TRVPPINAPLES

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Un numero crescente di aziende italiane vuole spostare la produzione in Croazia

11 agosto 2021 – Un numero crescente di aziende con sede in Italia vuole iniziare a trasferire la parte produttiva della propria attività nella Repubblica di Croazia. Questo potrebbe portare a legami economici più stretti tra le aziende italiane e le aziende situate qui in Croazia? probabilmente.

come tale Il diario degli affari / Marija Brnick Scrive, per il terzo mese consecutivo, l’Italia è saldamente nella posizione di primo mercato di esportazione croato. L’anno scorso, durante il blocco del paese di fronte alla pandemia globale di coronavirus che l’Italia ha annunciato molto prima di altri paesi europei, le esportazioni in quel paese sono diminuite drasticamente e la Germania ha assunto lo status tradizionale di destinazione principale per i prodotti croati.

Nei primi cinque mesi del 2021, le esportazioni croate sono cresciute bene in entrambi i mercati, ma sono ancora più forti in Italia e, come mostrano i dati dell’Ufficio centrale di statistica, la ripresa finora porta con sé un export molto migliore. Già nello stesso periodo del 2019.

Nei primi cinque mesi di quest’anno sono stati complessivamente collocati nella vicina Italia 899 milioni di euro di merce, sette milioni di euro in più rispetto al periodo pre-pandemia 2019, e rispetto ai primi cinque mesi del 2020 è fino a 235 milioni di euro.

In forte crescita, oltre all’export, anche l’import dall’Italia, pur restando indietro rispetto ai valori raggiunti nei primi cinque mesi del 2019, a 1,32 miliardi di euro, ovvero circa 300 milioni di euro in meno.

“Le nostre previsioni erano che avremmo avuto l’inizio di una ripresa delle relazioni bilaterali, ma i numeri e le dinamiche nella prima parte dell’anno hanno superato ogni nostra aspettativa”, ha detto Andrea Berkov, segretario generale italo-croato. Camera di Commercio. Afferma che è molto attesa una reale espansione dei già stretti legami economici tra questi due paesi vicini.

READ  Cristiano Ronaldo: il Manchester City è in trattative per firmare l'attaccante della Juventus prima della chiusura del mercato | notizie di calcio

“La crisi dello scorso anno ha portato a un cambiamento nell’orientamento al business delle imprese italiane, che esiste da più o meno tempo, che è il trasferimento di attività e produzione in altri mercati, anche lontani. Con il coronavirus la pandemia è stata prima”, ha detto Berkoff. Questa tendenza si è interrotta e nella prima parte dell’anno abbiamo registrato un aumento significativo dell’interesse delle aziende italiane a spostare la loro produzione ed espandere il loro business qui in Croazia”.

Quelle lontane destinazioni in cui operano principalmente le aziende italiane sono state Cina e Paesi del Nord Africa, quando si tratta di Paesi extra UE, Serbia e all’interno dell’UE, Bulgaria e Romania sono state in testa. Ora, tra le 60 e le 70 aziende italiane hanno già manifestato interesse ad investire in Croazia, dove la maggior parte delle richieste viene dalle infrastrutture e dalla produzione alimentare.

La maggior parte delle località considerate si trovano in Istria, il che non sorprende in quanto molti preferiscono il bilinguismo, nonché buone infrastrutture e collegamenti stradali, ma Berkoff sottolinea di essere interessato anche alle province di Spalato-Dalmazia e Midgmorg.

Con i rappresentanti delle imprese italiane a livello delle Camere di collegamento del sistema italiano (Istituto Italiano di Commercio e Ambasciata in Croazia), sono stati organizzati molti incontri e contatti su potenziali investimenti e Berkov vede un vantaggio speciale nell’instaurare le più forti relazioni bilaterali all’interno del quadro dell’impegno dell’Ambasciatore d’Italia in Croazia Pierfrancesco Sacco che ha preso posizione lo scorso anno.

La NPOO croata, il cui testo è già stato tradotto in italiano, dovrebbe dare ulteriore impulso a un più forte rapporto tra le aziende italiane e la Croazia. In termini di investimento, il costo non è un problema per le aziende italiane, ma secondo la Camera di Commercio Italo-Croata, ci sono preoccupazioni per la famigerata lentezza amministrativa e l’incertezza giuridica della Croazia.

READ  Il colosso Buyout CD&R pesa 5 miliardi di sterline acquisizione della catena di supermercati Morrisons | Notizie di affari

Poiché lo shock della pandemia ha “resettato” tutto su scala globale, gli italiani sono ora più inclini a fare affari nel loro vicinato più vicino, dove un settore registra un’ampia cooperazione e comunicazione, nonché investimenti reciproci. La tecnologia dell’informazione, un settore in forte espansione in Croazia, detterà più o meno l’intero ritmo.

In termini di esportazioni, non è ancora possibile determinare se qualcuno dei prodotti sia rimbalzato dal mercato in particolare durante la prima parte di quest’anno e abbia spinto il risultato complessivo, ma negli ultimi anni la struttura delle esportazioni croate è dominata dal legno, metalmeccanico, tessile e alimentare.

Con i progetti in corso di elaborazione, Andrea Berkoff è convinto che ci si possa attendere un’ulteriore forte crescita delle esportazioni e degli scambi totali tra Croazia e Italia con una giusta dose di sano ottimismo.

Oltre alle imprese italiane e italiane, si registra un aumento costante delle esportazioni nei principali mercati, e l’unico calo sensibile nelle statistiche si manifesta nei rapporti con il Lussemburgo, dove lo scorso anno il valore delle esportazioni ha superato i 122 milioni di euro in cinque mesi, e quest’anno sono solo 5 milioni di euro.

Tuttavia, le esportazioni verso il Lussemburgo tendono ad essere molto volatili e variegate a causa della dipendenza comunque dalle esportazioni di cantieristica navale, che quest’anno manca.

Si può anche dire che il caso dell’Italia riflette il risultato complessivo dell’export croato, che ha raggiunto un risultato record con un totale di 7,11 miliardi di euro a livello quinquennale, superando di gran lunga il precedente livello più alto da prima della crisi del 2019, con un totale di 895 milioni di euro.

READ  Un avviso DVLA viene emesso a chiunque abbia una patente di guida del Regno Unito

Il risultato sarà ancora più alto a livello di sei mesi, con i dati preliminari della CBS che mostrano esportazioni nella prima metà di 8,72 miliardi di euro, circa 1,34 miliardi di euro in più rispetto al primo semestre record, prima della pandemia del 2019.

Per saperne di più, segui la nostra sezione Affari.