TRVPPINAPLES

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Un diplomatico filippino oscilla a causa delle incursioni della Cina | Notizie dal Mar Cinese Meridionale

In un messaggio sui social media pieno di parole profane, il capo diplomatico filippino ha chiesto che le navi cinesi lasciassero le acque del Paese, nell’ultimo attacco in una guerra di parole tra Manila e Pechino sul conteso Mar Cinese Meridionale.

“Cina, amico mio, come posso descriverla educatamente? Fammi vedere … Oh … vattene”, ha scritto lunedì su Twitter il ministro degli Esteri Teodoro Luxen Jr..

Illuminando i suoi commenti sui social media, Luxen ha commentato martedì: “Se Wang Yi segue Twitter, mi dispiace per aver ferito i suoi sentimenti, ma ferito da solo”, riferendosi alla sua controparte cinese.

La recente disputa sulle acque ricche di risorse – che la Cina sostiene quasi interamente – è scoppiata a marzo dopo che centinaia di barche cinesi sono state avvistate all’interno della zona economica esclusiva (ZEE) delle Filippine.

La Cina ha respinto le ripetute richieste delle Filippine di ritirare le barche e le tensioni sono aumentate mentre Manila intensifica i pattugliamenti navali nell’area. Pechino ha rifiutato di riconoscere la zona economica esclusiva filippina nel Mar Cinese Meridionale come definita dalla Corte Internazionale di Arbitrato dell’Aia.

Luxen usa spesso un linguaggio forte sui social media e difende la sua recente rabbia dicendo: “Il solito dolce discorso diplomatico non ottiene nulla”.

Ha paragonato la Cina a “una brutta puttana che mantiene la tua attenzione su un bell’uomo che vuole essere un amico”.

L’ordine è arrivato quando il Ministero degli Affari Esteri ha accusato la Guardia Costiera cinese di aver commesso “azioni di combattimento” contro imbarcazioni filippine che partecipavano a un’esercitazione navale vicino al conteso Scarborough Sholl, che Pechino ha catturato dalle Filippine nel 2012.

READ  Lancio di un missile cinese: il lancio della missione della superpotenza per costruire la prima stazione spaziale fissa | Il mondo | notizia

Scarborough controllata dalla Cina è una delle zone di pesca più ricche della regione e un punto caldo tra i due paesi, che hanno rivendicazioni concorrenti.

Il ministero ha affermato di aver presentato una protesta diplomatica per le azioni delle navi cinesi nei confronti della guardia costiera nel paese del sud-est asiatico durante le pattuglie e le esercitazioni vicino alle barriere coralline il mese scorso.

‘Una flagrante violazione della sovranità’

L’amministrazione ha affermato che la presenza delle barche cinesi è stata “una flagrante violazione della sovranità delle Filippine”.

Il ministero degli Esteri cinese ha affermato che “la diplomazia degli altoparlanti” “minerebbe la fiducia reciproca” e ha esortato Luxen ad aderire all’etichetta diplomatica.

Scarborough Shoal si trova a 240 chilometri (150 miglia) a ovest di Luzon, l’isola principale delle Filippine.

È stato sequestrato dalla Cina nel 2012 e successivamente ha ignorato una sentenza del tribunale internazionale del 2016 che dichiarava infondata la sua storica rivendicazione sulla maggior parte del Mar Cinese Meridionale.

Le relazioni che in precedenza erano state tiepide tra i due paesi sono migliorate sotto Duterte, che ha cancellato la sentenza in cambio di promesse di scambi e investimenti che, secondo i critici, sono rimaste in gran parte non mantenute.

READ  COVID-19 ha ucciso 7 milioni di persone in tutto il mondo - più del doppio del bilancio ufficiale - afferma lo studio

Di fronte alla crescente pressione interna per prendere una linea più dura, Duterte ha detto la scorsa settimana che i pattugliamenti marittimi filippini continueranno, insistendo sul fatto che la sua sovranità sulle acque non era negoziabile.

Le relazioni che erano state tiepide tra Pechino e Manila sono migliorate sotto Duterte, che ha abolito il governo dell’Aia in cambio di promesse di scambi e investimenti che secondo i critici sono rimaste in gran parte non mantenute. [File: Ng Han Guan/Reuters]

Lunedì sera, Duterte ha ripetuto questa affermazione, dicendo che non era mai tornato ad affrontare la Cina quando si era candidato alla presidenza nel 2016.

“La Cina è ancora il nostro donatore”. Duterte, che spesso maledice individui, organizzazioni, leader mondiali e istituzioni che non gli piacciono, solo perché siamo in conflitto con la Cina, non significa che dobbiamo essere scortesi e irrispettosi, ha detto Duterte.

In una dichiarazione che ha confuso gli esperti marini, Duterte ha anche fatto appello a Pechino perché “permetta ai nostri pescatori di pescare pacificamente” in acque già dichiarate all’interno della zona economica esclusiva delle Filippine.

A partire dal 26 aprile, le Filippine avevano presentato 78 proteste diplomatiche alla Cina da quando Duterte si è insediato nel 2016, secondo i dati del Dipartimento di Stato.

“Le nostre dichiarazioni sono anche più forti a causa della natura più audace delle attività e del numero e della frequenza delle incursioni”, ha affermato Mary Yvette Banzon Appalus, direttore esecutivo delle comunicazioni strategiche presso il Dipartimento di Stato.