TRVPPINAPLES

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Trovati i resti di un “vero drago” con un’enorme apertura alare e una bocca simile a una lancia – Notizie dal mondo

Gli esperti in Australia hanno annunciato una nuova specie di rettile volante, e dicono che il temibile pterosauro avrebbe passato la sua vita a cacciare nell’ormai defunto mare di Iromanga nel Queensland.

vero drago
Uno pterosauro aveva un’apertura alare di sette metri – e circa 40 denti all’interno del suo enorme cranio

I ricercatori dicono che il fossile è stato trovato in Australia È la cosa più vicina mai scoperta a una vera replica di un drago.

Si ritiene che i resti provengano dal più grande rettile volante mai scoperto nel paese.

Con una bocca simile a una lancia e un’apertura alare di sette metri, la creatura “selvaggia” è stata scoperta nell’entroterra.

Uno pterosauro avrebbe sorvolato il vasto mare, dando la caccia a dinosauri e piccoli pesci mentre sorvolava l’ormai defunto mare di Iromanga nel Queensland.

Gli esperti dicono che il suo cranio da solo sarebbe stato lungo poco più di un metro e avrebbe contenuto circa 40 denti.

Il fossile è stato trovato nel paese di Wanamara, vicino a Richmond, nel Queensland nordoccidentale.



Tim Richards, dottorando presso l’Università del Queensland, è entusiasta della scoperta
(

immagine:

Associazione della stampa




Tim Richards, un dottorando presso l’Università del Queensland, ha guidato un gruppo di ricerca che ha analizzato le mascelle della creatura.

Richards, del Dinosaur Laboratory presso la School of Biological Sciences dell’Università del Queensland, ha dichiarato: “È la cosa più vicina che abbiamo a un vero drago.









“Il nuovo pterosauro, che abbiamo chiamato Thapunngaka shawi, sarebbe stato un animale temibile, con una bocca simile a una lancia e un’apertura alare di circa sette metri.

“In pratica era solo un teschio con un lungo collo, montato su un paio di lunghe ali.



Una bestia spaventosa stava sorvolando il Queensland in cerca di prede
(

immagine:

Immagini di tendenza)




“Questa cosa avrebbe potuto essere così brutale.

“Avrebbe potuto gettare un’ombra su un piccolo dinosauro tremante che non avresti sentito finché non fosse stato troppo tardi.”

Ha aggiunto: “È allettante pensare che potrebbero essere piombati come gazze durante la stagione degli amori, facendo sembrare così insignificante la picchiata della tua gazza locale – nessuna quantità di fascette ti salverà.

“Anche se, per essere chiari, non era come un uccello, e nemmeno un pipistrello – gli pterosauri erano un gruppo diversificato di rettili di successo – sono stati i primi animali con le ossa posteriori a colpire in volo a motore”.



È il più grande rettile volante mai scoperto nel paese
(

immagine:

Associazione della stampa




È solo la terza specie di pterosauro anhanguerian conosciuta in Australia, con tutte e tre le specie provenienti dal Queensland occidentale.

“È assolutamente incredibile avere fossili di questi animali”, ha aggiunto Richards.

“Per gli standard mondiali, il record per gli pterosauri australiani è scarso, ma la scoperta di Thapunngaca contribuisce in modo significativo alla nostra comprensione della diversità degli pterosauri australiani”.

Il dottor Steve Salisbury, coautore dell’articolo e supervisore del dottorato di Richard, ha dichiarato: “I segni potrebbero aver giocato un ruolo nelle dinamiche di volo di queste creature e speriamo che la ricerca futura fornisca risposte più definitive.

Il nome del genere, Thapunngaka, include thapun [ta-boon] e il dottore [nga-ga], le due parole wanamara significano rispettivamente “picco” e “bocca”.

“Il nome della specie Shui onora lo scopritore di fossili Lin Shuo, quindi il nome significa “Bocca della lancia Shu”.









READ  Uno studio afferma che gli squali utilizzano il campo magnetico terrestre come sistema di guida GPS per gli squali