TRVPPINAPLES

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Stadio Olimpico: lo sport può guarire il mondo?

L’immagine è a scopo illustrativo
Credito immagine: Pixabay

Tra politica caotica e sentimenti anti-immigrati e anti-rifugiati, lo Stadio Olimpico di Roma sembrava un’oasi di armonia sociale e culturale. I tifosi della Roma e del Raja Casablanca si sono radunati a migliaia in un caldo sabato sera per tifare le loro squadre in un’amichevole, la prima all’Olympique in quasi un anno e mezzo.

La squadra ospite è una forza marocchina nel calcio e un campione africano per eccellenza. Sebbene la Roma abbia avuto una stagione difficile l’anno scorso, sembrava pronta a reclamare la sua gloria passata, soprattutto con Jose Mourinho alla guida della squadra ora.

La partita è stata l’ultima amichevole della Roma prima di intraprendere l’impegnativo compito di riconquistare la sua posizione di forza in Serie A. Dopo essere stata retrocessa da Champions League ed Europa League, la Roma ha dovuto giocare nella meno nota Conference League.

Tuttavia, né la squadra né i tifosi sembravano essere scossi dalla battuta d’arresto. Al contrario, gli Ultrà della squadra sono tornati ancora una volta in campo, al suo posto fisso sulla Curva Sud, con le loro grandi bandiere e il canto melodioso “Roma, Roma, Roma…”

I tifosi di Raja Casablanca, anche se pochi, sono ancora più vivaci, ea tratti polemici. Hanno ballato all’unisono tra bagliori occasionali, fuochi d’artificio e enormi nuvole di fumo colorato.

Come qualcuno che ha scritto e riportato su questioni relative ai diritti umani, alle disuguaglianze sociali ed economiche e alle controversie politiche in Europa, Medio Oriente e altrove, il panorama è stato atipico. Italiani, marocchini e altri arabi si mescolavano perfettamente come amici o nemici amichevoli.

Le donne musulmane, alcune in abiti tradizionali e velo, alcune non parlavano italiano, alcune parlavano arabo o francese, sembravano rilassate, libere da giudizi, molestie e sguardi ostili.

Tuttavia, i bambini occupavano un posto nel mezzo. Un tifoso della Roma di 10 anni, seduto accanto a suo padre drappeggiato nella bandiera della Roma, gridava grida di gioia, rabbia e, spesso, istruzioni specifiche dai giocatori della Roma che hanno dominato la partita a metà del primo tempo. .

Due ragazzi italo-marocchini indossavano magliette verdi e bianche con una scritta araba sul retro: “Palestine Rajawi” – Palestine Rajawi – un tipico omaggio alla Palestina e al suo popolo, spesso mostrato da Raja Casablanca e dai suoi fedeli fan.

I due bambini sono rimasti fiduciosi che la loro squadra avrebbe continuato a tornare, anche se una vittoria della Roma è quasi garantita prima della fine della partita. I ragazzi hanno chiacchierato parlando in italiano, parlando con i loro genitori con un distinto accento marocchino e gridando ai giocatori in francese di giocare meglio o di muoversi più velocemente.

In effetti, la mescolanza delle lingue è stata onnipresente durante l’intero evento. Gli ultras cantavano il raja in diverse lingue, compreso l’italiano, e portavano grandi striscioni, veicolando messaggi di natura politica, scritti principalmente in francese.

La cosa più divertente, soprattutto per noi seduti in Tribuna Tevere – a pari distanza tra gli ultras – è stata la partita delle urla, attraverso canti e cori e, a volte, fischi tra le due parti.

Per me, personalmente, la partita, seppur “amichevole”, è stata una delle più difficili da guardare. Tifoso della Roma da anni, il mio cuore era anche con la squadra marocchina. A volte mi è sembrato di fare il tifo per entrambe le squadre e di rimpiangere le occasioni mancate da entrambe le parti. Mentre la Roma stava chiaramente vincendo facilmente la partita, speravo davvero che avrebbe segnato uno o due gol marocchino.

A fine partita, mentre il folto pubblico, ancora stordito per aver potuto assistere a un importante evento sportivo nonostante la micidiale pandemia di COVID-19, si aggirava per il Foro Italico, il complesso sportivo che ospita lo Stadio Olimpico, tra altri edifici. Le contraddizioni erano chiare.

Un tempo chiamato Foro Mussolini, questo imponente monumento sportivo è stata una delle più potenti celebrazioni dell’Italia fascista nel XX secolo. I fascisti, sotto la guida di Benito Mussolini, cercarono di sfruttare il fascino popolare dello sport per trasmettere il messaggio che il fascismo esiste per celebrare la forza e la vitalità della razza italiana, presumibilmente superiore a tutte le altre.

Anche se il nome del complesso fu poi cambiato, esistono ancora molte iscrizioni risalenti all’epoca fascista. Il più ovvio di questi è il Mussolini Dux, un obelisco alto 50 piedi che ancora torreggia vicino all’ingresso.

Il fascismo, che ha di nuovo alzato la sua brutta testa in varie società europee, ha prestato poca attenzione alla giustizia sociale, all’uguaglianza razziale e all’armonia culturale. Tuttavia, questo particolare stadio, una delle più grandi realizzazioni architettoniche di Mussolini italiano, è oggi un luogo in cui si mescolano popoli, culture e lingue diverse. Molte donne musulmane, vestite di veli splendidamente colorati, cercavano sollievo dal caldo e dall’umidità sotto l’obelisco dei duchi Mussolini, forse ignare dell’ironia.

Le notizie fuori dal campo quel giorno erano storie orribili dalla Grecia e dalla Bielorussia riguardo al maltrattamento dei rifugiati e al prendere di mira i migranti. Le comunità musulmane europee sono soggetti permanenti di “differenze” politiche, solo per vivere la loro vita e praticare le loro religioni o coprirsi il capo.

Tuttavia, per circa due ore, allo Stadio Olimpico in un caldo sabato pomeriggio, niente di tutto questo ha avuto importanza. Il mondo esterno potrebbe portare il peggio in noi, ma per ora siamo definiti solo dal nostro amore per il calcio e, si spera, un giorno, per l’altro.

Ramzi Baroud è giornalista ed editore. È autore di cinque libri.

READ  Olimpiadi di Tokyo 2021 in diretta: le ultime notizie mentre Andy Murray e Naomi Osaka scoprono il sorteggio del tennis