TRVPPINAPLES

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Si concentra sulla questione del dollaro italiano quando i rendimenti aumentano

* L’Italia attira una domanda di 4,5 miliardi di dollari per obbligazioni in dollari USA

* Mercati chiusi prima della riunione della Federal Reserve statunitense

27 aprile (Reuters) – Gli investitori obbligazionari dell’Eurozona hanno rivolto la loro attenzione all’emissione martedì mentre l’Italia ha rivisto il suo mercato obbligazionario in dollari USA al massimo di sette mesi.

Roma, che sta diversificando le sue risorse finanziarie dopo che la domanda di credito è aumentata vertiginosamente a causa dell’epidemia del Coronavirus, martedì ha ricevuto una richiesta iniziale di 4,5 miliardi di dollari per vendere obbligazioni a tre e 30 anni tramite un sindacato di banche.

Gli analisti di Unicredit prevedono che le obbligazioni raccoglieranno dai tre ai cinque miliardi di euro in base all’ultima emissione.

Questa è la terza impresa italiana nel mercato del credito in dollari dall’ottobre 2019 – la prima emissione di questo tipo dal 2010 – e ha raccolto 7 miliardi di dollari da obbligazioni a cinque, 10 e 30 anni. 3 miliardi di dollari lo scorso novembre, un’obbligazione quinquennale.

L’Italia raccoglierà martedì fino a 0,5 5,5 miliardi in un PDP a breve termine e un’asta obbligazionaria legata all’inflazione a cinque e 30 anni.

Le vendite sono sotto pressione sui rendimenti italiani. Lunedì il rendimento del benchmark a 10 anni è salito al livello più alto da ottobre 2020 e il premio per il rischio delle obbligazioni italiane a 30 anni è salito al livello più alto da questo febbraio.

Martedì, il rendimento a 10 anni ha aumentato un punto base dello 0,81% a 0755 GMT.

Ma poiché il paese abbassa le sue previsioni di crescita economica per quest’anno e il suo disavanzo di bilancio sale ai massimi da 20 anni a causa dell’epidemia, una ripresa positiva ruota attorno alle sue prospettive di ripresa.

READ  Govt-19: lo scienziato SAGE avverte il Regno Unito del "filo del rasoio" poiché la Gran Bretagna approfitta del clima di Weil | Notizie dal Regno Unito

Lunedì ha pubblicato un piano di ripresa economica da 222 miliardi di euro dopo aver raggiunto un accordo con la Commissione europea sull’uso dei fondi di recupero COVID-19.

L’agenzia di rating S&P, la più alta delle tre maggiori agenzie di rating – a conferma del rating PPP italiano – prevede una “solida ripresa economica” nella seconda metà dell’anno, con un outlook coerente la scorsa settimana, fornendo vaccini rapidi e ulteriori incentivi finanziari.

Martedì, oltre all’Italia, la Germania venderà all’asta la nuova obbligazione a sette anni.

Non c’è una chiara direzione del mercato in vista della riunione della Federal Reserve statunitense che inizierà martedì. Non sono previsti importanti cambiamenti di politica, ma gli investitori presteranno molta attenzione ai commenti del presidente Jerome Powell.

Il rendimento decennale della Germania è rimasto invariato a -0,26% per l’euro.

Rapporto York Pahseli; Compilato da John Stone Street