TRVPPINAPLES

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Scienziati britannici stanno cercando “alberi lunari” piantati da semi durante la missione Apollo 14 della NASA del 1971

Potrebbero esserci 15 alberi in tutto il Regno Unito piantati da semi che la NASA ha trasportato intorno alla luna nella missione Apollo 14 e gli scienziati stanno cercando di trovarli.

Secondo la Royal Astronomical Society, gli alberi lunari, che sono cresciuti da semi in orbita nell’orbita del 1971, possono essere ovunque nel Regno Unito, compresi i giardini privati.

L’astronauta della NASA Stuart Rosa ha portato con sé 500 semi di sicomoro, pino di lobluli e altri tipi di alberi mentre la capsula dell’Apollo 14 orbitava intorno alla luna.

La maggior parte di loro è stata piantata negli Stati Uniti, ma si ritiene che circa 15 persone siano venute nel Regno Unito e ora la Royal Astronomical Society (RAS) e l’Agenzia spaziale britannica stanno cercando di trovarle.

L’idea per i 15 semi in arrivo nel Regno Unito è venuta da Christine Wakeden, la presentatrice di Gardener’s Question Time, ma non sono state ancora trovate ulteriori prove.

L’astronauta della NASA Stuart Rosa ha portato con sé 500 semi di sicomoro, pino di lobluli e altri tipi di alberi mentre la capsula dell’Apollo 14 orbitava intorno alla luna.

Vista del Bicentennial Moon Tree, situato nell'angolo nord-est di Washington Square, Philadelphia, Pennsylvania.  È cresciuto da un seme trasportato sulla luna sull'Apollo 14 nel 1971

Foto di un pino di loblolly moon davanti alla contea di Sebastian, Arkansas, corte

La maggior parte di loro è stata impiantata negli Stati Uniti, ma si pensa che 15 persone siano venute nel Regno Unito e quindi la Royal Astronomical Society (RAS) e l’Agenzia spaziale britannica stanno cercando di trovarle.

Apollo 14: la terza missione di atterraggio lunare della NASA

La missione Apollo 14 è stata l’ottava missione con equipaggio nel programma Apollo e la terza ad atterrare sulla luna.

È stato lanciato il 31 gennaio 1971 ed è durato nello spazio fino al 9 febbraio 1971.

Trascorsero due giorni sulla superficie della luna inclusa una passeggiata sulla superficie della luna.

Fu ritardato di un anno a partire dal 1970, mentre la NASA indagava sul fallimento della missione Apollo 13, come mostrato nel film di Tom Hanks con lo stesso nome.

Assunzione dell’equipaggio:

Comandante Alan Shepard

Domanda di pilota di unità Stuart Rosa

Il pilota del modulo lunare Edgar Mitchell

Shepherd e Mitchell sono atterrati sulla superficie lunare il 5 febbraio nella formazione Fra Mauro e hanno raccolto 94 libbre di roccia.

Questo è anche un viaggio che ha visto Shepherd giocare a golf sulla luna, colpendo due palline con una mazza improvvisata.

Rosa rimase in orbita da sola per condurre esperimenti scientifici, incluso il prelievo di centinaia di semi in diverse orbite sulla luna.

Successivamente è stato piantato e ha portato alla crescita di non meno di 60 alberi lunari sulla Terra.

La collezione comprende sequoie, abete Douglas, sicomoro, caramelle e pinoli, ma un terzo di loro è morto da quando è stato piantato negli anni ’70.

READ  Notizie Covid: il virus diventerà più trasmissibile, ma meno patogeno, secondo gli esperti Regno Unito | notizia

La missione faceva parte dell’Apollo 14 e mentre gli astronauti Alan Shepard e Edgar Mitchell camminavano sulla superficie della luna, Stuart Roosa girava in cima al modulo di comando con i semi nel suo kit personale.

I semi sono stati inviati nello spazio nel tentativo di verificare se e in che misura la gravità terrestre sta influenzando le piante, un esperimento che è stato ripetuto regolarmente dal 1971.

Steve Miller, vicepresidente della Royal Astronomical Society (RAS), ha dichiarato al Gardener Question Time che se gli alberi potessero essere rintracciati, piantare talee sarebbe un modo buono e differito per celebrare il bicentenario della RAS, che si celebra nel 2020.

Il professor Miller ha perseguito molte piste nell’ultimo mese dalla sua apparizione al The Gardening Show su BBC Radio 4, ma senza successo.

Due dei potenziali destinatari, Kew Gardens e Jodrell Bank Arboretum, non hanno registrazioni dei semi che presumibilmente sono arrivati ​​nel Regno Unito.

Ha detto a MailOnline: ‘Non sono stato in grado di rivelare nulla di sicuro. Quindi inseguiamo un po ‘nell’oscurità. Speriamo che qualsiasi pubblicità che riceviamo sulla nostra ricerca susciti qualche ricordo.

RAS promette di abbattere un albero lunare di seconda generazione, che cresce in un giardino privato nel villaggio di Flamstead a Chiltern Hills.

“Siamo molto grati per questo”, ha detto il professor Miller. “Ma vogliamo ancora sapere se qualcuno dei semi dell’Apollo 14 è arrivato nel Regno Unito – e in caso affermativo – cosa gli è successo?”

I semi spaziali sono stati collocati nella collezione Rossa, ma il caso è esploso durante il processo di decontaminazione dopo che l’equipaggio è tornato sulla Terra, lasciandone molti inutilizzabili per l’esperimento.

La missione faceva parte dell'Apollo 14 e mentre gli astronauti Alan Shepard e Edgar Mitchell camminavano sulla luna, Stuart Rosa girava in cima al Modulo di comando con i semi depositati nella sua collezione personale.

La missione faceva parte dell’Apollo 14 e mentre gli astronauti Alan Shepard e Edgar Mitchell camminavano sulla luna, Stuart Rosa girava in cima al Modulo di comando con i semi depositati nella sua collezione personale.

La NASA ha affidato i semi alle cure del servizio forestale degli Stati Uniti, che li aveva monitorati fino a quando non sono germogliati, ma alcuni sono stati piantati solo anni dopo la missione.

La NASA ha affidato i semi alle cure del servizio forestale degli Stati Uniti, che li aveva monitorati fino a quando non sono germogliati, ma alcuni sono stati piantati solo anni dopo la missione.

Le piantine risultanti furono piantate in tutti gli Stati Uniti (spesso come parte del bicentenario della nazione nel 1976) e nel mondo. Sono un omaggio all’astronauta Rosa e al programma Apollo “, ha condiviso in una dichiarazione la NASA.

La NASA ha affidato i semi alle cure del servizio forestale degli Stati Uniti, che li aveva monitorati fino a quando non sono germogliati, ma alcuni sono stati piantati solo anni dopo la missione.

READ  COVID-19: a 7.600 km dall'aggravarsi della crisi, interviene la comunità indiana interconnessa di Leicester Notizie dal Regno Unito

Nel 2015, quasi quattro libbre e mezzo di semi di razzo hanno trascorso sei mesi sulla Stazione Spaziale Internazionale in orbita attorno alla Terra con l’astronauta dell’Agenzia Spaziale Europea Britannica Tim Peck.

Quando i semi sono tornati sulla Terra nel 2016, i bambini delle scuole e dei gruppi di tutto il Regno Unito hanno preso parte a un esperimento per vedere se le radiazioni nello spazio, che sono fino a 100 volte più forti della Terra, avrebbero influenzato la germinazione dei semi.

I risultati hanno mostrato che mentre i semi di crescione crescono più lentamente e sono più sensibili all’invecchiamento, sono ancora vitali.

Il Regno Unito ospita sette alberi di mele che hanno anche compiuto la missione di una vita quando sono volati sulla Stazione Spaziale Internazionale con Peake, secondo la RAS.

L’Agenzia spaziale britannica, che sostiene la ricerca di alberi lunari, ha piantato semi di melo dallo stesso albero che ha ispirato Newton a scoprire la gravità.

Circa 500 semi di diversi tipi di alberi sono stati lanciati nello spazio nel 1971 e hanno orbitato intorno alla luna 34 volte prima di tornare sulla Terra, dove sono stati poi piantati in varie regioni del mondo.  Nella foto il sicomoro è germogliato

Circa 500 semi di diversi tipi di alberi sono stati lanciati nello spazio nel 1971 e hanno orbitato intorno alla luna 34 volte prima di tornare sulla Terra, dove sono stati poi piantati in varie regioni del mondo. Nella foto è un sicomoro cresciuto da un “seme spaziale”. È stato impiantato nel 1975 presso la Mississippi State University

Libby Jackson, direttore dell’esplorazione umana presso l’Agenzia spaziale britannica, ha affermato che l’invio di semi nello spazio ci dà un’idea dell’impatto ambientale unico.

Comprendere gli impatti dello spazio sui semi immaturi sarà vitale per le future missioni spaziali, anche quando guardiamo alla sostenibilità della vita umana oltre la Terra.

Lo spazio ha “un ottimo modo per ispirare le persone”, ha detto Jackson, come si è visto durante il viaggio di Tim Peck alla Stazione Spaziale Internazionale, così come le piantine spaziali che sono cresciute dal melo di Newton.

Sycamore Moon Tree presso la struttura Goddard della NASA nel Maryland

Un Half Moon Tree fa la guardia all'esterno dell'edificio 4708 del volo spaziale Marshall della NASA a Huntsville, Alabama

In un telegramma alle celebrazioni per il bicentenario della piantagione di Moon Tree negli Stati Uniti, l’allora presidente Gerald Ford disse: “ Questo albero che gli astronauti Stuart Rosa, Alan Shepard ed Edgar Mitchell portarono nella loro missione sulla luna, è un simbolo vivente del nostro meraviglioso essere umano. E risultati scientifici

“Sarei interessata a scoprire se qualche seme di luna è arrivato nel Regno Unito e cosa gli è successo”, ha aggiunto.

Ci sono attualmente più di 60 alberi lunari noti per essere vivi sulla Terra, cresciuti dai semi della missione Apollo del 1971, la maggior parte dei quali negli Stati Uniti.

Altre posizioni confermate per gli alberi lunari sono in Brasile, Italia e Svizzera.

READ  Il traguardo è stato raggiunto poiché i dati mostrano che 15 milioni di persone sono state completamente vaccinate contro COVID

I siti americani includono università, scuole, giardini botanici, parchi statali, tribunali e centri spaziali e uno nella Casa Bianca – Pine Loblelli piantato nel gennaio 1977, sei anni dopo il ritorno dei semi sulla Terra.

Cos’è il programma Apollo?

Un'immagine della NASA scattata il 16 luglio 1969 mostra la massiccia navicella spaziale Apollo 11 107 / Lunar Module S / Saturn 506 alta 363 piedi lanciata dal Pad A, Launch Complex 39. Kennedy Space Center (KSC), alle 9:32 AM. (EST).

Un’immagine della NASA scattata il 16 luglio 1969 mostra la massiccia navicella spaziale Apollo 11 107 / Lunar Module S / Saturn 506 alta 363 piedi lanciata dal Pad A, Launch Complex 39. Kennedy Space Center (KSC), alle 9:32 AM. (EST).

Apollo è stato il programma della NASA lanciato nel 1961 e che ha visto il primo uomo sulla Luna in otto anni.

I primi quattro voli hanno testato l’equipaggiamento del programma Apollo e sei degli altri sette sono stati in grado di atterrare sulla luna.

La prima missione con equipaggio sulla Luna è stata l’Apollo 8, che ha orbitato attorno ad essa la vigilia di Natale del 1968 ma non è atterrato.

L’equipaggio dell’Apollo 9 ha trascorso dieci giorni in orbita attorno alla Terra e ha completato il primo volo con equipaggio del Modulo Lunare, la porzione del missile Apollo che in seguito avrebbe fatto atterrare Neil Armstrong sulla Luna.

La missione Apollo 11 è stata la prima ad atterrare sulla superficie lunare il 20 luglio 1969.

La capsula è atterrata sul Mare della Tranquillità, con a bordo il comandante della missione Neil Armstrong e il pilota Buzz Aldrin.

Armstrong e Aldrin camminarono sulla superficie lunare mentre Michael Collins rimase in orbita lunare.

Quando Armstrong divenne la prima persona a camminare sulla luna, disse: “Questo è un piccolo passo per un uomo; un passo da gigante per l’umanità”.

L’Apollo 12 è atterrato nello stesso anno, il 19 novembre, sull’oceano delle tempeste, scrive NASA.

L’Apollo 13 doveva essere la terza missione di atterraggio sulla luna, ma a meno di 56 ore di volo, l’esplosione della bombola di ossigeno ha costretto l’equipaggio ad annullare lo sbarco sulla luna e spostarsi sulla navicella Lunar Aquarius per tornare sulla Terra.

L’Apollo 15 era la nona missione lunare con equipaggio nel programma spaziale Apollo, ed era considerato a quel tempo il volo spaziale con equipaggio di maggior successo fino a quel momento a causa della sua lunga durata e maggiore attenzione all’esplorazione scientifica rispetto a quanto era possibile nelle missioni precedenti.

L’ultimo sbarco sulla Luna dell’Apollo è avvenuto nel 1972, dopo che un totale di 12 astronauti sono atterrati sulla superficie lunare.

Astronauta Edwin

L’astronauta Edwin “Buzz” Aldrin espelle gli esperimenti del modulo lunare sulla Luna durante la missione Apollo 11 Foto di Neil Armstrong, 20 luglio 1969