TRVPPINAPLES

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Recensione del film ‘Luca’: Sunny Summer Movie della Pixar

Alberto (Jack Dylan Grazer) e Luca (Jacob Tremblay) in Luca. (Pixar)

La Pixar fa la nota giusta quest’estate dopo la pandemia.

io inviare Nomina “Silenzio, Bruno!” logo estivo. Nel nuovo divertente mago Disney/Pixar LucaBruno è la voce nella tua testa che ti dice che non puoi avere successo in qualcosa, o che morirai se guidi la tua bicicletta da un dirupo. Dì “Silenzio, Bruno!” E continua a inseguire il tuo sogno. (Nel contesto del film, Bruno ha sempre torto, ma non precipitate in un precipizio, ragazzi.)

Questo tipo di truffatore, può permeare l’anima Luca (Trasmissione su Disney+), uno spettacolo solare letteralmente e figurativamente ambientato sulla costa italiana che evita per lo più di sentirsi come la seduta di psicoterapia di una persona di mezza età raffigurata in un cartone animato, à la dentro fuori o Anima. Come cambia: un film d’animazione che non si preoccupa per la condizione umana? Non è questo Tom & JerryCiò nonostante: il film mostra con delicatezza messaggi che promuovono la tolleranza tra le culture, l’importanza dell’istruzione e il bisogno di padri nella vita di un ragazzo.

Luca Pagoro (doppiato da Jacob Tremblay) è una creatura verde-blu che vive in mare con la sua famiglia, che lo avverte delle pericolose conseguenze del nuoto in superficie. Il film non perde molto tempo a metterlo a terra, poiché si trasforma istantaneamente in quello che sembra essere un normale adolescente umano. Un altro anfibio mutaforma, Alberto (Jack Dylan Grazer), apparentemente un po’ più grande, forse sulla metà dell’adolescenza, prende Luca sotto la sua ala protettrice (eh, una pinna?) e i due diventano subito amici. Vivevano in un villaggio di pescatori e si proponevano di fare esattamente quello che avresti fatto se fossi stato un ragazzo in Italia nel 1965: avere una Vespa.

Luca e Alberto provano a farne uno tutto loro utilizzando vecchie scatole di legno, ma il risultato non è molto soddisfacente. Quindi si dirigono cautamente in città diretti a prendere una vera Vespa. Fa amicizia con una ragazza (totalmente umana) di nome Julia (Emma Berman), un maschiaccio che sarebbe stato interpretato da Tatum O’Neill negli anni ’70, combattono contro un bullo e scoprono di poter vincere la Vespa vincendo la versione italiana del triathlon: il nuoto , andare in bicicletta e mangiare la pasta. Questo potrebbe non essere un evento olimpico ufficiale, ma non è estraneo al curling. Alberto, perplesso dal cibo umano, si rese presto conto che era dentro di sé: Julia gli disse che ogni anno si usava un diverso tipo di pasta, quindi per allenarsi a dovere doveva padroneggiare l’arte di mangiarle tutte. mangia mangia.

Il problema è che tutti in città sono disposti a uccidere i due ragazzi pesce. Hanno vagato in un luogo ossessionato dall’invio di “mostri marini”, come è noto il loro genere. Il padre di Giulia è una macchina per uccidere i mostri marini baffuti e con un braccio solo: il quintuplo italiano. Ha un gatto malvagio (anch’esso con i baffi) di nome Machiavelli, che è un ottimo nome di gatto.

Per rendere le cose più difficili, i ragazzi tornano ai loro stessi pesci quando l’acqua schizza su di loro o se piove. Se ti interessa allungare un po’ i tuoi muscoli metaforici, potresti trovare una metafora che ripaga la tolleranza per gli individui transgender, anche se il confronto non funziona perfettamente. (Le persone in transito di solito non passano avanti e indietro tra i loro ID più volte al giorno.) Ma il film, di solito per la Pixar, è abbastanza ampio da sembrare improbabile che possa offendere qualcuno: il messaggio del terzo capitolo non è più complesso di “Non facciamo impazzire persone leggermente diverse”. Non preoccuparti di essere sopra la tua testa con messaggi svegli, come in Frozen II.

Primo film d’esordio di Enrico Casarosa, l’animatore 51enne che si è fatto strada tra i ranghi, scritto da Jesse Andrews e Mike Jones da una storia di Casarosa e Simon Stevenson, Luca Pieno di affascinante sole mediterraneo, ritmi pop italiani audaci che suonano come il pre-rock degli anni ’60 e divertenti stereotipi italiani che coinvolgono mamme di teatro, enormi baffi e enormi baffi sul palco mamme. (Ok, l’ultimo era mio, ma potrebbero usarlo nel seguito.) Lo zio pazzo di Luca, che vive nelle profondità del mare e sembra che il suo cervello sia stato danneggiato dall’esperienza – Sacha Baron Cohen si trasforma in un divertente cameo mentre “Ugo” – mi sembra una parodia degli italiani meridionali visti dagli italiani del nord. (E Lu Casarosa di Genova al nord).

Casarosa fa della virtù di essere semplice e senza sfidare. Nonostante il pericolo mortale in cui i personaggi principali trascorrono metà del film, l’atmosfera generale è leggera, allegra, non tesa. L’aspetto dubbioso di alcuni degli altri film Pixar è piacevolmente assente. Nella nostra prima estate post-pandemia, questo approccio mi sembra più che accettabile. come se Luca Risponde a “Silenzio, Bruno!” A quella voce nella testa dello sceneggiatore che dice: “Forse dovrei scrivere del mio dolore più profondo”.

READ  Un film studentesco di scienze politiche tra i vincitori della biblioteca