TRVPPINAPLES

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Perché la vita sulla Terra è ancora seconda alle compagnie di combustibili fossili? | George Monbiot

TLa tragedia umana è che non c’è relazione tra ciò che sappiamo e ciò che facciamo. Tutti ora sono almeno vagamente consapevoli che stiamo affrontando la più grande catastrofe che la nostra specie abbia mai affrontato. Tuttavia, una persona cambia raramente il suo comportamento in risposta: soprattutto, guidare, volare, consumare carne e latticini.

Durante le crisi più gravi, il Regno Unito ha eletto il meno pericoloso di tutti i governi. no governo di Westminster e Autorità locali Continuando a costruire strade ed espandere aeroporti. Un’analisi dell’organizzazione benefica ambientale WWF indica che mentre il recente budget del Regno Unito ha stanziato 145 milioni di sterline per misure ambientali, ha stanziato 40 miliardi di sterline per politiche che aumenterebbero le emissioni.

È ancora fantastico politica del governo Per “massimizzare la ripresa economica” del petrolio e del gas dalla piattaforma continentale del Regno Unito. Secondo il governo white paper sull’energiapromuovere la sua estrazione assicura che il Regno Unito “rimanga una destinazione attraente per il capitale globale” ed è “il modo migliore per garantire una transizione ordinata e di successo dai combustibili fossili tradizionali”. È difficile immaginare un argomento più perverso. Ma quando si perseguono obiettivi incompatibili, la prima vittima è la logica.

Quindi, mentre la nostra casa brucia, il governo manda camion cisterna a spruzzare benzina sulle fiamme. Indubbiamente impressionato dalle donazioni che il Partito Conservatore ha ricevuto dalle compagnie petrolifere e del gas, sembra che Boris Johnson sia sul punto di accettare uno sviluppo nuovo giacimento petrolifero Campo – nel Mare del Nord. Tuttavia, come hanno chiarito da tempo gli scienziati del clima, non vi è alcuna prospettiva realistica di prevenire oltre 1,5°C di riscaldamento globale a meno che non venga interrotto lo sviluppo di nuovi combustibili fossili. Infatti, i progetti esistenti bisogno di andare in pensione. Né possiamo raggiungere l’obiettivo ufficiale del governo di zero emissioni nette entro il 2050. Tale obiettivo, tra l’altro, in un altro segno del divario tra conoscenza e azione, non ha nulla a che fare con obiettivi di temperatura nell’accordo di Parigi. Aveva urgente bisogno di essere sostituito con una misura molto più severa, ma nessuno al potere era disposto a discuterne.

READ  Nestlé taglierà quasi 600 posti di lavoro con la chiusura di uno stabilimento nel Regno Unito e trasferirà parte della produzione in Europa Notizie di affari

Lo stesso vale per quasi tutti i governi. Una volta che le promesse verdi di Joe Biden di fare affari come al solito sono crollate, è crollato in un mucchio sgretolato. Da quando si è impegnato a vietare nuove trivellazioni e fracking sui terreni federali, la sua amministrazione ha assegnato più di 2.000 Nuovi permessi. Il suo consigliere per la sicurezza nazionale ha chiesto che l’OPEC+, il cartello petrolifero, aumentare la produzionePer ridurre il costo della guida di auto brutte che molti americani acquistano ancora. Ci è stato detto che l’umile retorica di Biden nascondeva il desiderio di un’azione drastica. Ma l’hadith pone dei limiti all’azione, e coloro che sono promessi sono deboli presenta meno.

A meno che non lasciamo i combustibili fossili nel terreno, qualsiasi impegno per fermare il crollo climatico è solo un cenno del capo. L’atmosfera non risponde ai gesti. Non influenzato da promesse né parole. Non ha fazioni che possano essere messe l’una contro l’altra, né elettori che possano essere ingannati e distratti.

Questo è uno dei motivi per cui i governi odiano ed evitano ciò che dice loro la scienza del clima. Se lo prendono sul serio, progetteranno la politica in base ai pareri scientifici. Ma tali limitazioni alla scelta politica sono viste come intollerabili, non solo dai politici, ma anche dalla filosofia su cui si fondano le nostre democrazie.

o loro? Per conto degli interessi commerciali, i governi sono tutti molto felici di sottomettersi alle restrizioni. Una compagnia petrolifera britannica sta attualmente facendo causa al governo italiano per aver perso i suoi “profitti futuri attesi” dopo che l’Italia ha vietato le trivellazioni petrolifere nelle acque costiere. L’Italia era firmataria del Trattato sulla Carta dell’Energia, che consente alle aziende di richiedere un risarcimento se interrompono progetti futuri. La clausola di scadenza del trattato consente tali azioni legali dopo che gli Stati non ne sono più parte, quindi l’Italia può essere citata in giudizio anche se ha lasciato l’accordo nel 2016. Questo è uno dei tanti esempi di “Risoluzione delle controversie investitore-Stato”, che prende effetto azione contro il collasso climatico quasi impossibile. Rappresenta un oltraggioso ridimensionamento della scelta politica, in cui i governi come il nostro sono molto a loro agio. Non sono sicuro di come sfuggire a tali accordi, ma gli avvocati del governo dovrebbero essere interessati a questo caso e cercare una via d’uscita. A parte questo, i futuri profitti aziendali rimangono ufficialmente più importanti della vita sulla Terra.

READ  Accordo di pace completo tra Vivendi e Mediaset - Digital TV Europe

L’emergenza globale richiede una nuova politica, ma non è all’orizzonte. I governi temono ancora i lobbisti più di quanto temono il crollo dei nostri sistemi di sussistenza. Per ottenere piccoli e temporanei guadagni politici, ci obbligano con conseguenze enormi e irreversibili. I rappresentanti non hanno una chiara esperienza di prendersi cura dei poveri e hanno una lunga storia vota contro di loroImprovvisamente, afferma che azione per il clima La loro protezione deve essere ostacolata.

Il Tesoro si rifiuta di impegnarsi nella spesa necessaria per sostenere anche un debole programma di governo. Johnson, incaricato di trasformare la risposta globale al collasso climatico in un vertice di novembre a Glasgow, è apparso costituzionalmente incapace di prendere decisioni difficili.

Nessun governo, nemmeno il più progressista, è ancora pronto a contemplare la trasformazione di cui abbiamo bisogno: un programma globale che ponga la sopravvivenza dell’umanità e del resto della vita sulla Terra al di sopra di tutte le altre questioni. Abbiamo bisogno non solo di una nuova politica, ma di una nuova etica. Dobbiamo colmare il divario tra conoscenza e azione. Ma questa conversazione è iniziata solo con difficoltà.