TRVPPINAPLES

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Parte della Corrente del Golfo è a rischio a causa dell’indebolimento delle correnti atlantiche | Notizie sui cambiamenti climatici

Gli scienziati avvertono delle terribili conseguenze in caso di collasso del sistema AMOC, che influenza il clima in tutto il mondo.

L’attuale sistema dell’Oceano Atlantico, motore del clima dell’emisfero settentrionale, potrebbe essere indebolito dai cambiamenti climatici, che potrebbero avere gravi conseguenze per il clima mondiale, tra cui il “freddo estremo” in Europa e in parti del Nord America e l’innalzamento del livello del mare in alcune parti degli Stati Uniti. Stati, Secondo un nuovo studio scientifico.

La circolazione dell’Atlantic Overturning (AMOC) fa parte di un ampio sistema di correnti oceaniche, noto come Gulf Stream, che trasporta l’acqua calda dai tropici a nord al Nord Atlantico.

Niklas Bowers del Potsdam Institute for Climate Impact Research e autore di studio Inserito giovedì.

Poiché l’atmosfera si riscalda a causa dell’aumento delle emissioni di gas serra, la superficie dell’oceano sottostante trattiene più calore. Secondo lo studio, qualsiasi possibile collasso del sistema potrebbe avere gravi conseguenze per i sistemi meteorologici mondiali.

Il Met Office o Met Office britannico ha avvertito che se l’AMOC crollasse, aumenterebbe il raffreddamento nell’emisfero settentrionale, contribuirebbe all’innalzamento del livello del mare nell’Atlantico, una diminuzione complessiva delle precipitazioni in Europa e Nord America e uno spostamento dei monsoni nel sud America e Africa. .

Ad aprile, le Nazioni Unite hanno avvertito che il mondo era sull’orlo della crisi climatica e il segretario generale Antonio Guterres ha esortato i paesi a “porre fine alla nostra guerra contro la natura”.

Il cambiamento climatico è stato accusato di condizioni meteorologiche estreme che hanno colpito parti del mondo nelle ultime settimane e mesi, dagli incendi mortali in Turchia e in Grecia alle inondazioni in molte parti dell’Asia, inclusa la Cina, dove sono morte più di 300 persone.

READ  I medici di Londra segnalano un aumento di cinque volte nell'ingestione di magneti da parte dei bambini | Scienza

I modelli climatici hanno già dimostrato che l’AMOC è al suo punto più debole in più di 1.000 anni.

Tuttavia, non era noto se la debolezza fosse dovuta a un cambiamento nella circolazione oa una perdita di stabilità.

La differenza è significativa, ha affermato lo studio, pubblicato sulla rivista Nature Climate Change.

Analizzando la temperatura della superficie del mare e i modelli di salinità nell’Atlantico, lo studio ha affermato che l’indebolimento nel secolo scorso era probabilmente correlato alla perdita di stabilità. Gli scienziati hanno affermato che il mondo dovrebbe fare tutto ciò che è in suo potere per mantenere le emissioni il più basse possibile.

“I risultati supportano la valutazione che la regressione AMOC non è solo un’oscillazione o una risposta lineare all’aumento delle temperature, ma probabilmente significa avvicinarsi a una soglia critica oltre la quale il sistema di circolazione potrebbe collassare”, ha affermato Bowers.

Un uomo si trova di fronte a un’onda mentre una tempesta atlantica colpisce un muro durante la tempesta invernale Grayson a Cow Bay, Nuova Scozia, Canada nel 2018 [File: Darren Calabrese/Reuters]

Altri modelli climatici hanno affermato che l’AMOC si indebolirà nel prossimo secolo, ma è improbabile un crollo prima del 2100.

Uno studio separato pubblicato nel numero di settembre 2021 della rivista Weather and Climate Extremes ha rilevato che l’aumento delle precipitazioni estreme dopo il 1996 è stato causato dai gas serra provenienti dalle attività umane e dall’Oceano Atlantico più caldo, portando a uragani più forti e più frequenti.

“Il nostro lavoro precedente ha dimostrato che le precipitazioni estreme nel nord-est sono aumentate drasticamente negli ultimi 25 anni, ma questo studio è tra i primi a dimostrare che questo aumento è in parte dovuto al cambiamento climatico indotto dall’uomo”, ha detto l’autore principale Huanping. , un borsista post-dottorato al Dartmouth College è citato dal Department of Climate and Ecosystem Sciences del Lawrence Berkeley National Laboratory in un articolo per Phys.org.

READ  La Cina rivela le prime immagini di Marte scattate dal rover Zhurong

“I nostri risultati mostrano che la variazione pluridecennale delle temperature superficiali dell’Atlantico, un importante fattore di riscaldamento dell’Atlantico, insieme ai gas serra e agli aerosol antropogenici, ha anche contribuito all’aumento delle precipitazioni estreme nel nord-est dopo il 1996”, ha detto Huang.