TRVPPINAPLES

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Ordine di precisione I media olandesi dicono “da dove viene” in Swipe split Gran Bretagna | Regno Unito | notizia

Le relazioni post-Brexit tra l’UE e il Regno Unito sono aumentate dall’attuazione dell’accordo commerciale raggiunto nel dicembre dello scorso anno. Il protocollo dell’Irlanda del Nord è stato fonte di costante disaccordo tra Bruxelles e Londra, con l’allineamento dei vaccini all’inizio di quest’anno che ha sollevato le tensioni e creato un cuneo tra Inghilterra e Francia. Ad aprile, il Parlamento europeo ha ratificato l’accordo commerciale, avvertendo che la Brexit era un “errore storico”.

L’accordo ha risolto il suo ultimo ostacolo politico, con 660 voti a favore e cinque contrari, con 32 voti a favore.

Accogliendo favorevolmente la notizia, il primo ministro Boris Johnson ha dichiarato: “Questa settimana è il passo finale di un lungo viaggio che equiparerà partner commerciali chiave, stretti alleati e sovrani al nostro nuovo rapporto con l’UE.

“È ora di guardare al futuro e costruire una Gran Bretagna globale”.

Ma a febbraio, i media europei hanno rivelato le aspirazioni del Regno Unito.

Bert Wejendorp, editorialista del quotidiano olandese De Volkrand, ha celebrato la partenza, dicendo che il Regno Unito era “da dove veniva”.

Ha detto: “Evviva! Voglio che gli inglesi lascino l’UE”.

“L ‘” errore storico “del 1973 è stato finalmente corretto. Perché ci è voluto così tanto tempo? Forse già sappiamo che è sbagliato chiamarlo cattivo Albion.

“Per 47 anni gli inglesi hanno cercato di trasformare il loro impero coloniale perduto e di distruggere, rallentare, diluire e trasformare l’Europa in un mercato di marmotte e orli”.

Ha anche notato che la Brexit è stata un atto autoinflitto e che la Gran Bretagna si è sparata alla gamba.

Per saperne di più: Verhofstad è arrabbiato per la Brexit quando avverte che “il Regno Unito ora è il nemico”.

READ  In Costa Smeralda, tornano le megalopoli

In Austria, tuttavia, l’umore era così brutto che un direttore di giornale ha avvertito che l’UE stava perdendo uno dei suoi “pilastri principali” nel Regno Unito.

Rainer Novak di Die Press ha dichiarato: “L’UE sta perdendo uno dei suoi membri più importanti, una delle sue nazioni più forti, la seconda economia più grande, un ottavo della sua popolazione … uno dei paesi modello per integrare con successo milioni di immigrati. Il sindacato sta perdendo uno dei suoi principali pilastri “.

Rivolgendosi a coloro che erano contenti di vedere il ritorno della Gran Bretagna, Novak ha sottolineato che “le buone organizzazioni non solo consentono critiche e dibattiti interni, ma li incoraggiano”.

“I leader che temono il conflitto sono curiosi e spesso intelligenti”, ha aggiunto.