TRVPPINAPLES

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Nestlé taglierà quasi 600 posti di lavoro con la chiusura di uno stabilimento nel Regno Unito e trasferirà parte della produzione in Europa Notizie di affari

Nestlé intende licenziare quasi 600 persone mentre chiude uno stabilimento nel Regno Unito e trasferisce parte della sua produzione in Europa.

La multinazionale svizzera ha affermato che i prodotti sono attualmente realizzati nella vicina Vodon Newcastle Si sposterà in altre fabbriche in Gran Bretagna e nel continente.

Ha aggiunto che Vodon, che ha aperto nel 1958 e produce dolci tra cui frutta pastello, chiuderà “verso la fine del 2023”.

immagine:
Ci sarà un investimento nello stabilimento di York, dove viene prodotto il KitKat

Il GMB ha descritto la mossa come “disgustosa” e ha affermato che le vite “vengono distrutte in una spietata ricerca di profitti”.

La società ha detto che stava facendo questo annuncio “il prima possibile” per fornire “il tempo massimo di consultazione” con dipendenti e sindacati, aggiungendo che non ha “ridotto l’impatto” della chiusura sul territorio.

In totale, sono 573 i ruoli “a rischio, soggetti a consultazione”. La maggior parte di questi – 475 – sono a Vodone, con altri 98 alla Nestlé di York.

L’azienda, che impiega 8.000 persone nel Regno Unito, ha descritto Vodon come “sede di molti marchi più piccoli, a bassa crescita” e una fabbrica “con un mix diversificato e complesso di tecnologie di produzione”.

“Al contrario, i nostri stabilimenti a York e Halifax hanno specialità più chiare e producono alcuni dei più grandi marchi di Nestlé”, ha aggiunto la società.

Ha detto che prevede di investire 20,2 milioni di sterline a York “per modernizzare e aumentare la produzione di KitKat nella città in cui il marchio è stato fondato nel 1935”.

Altri 9,2 milioni di sterline saranno investiti ad Halifax “per attrezzare l’impianto per rilevare la maggior parte della produzione esistente di Vodon”.

READ  Le vendite di auto in Europa sono aumentate del 63% a marzo, annullando il calo all'inizio dell'anno

La società ha affermato che York è la base del centro globale di ricerca e sviluppo di Nestlé Sweets, mentre lo stabilimento di Halifax, in uso da più di un secolo, “diventerà ancora più importante”.

Ha aggiunto che la decisione di “proporre di chiudere Fodon” arriva dopo investimenti e sforzi per ridurre la complessità con l’introduzione di nuovi prodotti.

L’azienda ha affermato in una dichiarazione che i dipendenti “hanno lavorato instancabilmente per presentare quei cambiamenti e queste proposte non riflettono in alcun modo i loro sforzi”.

La società afferma che Vodone è la patria di molti dei marchi più piccoli ea bassa crescita & # 39;
immagine:
La società afferma che Vodone è “la patria di molti marchi più piccoli ea bassa crescita”.

Per gli stessi lavoratori che hanno tenuto a galla l’azienda durante una pandemia globale, distruggendo centinaia di vite nella spietata ricerca del profitto, ha detto che Ross Murdoch, funzionario nazionale della GMB, è disgustoso.

“Nestlé è il più grande produttore di alimenti al mondo, realizza profitti fantastici e può gestire adeguatamente il trattamento dei lavoratori.

Invece, hanno permesso alle fabbriche di deteriorarsi, esternalizzare la produzione e ora rimuovere circa 600 posti di lavoro.

“L’annuncio di oggi che 63 anni di produzione di cioccolato a Vodon finiranno presto è molto dannoso”, ha detto Kathryn McKinnell, parlamentare laburista per il partito laburista a North Newcastle.

“Questo sarà un momento molto preoccupante per i lavoratori fedeli che stanno producendo alcuni dei nomi più famosi nella Sweet Aisle e stanno contribuendo a mantenere la nazione nutrita durante la pandemia COVID-19.

“È particolarmente difficile accettare che la più grande azienda alimentare del mondo abbia bisogno di licenziare centinaia di lavoratori di Newcastle in un momento in cui ha appena registrato la sua più forte crescita trimestrale in un decennio.

READ  Il prezzo di Bitcoin è live: Ethereum ha raggiunto i massimi storici con il ritorno del mercato delle criptovalute

“Incontrerò urgentemente il sindacato GMB e il personale interessato per discutere di come abbiamo risposto alle proposte”.