TRVPPINAPLES

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Necrologio: Helen McCrory | Il teatro

Helen McCrory, morta di cancro all’età di 52 anni, era tra i principali attori teatrali della sua generazione quando divenne nota come Sherry Blair in Queen Stephen Frears (2006), con Helen Mirren, e con Michael Sheen nei panni di Tony; E come la strega Narcissa Malfoy, la madre di Draco, negli ultimi tre film di Harry Potter.

L’energico ed energico Sherry Blair è stato uno di una serie di figure di potere e gli avvocati giusti interpretati da McCrory, culminati nel primo ministro aspro, brutalmente schietto ma conservatore nel dramma televisivo Rodkill (2020) di David Hare, che si rifiuta di dare un ” grande lavoro “per Vice Hugh Laurie il maleducato In confronto, Narcissa è stata una” svolta “, un grido gotico, per tutta la sua vivacità e il male soffocante.

Ma è stata la madre prepotente Polly Auntie Polly in Peaky Blinders (Five Series, 2013-19), che governa il posatoio nella famiglia Shelby di due guerre a Birmingham, e guarda per guadagni illeciti, le cui radici sono in un complesso drammatico performance sul palco.

Simon Russell Bell e Helen McCrory nel film del 2002 Uncle Vania.
Simon Russell Bell e Helen McCrory nel film del 2002 Uncle Vania. Foto: Tristram Kenton / The Guardian

Nei suoi ultimi due ruoli al Teatro Nazionale, è stata davvero fantastica: come l’assassina Medea di Euripide nel revival di Carrie Cracknell del 2014 sul palco di Olivier, dove ha interpretato l’intera serie di personaggi come una rifugiata barbara discendente dal dio del sole; Michael Billington, nel ruolo di Hester Collier in The Deep Blue Sea di Terence Ratigan, è stato resuscitato nel 2016 Lyttelton, anche lui diretto da Cracknell, che cattura perfettamente l’illogicità dell’emozione, ha preso fuoco nei suoi contorni, “come una città illuminata”, ha detto Michael Billington.

Helen McCrory nei panni della madre prepotente zia Polly in BBC Peaky Blinders.
Helen McCrory nei panni della madre prepotente zia Polly in BBC Peaky Blinders. Foto: BBC / Karen Mandbach / Robert Wieglaski

McCrory era piccolo di statura ma massiccio nello spirito, feroce, persino selvaggio, sul palco. Non c’è disprezzo per lo splendido triciclo (ora il forno) del nord di Londra, ma la sua massiccia folla di Lady Macbeth del 1995 al fianco di Lenny James, diretto da Nicholas Kent, avrebbe dovuto raggiungere un pubblico molto più ampio. Sempre avvincente ed equilibrato, avvolto come un cobra, pronto per la battaglia.

Era razzista, focosa e terrena, e poteva circondare il mondo in un tragico abbraccio. Ha interpretato ruoli importanti: Belvedira nella Venezia di Otway conservata al Royal Exchange, Manchester, 1994; Anna Motivator nella scena del sogno erotico dell’antichità di Pinter a Donmar Warehouse nel 2004; Rebecca West ha rovinato tragicamente Rebecca West a Rosmerschholme per Ibsen (la commedia di Freud preferita di Ibsen) ad Almeida nel 2008. Vent’anni fa, ha realizzato “Judi Dench’s Next”. Ora, come ha detto Richard Ayer, siamo privati ​​di tutte le grandi prestazioni che avrebbe potuto avere negli anni a venire, nelle nuove commedie così come nei classici.

Nata a Londra, era la maggiore di tre figli di Ian McCrory, un diplomatico glasgiano di origine cattolica, e sua moglie Anne (nata Morgans), una fisioterapista nata a Cardiff da una famiglia protestante gallese. La famiglia era in viaggio a causa degli incarichi di suo padre all’estero, in Camerun, Tanzania, Norvegia e Francia.

Helen è tornata in Gran Bretagna per frequentare la Queenswood School, a Hatfield, nell’Hertfordshire, dove l’insegnante di recitazione Thien Bettany (padre dell’attore Paul Bettany) ha incoraggiato il suo talento recitativo istintivo. Fece un’audizione alla Drama Centre School di Londra e disse al regista che aveva rifiutato, Christopher Fitz, che avrebbe presentato una domanda ogni anno perché la accettassero. Un anno dopo, dopo aver lavorato a Parigi e viaggiato in Italia, lo fecero.

Helen McCrory in Bond Skyfall, 2012.
Helen McCrory in Bond Skyfall, 2012. Foto: Everett / Alamy Gruppo

Ha fatto il suo debutto professionale all’Harrogate Theatre nel 1990, come Gwendolen Fairfax in The Importance of Being Earnest. I critici hanno cominciato a sedersi quando ha interpretato Lydia Bennett in Pride and Prejudice in the Royal Exchange del 1991 – “eccellente” come ha detto The Independent, mentre il Times ha fatto riferimento a una “vena di spensieratezza giubilante”.

Ayer la portò quasi immediatamente alla National, dove si unì al revival del 1992 della fantastica produzione di Declan Donnellan del 1989 di Lope de Vega Fuente Ovejuna, tradotta da Adrian Mitchell. Mette un primo segno serio come Rose Trelawney nel meraviglioso revival di John Caird del 1993 dell’inno di Pinheiro su un palcoscenico mutevole, Cooman dei pozzi, poi prolifica e brillante Nina nella commedia di Cechov’s Curd di Seagulls to Chekhov, particolarmente impressionante come gli avanzi schiacciati da il suo sogno nell’atto finale.

Helen McCrory in Harry Potter e i Doni della Morte: Parte 1, 2010.
Helen McCrory in Harry Potter e i Doni della Morte: Parte 1, 2010. Foto: TCD / Alamy

Come tutti i migliori attori, McCrory sapeva come costruire una performance su un palcoscenico di due o tre ore e aveva l’attrezzatura vocale e intellettuale per andare all’estremo. Anche nell’ambizioso spettacolo Les Enfants du Paradis di Simon Callow per RSC a Barbican nel 1996, è stata brillante come Arletty in the Witch’s Garance. E lei era inquietante e inquietante come una principessa travestita – cercando di combattere l’ingiustizia politica ma contrastata dal carismatico principe Schwitel Ejofor – nel glorioso Marivaux Triumph of Love, tradotto da Martin Crimp e diretto in Almeida nel 1999 da James MacDonald.

Helen McCrory è stata una grande interprete a Medea al National Theatre nel 2014.
Helen McCrory è stata una grande interprete a Medea al National Theatre nel 2014. Foto: Tristram Kenton / The Guardian

La notte degli attacchi dell’11 settembre 2001, la situazione era stranamente silenziosa lungo Euston Road, ma il paradosso dell’opera di Cechov – la versione di Hare di Platonov – si aprì in un hangar simile a un hangar a Kings Cross, un avamposto improvvisato di Almeida. vedova del seducente generale Anna Petrovna nell’epica produzione di Jonathan Kent: “Smoke Me Like A Cigarette”, Aidan Gillen, l’anarchica donna, sfida gli eroi, prima di farlo rotolare con il vapore.

Sam Mendes è stato coinvolto in Donmar Warehouse nel 2002 con un duo appariscente di Uncle Vania e Twelfth Night. Una società di crack includeva Simon Russell Bell, Emily Watson, David Bradley e Mark Strong. McCrory era la vulnerabile Yelena Cechov e Olivia di Shakespeare, e ha tracciato ancora una volta un viaggio stimolante dal lutto di suo padre alla vita, scoppiando in fiamme sessualmente. Gli spettacoli furono un grande successo a Londra e New York.

Helen McCrory in The Woman in Black: Angel of Death, 2014.
Helen McCrory in The Woman in Black: Angel of Death, 2014. Foto: Alliance Fims / Allstar

Un altro incendio è stato appiccato nel 2003 quando ha incontrato Damian Lewis alle prove per l’eccentrica poesia di Joanna Lorenz The Five Gold Rings (Family Christmas Meeting for Skeletons in Lockers and the Pact of Adultery) di nuovo in Almeida, diretto da Michael Attenborough. Fuori dal palco, sono diventati una coppia affascinante e potente; L’unico film che hanno condiviso è stato accreditato con Bill (2015) di Richard Bracewell, e Lewis era una delle celebrità marine più misteriose, Sir Richard Hawkins, McCrory una scabrosa regina Elisabetta I.

Ha partecipato a un altro film Tory MP nel secondo film di Mendes, Skyfall (2012), ed è apparsa nel film horror di guerra di Tom Hooper che include un gruppo di bambini che vengono evacuati in una casa infestata, The Woman in Black: Angel of Death (2014 ). Il suo film più recente è stato lo straordinario Loving Vincent (2017), “il primo lungometraggio di finzione completamente grafico” sull’artista Van Gogh e le circostanze della sua morte. Uno dei suoi ultimi ruoli televisivi è stato quello di severa consigliera della difesa, Sonia Woodley QC, nel concorso James Graham (2020), in “The Cough Master” in Who Wants To Be A Millionaire; Ha doppiato Stelmaria nel suo film della BBC Dark Materials (2019-20).

McCrory ha sposato Lewis nel 2007. Entrambi sono stati sponsor attivi dell’associazione di beneficenza Scene & Heard, che ha attori professionisti che si offrono volontari per lavorare su sceneggiature scritte da bambini nelle scuole del nord di Londra. Hanno anche raccolto più di 1 milione di sterline per un ente di beneficenza che organizza cibo per i dipendenti del NHS durante la pandemia. McCrory OBE nominato nel 2017.

Louis ei loro figli, Manon e Gulliver, sopravvissero. Dai suoi genitori, sua sorella Catherine e suo fratello John.

Helen Elizabeth McCrory, attrice, nata il 17 agosto 1968; È morto il 16 aprile 2021

READ  Roma Street è ora aperta nel centro di Texarkana