TRVPPINAPLES

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Necrologio di Grange Calvely | TV per bambini

Grange Calvely, morto di ictus all’età di 78 anni, era l’autore e scrittore di Roobarb, la popolare serie di cartoni animati visivamente rivoluzionaria trasmessa dalla televisione britannica nei primi anni ’70, durante l’età d’oro dell’animazione per bambini. La sua ispirazione è arrivata quando lui e sua moglie, Haney, si sono trasferiti in una nuova casa nell’Hertfordshire e hanno comprato un Border Collie gallese. “Siamo venuti a vivere in questa bella casa, con il suo grande giardino e tetto, e il vecchio albero Conquer”, ricorda. “Oh, e il rabarbaro che cresceva sotto un vecchio secchio arrugginito. Quella fu la volta in cui il nostro amico gallese a quattro zampe si trasferì e la prima cosa che fece fu innaffiare il rabarbaro. Da quel momento in poi, lo chiamammo rabarbaro.”

Calvely ha iniziato a disegnare schizzi delle avventure di un cane e ha continuato a bussare alla porta della BBC, chiedendole di adottare la sua idea, che prevedeva anche un gatto di nome crema pasticcera, basato su un animale domestico dei suoi vicini. Play School per bambini in età prescolare considerava le sue storie troppo brevi per un periodo di 15 minuti, ma Calveley ha perseverato e alla fine è riuscito a vendere la sua idea quando è stato il regista australiano Bob Godfrey, che aveva già realizzato una serie animata con i Beatles e cortometraggi emozionanti come Kama Sutra Rides Again – Suggerito di produrre un campione in bianco e nero di 30 secondi.

Grange Calvely, a sinistra, creatore di rabarbaro, è in studio a registrare le colonne sonore di rabarbaro e crema pasticcera con Richard Briers, al centro, e Jason Tamanagi.
Grange Calvely, a sinistra, creatore di rabarbaro, è in studio a registrare le colonne sonore di rabarbaro e crema pasticcera con Richard Briers, al centro, e Jason Tamanagi. Foto: Shawn Smith/The Guardian

Il risultato, che hanno ottenuto con un altro animatore australiano, Peter Green, che alla fine è diventato la base per la sequenza dei titoli, ha impressionato la direttrice dei programmi per bambini della BBC, Monica Sims, a cui è stato commissionato il pilota. cinque minuti di storia Quando il rabarbaro ha fatto lo Spike, con il cane che ricrea il becco di un uccello per estrarre i vermi dal giardino, è stato accolto con entusiasmo quando è stato mostrato nel 1973 ai festival cinematografici in Francia e in Italia, e come uno dei migliori cortometraggi dell’anno al National Film Theatre , Londra.

La serie di 30 episodi è stata presentata in anteprima l’anno successivo, scritta da Calveley, che ha anche fornito 30 disegni principali per ogni episodio, inclusi gli animatori, mentre Godfrey e Green hanno dato vita alle storie.

Roobarb è stato venduto in più di 40 paesi ed è stata la prima serie televisiva animata britannica ad essere interamente disegnata e colorata con pennarelli. La sua sensazione distinta e traballante derivava dal non avere un budget per le tradizionali tecniche di celluloide e di disegno, e invece ha usato carta bianca e pennarelli in feltro che Calvilly ha portato dall’ufficio dell’agenzia di pubblicità dove lavorava. Ciò si traduce in linee sfocate e colori irregolari e a strisce. L’effetto complessivo è esaltato dalla musica vivace di Johnny Hawksworth e dalla narrazione distintiva di Richard Briers. Ha ritratto il verde Calphilly Rabarbaro, un cane assetato di avventura, come un po’ pomposo, lasciato cadere dal gatto rosa, la crema pasticcera.

Insieme, Calveley e Godfrey hanno presentato 30 episodi di Noah e Nelly in… SkylArk (1976), storie vagamente basate sull’Arca di Noè con la narrazione di Briers, ma che mostra solo uno di ogni animale – a due teste. Questa volta, gli ambiziosi viaggi in mare, terra e aria del capitano Naughty nei suoi bicipiti sono stati salvati dalle abilità di maglia di sua moglie Nellie quando ha sbagliato.

All’inizio del secolo, più di 20 anni dopo essersi trasferito in Australia, Calvely ha lanciato un sito web che menziona nostalgicamente il rabarbaro. Ciò ha portato a una richiesta di nuovi episodi, che lo ha soddisfatto scrivendo la serie del 2005, Roobarb & Custard Too, trasmessa su Channel 5 in Gran Bretagna. Fedeli all’originale, con sfondi bianchi, un aspetto “traballante” e una narrazione sbarazzina, i 39 episodi hanno introdotto nuovi personaggi animali e sono stati prodotti con l’animazione al computer.

Grange è nato a Hill, nel Cheshire, da Alice (nata Williams) e Sam Calfley, un soldato diventato ufficiale di polizia. Nel 1944, da bambino, suo padre morì in Italia durante la seconda guerra mondiale come capitano del Reggimento del Re.

All’età di quindici anni lasciò la Bradbury Modern High School nel Cheshire, di cui era presidente, per unirsi alla Osborne Peacock, un’agenzia pubblicitaria di Manchester, che il giorno del suo rilascio lo mandò all’università d’arte. Ha poi trascorso un anno con un’agenzia di Stoccolma scrivendo promozioni per aerei da combattimento Saab e prodotti lattiero-caseari e formaggi. Dopo essersi trasferito a Londra, Calvely ha lavorato con Macius Wayne Williams (1966-1973) come scrittore e direttore artistico di campagne nazionali per qualsiasi cosa, da marmellata, marmellata e caffè a giocattoli, frigoriferi, camion e reggiseni.

Nel 1977, Calvely si trasferì a Sydney, dove lavorò per TCN-9 a programmi per bambini come Super Flying Fun Show (fino al 1979), e poi ABC, dove creò una nuova serie animata, Road to Discovery di Captain Cookaburra (1985-1986). ). )), lo ha scritto con Haney, che era il copywriter di Masius Wynne-Williams.

Più di recente, ha scritto e spiegato la serie di libri Adventures of Porridge Oats (2018), con un cane bianco con macchie colorate e disegnando personaggi dei cartoni animati per Sniffe & Likkit per decorare i cani.

Hani (nata Hania Sitkovska), sposata nel 1969, è morta di cancro nel 2011. Calvely lascia i figli Spencer e Piers e il fratello David.

Grange Calvely, scrittore, nato il 6 maggio 1943; È morto il 22 agosto 2021

READ  Less is more: la battaglia dello sport per conquistare nuovi fan