TRVPPINAPLES

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Muore Donald Rumsfeld: muore a 88 anni il capo della difesa di Bush che sovrintendeva alle invasioni di Afghanistan e Iraq

Donald Rumsfeld, l’ex segretario alla Difesa che ha supervisionato l’invasione statunitense dell’Afghanistan e dell’Iraq sotto l’amministrazione del presidente George W. Bush, è morto all’età di 88 anni, ha annunciato mercoledì la sua famiglia.

Il signor Rumsfeld ha servito come Segretario alla Difesa degli Stati Uniti sotto due amministrazioni, diventando la persona più giovane a ricoprire la carica quando è stato nominato nel 1975 durante l’amministrazione del presidente Gerald Ford. Sotto la guida di Ford, ha supervisionato la transizione degli Stati Uniti da un sistema di coscrizione militare a un sistema di volontari.

I suoi contributi più importanti alla politica estera degli Stati Uniti vennero durante la seconda amministrazione Bush, quando nei giorni successivi agli attacchi terroristici dell’11 settembre, Rumsfeld non solo diresse l’invasione dell’Afghanistan, ma si dice che abbia dato un notevole impulso all’invasione dell’Iraq. anche. Si credeva che ci fosse un collegamento tra gli attentatori dell’11 settembre e il governo di Saddam Hussein, anche se non è stato trovato nulla. Tuttavia, è rimasto uno dei principali sostenitori della cosiddetta “guerra al terrore” dell’amministrazione.

Il presidente George W. Bush ha elogiato ieri il suo “servizio continuato come Segretario della Difesa in tempo di guerra – un dovere che ha intrapreso con forza, abilità e onore”.

George W Bush e Donald Rumsfeld al Pentagono nel 2008

(AFP)

Gli Stati Uniti hanno invaso entrambi i paesi sotto il signor Rumsfeld per il Pentagono, e il signor Rumsfeld ha visto la sua reputazione offuscata quando è diventato il volto degli sforzi dell’amministrazione per dimostrare che l’Iraq aveva scorte di armi e che stava producendo armi di distruzione di massa, nessuna di cui erano affatto. Situato. Era anche noto per aver tenuto una famigerata conferenza stampa nel 2002 in cui il funzionario militare ha fatto riferimento a “il noto” e lo “sconosciuto” in un discorso che è venuto a delineare gli sforzi subdoli degli Stati Uniti in Medio Oriente.

Ha inoltre infangato la sua storia di crimini di guerra commessi da membri del servizio militare americano nella prigione di Abu Ghraib in Iraq, per i quali il signor Rumsfeld ha pubblicamente assunto la responsabilità come capo del Dipartimento della Difesa.

Ha detto all’epoca: “Questi eventi sono avvenuti durante il periodo del ministro della Difesa, e io sono responsabile per loro”.

Lo scandalo e la sua supervisione sulla detenzione negli Stati Uniti di sospetti combattenti nemici, molti dei quali sono stati sottoposti a tecniche di “interrogatorio avanzato” comunemente note come tortura, hanno portato i gruppi per i diritti umani negli Stati Uniti e all’estero, tra cui l’American Civil Liberties Union, a chiedere accuse, anche se la corte ha stabilito nel 2007 che non poteva essere ritenuto responsabile.

Nei suoi ultimi anni dopo le dimissioni dal governo nel 2006, il signor Rumsfeld ha scritto le sue memorie, Conosciuto e sconosciuto: un ricordo, Donato dal ricavato ai gruppi di veterani. Ha anche fondato la Rumsfeld Foundation, un’organizzazione senza scopo di lucro che incoraggia i giovani americani a entrare nel servizio pubblico.

READ  Gli inglesi hanno criticato la vaccinazione obbligatoria di Macron, chiedendo "il tuo corpo, la tua scelta!" | Regno Unito | notizia