TRVPPINAPLES

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’ultimo coronavirus: le economie dell’Asia-Pacifico mostrano resilienza nonostante l’epidemia, afferma Deutsche Bank

Il rapporto di Deutsche Bank pubblicato lunedì afferma che è probabile che le economie della regione Asia-Pacifico si dimostreranno resistenti alla continua epidemia di Covid-19, a causa delle chiusure limitate e dell’aumento della domanda di esportazioni dagli Stati Uniti e dall’UE.

Sebbene molti paesi della regione stiano assistendo a infezioni giornaliere relativamente elevate di Covid-19 e i tassi di vaccinazione rimangano generalmente bassi rispetto ai mercati sviluppati, la banca ha notato che le loro economie rimangono meno colpite rispetto allo scorso anno.

“Molte delle attuali misure di chiusura sono mirate e molto localizzate”, hanno affermato i ricercatori di Deutsche Bank guidati da Jason Liu, capo del principale ufficio di investimento della banca nella regione dell’Asia Pacifico.

“La maggior parte dei paesi emergenti asiatici è orientata all’esportazione e quindi pronta a beneficiare di un’ulteriore ripresa della domanda esterna”, hanno aggiunto.

Il team di Deutsche Bank ha affermato che la previsione del PIL cinese è rimasta all’8,7% per quest’anno e al 5,5 percento nel 2022. “Riteniamo che l’economia cinese continuerà a essere supportata dalla crescita delle esportazioni e dal miglioramento dei consumi”.

La crescita del PIL cinese ha raggiunto il 12,7% su base annua nella prima metà dell’anno.

“Abbiamo assistito a una ripresa mista in diversi settori dell’economia”, ha scritto la banca. “Recentemente la crescita dei consumi è stata inferiore alle aspettative. Alcune città cinesi hanno registrato alcuni focolai a giugno, che hanno influito sui consumi nel mese”.

I musulmani seguono le misure di allontanamento sociale mentre pregano in una moschea a Putrajaya, in Malesia
I musulmani seguono le misure di allontanamento sociale mentre pregano in una moschea a Putrajaya, in Malesia © Lim Huey Teng / Reuters

Deutsche Bank ha indicato che l’India si sta riprendendo dalla seconda grave ondata di Covid-19.

I nuovi casi giornalieri sono scesi sotto i 40.000, un minimo di tre mesi da un massimo di 10 volte il numero del mese scorso. La banca ha osservato che “le ultime chiusure sono state più brevi, localizzate e meno stringenti”.

READ  Previsione dell'ondata di caldo: l'aria del deserto africano infernale 50C cuocerà l'Europa in uno strano evento per una settimana | tempo | Notizia

Ma mentre il ritmo della vaccinazione è aumentato di recente, solo il 10% circa della popolazione idonea in India è stato completamente vaccinato finora.

Per il sud-est asiatico, Liu e il suo team hanno affermato che la chiave per la ripresa economica saranno i tassi di vaccinazione. Solo Singapore è riuscita a vaccinare la sua popolazione a un ritmo paragonabile a quello dei paesi in via di sviluppo.

Indonesia e Malesia hanno vaccinato circa il 13% e il 24% con almeno una dose.

Deutsche Bank ha affermato che la regione non può più fare affidamento sulle esportazioni di dispositivi di protezione individuale. “La domanda di dispositivi di protezione individuale sarà meno pronunciata man mano che le economie a livello globale torneranno lentamente alla normalità”.

Tuttavia, ci sarà una continua domanda di “elettronica, apparecchiature software e semiconduttori, poiché i consumatori americani ed europei in particolare inizieranno a spendere i loro risparmi accumulati”, ha affermato Deutsche Bank.