TRVPPINAPLES

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Less is more: la battaglia dello sport per conquistare nuovi fan

Aggiornamenti sportivi

Lo sport va contro la tradizione perché cerca di modernizzarsi per attirare un pubblico più giovane e diversificato.

Nelle ultime settimane, con lo skateboard, il surf e l’arrampicata in competizione per la prima volta alle Olimpiadi, le gare di Formula 1 hanno tenuto il loro primo evento Sprint e le donne hanno aperto la nuova competizione inglese di cricket in forma corta.

Gli eventi di formato più breve seguono esperienze recenti simili nel tennis, nella vela e nel basket e arrivano mentre lo sport cerca di attirare nuovi fan e aumentare le entrate che sono state colpite dalla pandemia.

Ma i regolatori insistono sul fatto che non sono soddisfatti. “Non puoi tagliare corto e aspettarti che le persone se ne occupino”, ha detto Sanjay Patel, 38 anni, amministratore delegato di Hundred. “Fin dall’inizio, ci siamo assicurati che tutto ciò che facciamo fosse appropriato per un pubblico più giovane”.

The Hundred è pensato per soddisfare le esigenze dei giovani tifosi. Con ogni round che dura solo 100 palline, le partite durano ore anziché giorni e le regole dovrebbero essere più facilmente digeribili.

L’England and Wales Cricket Board, l’organo di governo nazionale dello sport, sta spendendo 180 milioni di sterline per la competizione in quanto mira a emulare il successo della Premier League indiana, che gioca in un breve formato “Twenty20” partite di 120 palline.

IPL è cresciuto fino a diventare un gigante dell’intrattenimento da 7 miliardi di dollari dal suo lancio nel 2008, attirando i più grandi giocatori del mondo e concludendo accordi multimiliardari sui diritti dei media.

READ  Netflix acquisisce i diritti di The Lost Daughter di Maggie Gyllenhaal

La Banca centrale europea è scesa a una perdita ante imposte di £ 16 milioni nell’anno fino al 31 gennaio, in calo rispetto a un profitto di £ 6,5 milioni nel 2020, mentre il cricket nel suo insieme in Inghilterra ha perso entrate di $ 100 milioni. pandemia. The Hundred, la cui uscita è stata ritardata di un anno, è sulla buona strada per generare entrate comprese tra £ 49 milioni e £ 52 milioni nel suo primo anno, di cui circa £ 10 milioni da investire nel gioco al netto dei costi.

La Banca centrale europea spera che il suo formato IPL più breve sarà attraente per più spettatori. Ha aggiunto che più di 10,5 milioni di persone ne hanno seguite centinaia in televisione.

L’arresto del coronavirus non solo ha sospeso le competizioni e tenuto i fan lontani dalle partite, ma ha anche accelerato il passaggio allo streaming live e agli eSport. Internet consente ai fan di scegliere e scegliere l’intrattenimento più liberamente, mentre secondo la società di ricerche di mercato Nielsen, i giovani tra i 16 ei 24 anni desiderano contenuti “spuntini” e tendono a rifuggire dal guardare i giochi a figura intera.

La gara di Formula 1 a Silverstone il mese scorso è durata più di 30 minuti invece delle solite due ore di un Gran Premio © Adrian Dennis / AFP via Getty

I controversi sostenitori dell’Europa League hanno notato questi cambiamenti nel comportamento all’inizio di quest’anno. “I giovani non sono più interessati al calcio” ha sostenuto Il presidente del Real Madrid Florentino Perez, le cui proposte includevano partite più brevi, mentre l’amministratore delegato della Juventus Andrea Agnelli ha definito i videogiochi una competizione per la prossima generazione di tifosi.

Il gigante statunitense di Internet Amazon desidera essere in prima linea nel cambiamento nella visione dello sport, poiché acquista i diritti per trasmettere gli sport dalla Premier League inglese al tennis e alla National Football League degli Stati Uniti. La F1, di proprietà della società statunitense Liberty Media, ha avuto colloqui con Amazon e nel 2020 il Gran Premio sarà trasmesso in diretta e gratuitamente su YouTube in alcuni mercati europei.

Oltre ad adattarsi alle tendenze della visualizzazione digitale, lo sport svolge un ruolo nel raggiungere l’uguaglianza.

“A 10 anni ero pazzo di cricket. Sono stato molto fortunato che il mio club di cricket locale fosse molto in forma, ma ero l’unica ragazza lì. ” Ora 34enne, Beth Barrett Wild è la presidente del Hundred Women’s Contest, dove “mettiamo le donne in primo piano”.

Nessuna donna ha gareggiato in un campionato di F1 dall’italiana Lella Lombardi negli anni ’70, ma in questa stagione ospita solo le gare della W Series. La gara del mese scorso al Gran Premio di Gran Bretagna il mese scorso ha attirato un pubblico televisivo medio in diretta di oltre 500.000 nel Regno Unito.

“Senza dubbio, correre a fianco della Formula 1 ha alzato significativamente il nostro profilo, ma penso anche che sia la qualità per il mondo esterno”, ha affermato Catherine Bond-Moyer, CEO di W Series.

Oltre alla competizione femminile, la F1 si è espansa negli eSport. Ha anche convinto team e piloti scettici a prendere parte alla serie Netflix acclamata dalla critica, che si dice abbia conquistato una serie di nuovi fan.

Bollettino settimanale

Scoreboard è il nuovo riassunto settimanale imperdibile del Financial Times del business sportivo, dove troverai la migliore analisi delle questioni finanziarie che interessano club, franchising, proprietari, investitori e gruppi di media in tutto il settore globale. Registrati qui.

Il mese scorso ho provato uno short run di 17 giri, un evento che dura circa 30 minuti contro i soliti 90 minuti a due ore di un Gran Premio. Con l’obiettivo di semplificare e accorciare la concorrenza per raggiungere un pubblico più ampio, ha anche attratto un nuovo partner di sponsorizzazione, Crypto.com, un fornitore di portafogli digitali.

Questa associazione sottolinea come cambiano le priorità. L’ex capo della F1 Bernie Ecclestone ha infamemente insistito per concentrare gli sforzi di marketing sul “70enne che ha guadagnato molti soldi” e ha acquistato orologi da Rolex, il grande sponsor della F1.

Ross Brawn, capo del motorsport della F1, ha messo in guardia dal rimandare i fan attuali, ma riconosce la necessità di adattarsi.

“Non vogliamo alienare nessuno”, ha detto, ma ha sottolineato che mentre la F1 rispetta il suo passato, “non dovrebbe mai tirarsi indietro” a causa della sua storia.