TRVPPINAPLES

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Leader dell’opposizione bielorussa imprigionato nella “purga” di Lukashenko | Bielorussia

Un tribunale bielorusso ha condannato a 11 anni di carcere l’importante leader dell’opposizione Maria Kalisnikava, punendo uno dei più importanti oppositori del leader autoritario del Paese, Alexander Lukashenko.

Kalesinkava, leader del Consiglio di coordinamento dell’opposizione una delle tre donne L’anno scorso, si sono uniti per guidare una rivolta in cui decine di migliaia di bielorussi sono scesi in piazza nelle più grandi proteste nella storia moderna del paese.

Kalisenkova è stata arrestata lo scorso settembre e portata al confine, dove le è stato chiesto di lasciare il Paese. Invece, secondo quanto riferito, ha strappato il suo passaporto, rischiando la prigione piuttosto che andare in esilio.

È stata accusata di cospirazione per prendere il potere, chiedendo azioni per danneggiare la sicurezza nazionale e sostenendo azioni dannose per la sicurezza nazionale utilizzando i media e Internet.

Nella stessa sessione del tribunale, l’avvocato Maxim Zanak, un altro membro della dirigenza del consiglio di opposizione, è stato condannato a 10 anni di carcere per accuse simili. Aveva fatto uno sciopero della fame in attesa del processo per protestare contro le accuse contro di lui.

“Chiediamo l’immediato rilascio di Maria e Maxim, che non sono colpevoli di nulla”, ha scritto Svyatlana Tsykhanoskaya, il leader dell’opposizione che si è candidato alla presidenza contro Lukashenko. Risiede in Lituania e non può tornare nel Paese senza essere arrestata.

Kalisnikova e Znack erano entrambi membri della campagna presidenziale di Victor Paparika, l’ex banchiere che ha sfidato Lukashenko alle elezioni dell’anno scorso e sembrava aver avuto un sostegno significativo prima del suo arresto. È stato condannato a 14 anni di carcere a luglio con l’accusa di corruzione e riciclaggio di denaro.

READ  La battuta di Kamala Harris su un marine malandato si è svegliata durante il discorso di apertura dell'Accademia Navale

Il video clip dell’udienza di lunedì a Minsk mostrava Kalesnikova e Znak in piedi in una gabbia di vetro per gli imputati, nota come “l’acquario”. La Kalisnikova ammanettata sorrideva mentre i giornalisti scattavano foto e mostravano il simbolo del “cuore” nelle sue mani, un simbolo delle proteste anti-Lukashenko dello scorso anno.

“È bello vedervi tutti”, ha detto Znack ai giornalisti mentre le guardie cercavano di impedire loro di parlare dal molo.

Maria e Maxim sono eroi bielorussi. Il regime vuole che li vediamo esausti ed esausti. Ma guarda, stanno sorridendo e ballando. Sanno: li rilasceremo molto prima di questi 11 anni. Le loro condizioni non dovrebbero spaventarci – Maxim e Maria non lo vorranno “, ha scritto Tsykhanoskaya.

Lukashenko ha fatto del suo meglio negli ultimi mesi per punire gli oppositori del suo regime mentre la sua repressione entra nel suo secondo anno. A maggio, il governo è stato costretto ad abbattere un aereo Ryanair che trasportava il giornalista e blogger dissidente Roman Protacevic da Atene a Vilnius. Un corridore bielorusso che aveva criticato la leadership della sua squadra è quasi salito su un aereo da Tokyo a Minsk prima di fare appello alla polizia e alla comunità internazionale per chiedere protezione.

mentre, Centinaia di persone sono state arrestate in Bielorussia, compresi politici dell’opposizione, avvocati, giornalisti e altri membri della società civile. Decine di ONG, comprese quelle che forniscono Medicare e assistenza agli anziani, Chiuso Lukashenko sta anche effettuando quella che chiama una “pulizia” delle organizzazioni sleali.