TRVPPINAPLES

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Le regole sul disavanzo invariate approfondiranno il divario nord-sud – Politica

La disparità economica tra nord e sud Europa potrebbe aggravarsi se l’Unione europea non riforma le regole della spesa pubblica, ha detto mercoledì il commissario economico Paolo Gentiloni al vertice sulla competitività dell’Europa a Politico.

“La Grande Crisi Finanziaria [of 2008] Aumentare le reali differenze tra gli Stati membri europei”, ha detto il commissario italiano. “Si può anche discutere sui rischi [of divergence] Più forte se non si apre il dibattito sulle regole”.

L’avvertimento di Gentiloni arriva mentre la Commissione europea si prepara a riavviare le sue consultazioni sulle regole del deficit UE dopo l’estate. L’anno scorso, Bruxelles ha sospeso le regole, che fissano il deficit di bilancio al 3% della produzione economica e cercano di ridurre il debito pubblico del 60%, in modo che i paesi possano combattere la pandemia di coronavirus. Il piano è di reintrodurlo all’inizio del 2023.

I paesi del sud, come Francia, Italia e Spagna, chiedono riforme che consentano investimenti pubblici più favorevoli alla crescita e rappresentino gli elevati livelli di debito dei paesi. Nel frattempo, Austria, Germania e Paesi Bassi hanno affermato che qualsiasi riforma deve garantire una forte disciplina fiscale in risposta alle richieste del sud.

Gentiloni ha ben chiaro in mente come dovrebbero essere le regole.

“Regole di bilancio comuni e forti devono tenere conto di due problemi: in primo luogo, la realtà della nostra diversa posizione fiscale nelle finanze pubbliche e, in secondo luogo, la necessità di sostenere la crescita e la crescita sostenibile”, ha affermato.

Lo stallo politico potrebbe significare nessun accordo sulle riforme fiscali prima del 2023, quando verranno reintrodotte, uno scenario che secondo l’autorità di vigilanza finanziaria dell’UE minerebbe le promesse del blocco di tenere sotto controllo il debito.

READ  FMI e Argentina citano progressi nei colloqui sul debito da 45 miliardi di dollari