TRVPPINAPLES

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Le borse europee puntano a livelli record mentre continua il rally estivo

La Commissione Europea, in base alle regole sugli aiuti di Stato dell’UE, ha approvato uno schema italiano da 800 milioni di euro per risarcire aeroporti e operatori di assistenza a terra per i danni causati dall’epidemia di coronavirus e le restrizioni di viaggio che l’Italia e altri Paesi hanno dovuto attuare per limitare la diffusione del virus .

Il vicepresidente esecutivo Margrethe Vestager responsabile della politica della concorrenza ha dichiarato: “Gli aeroporti sono tra le aziende più colpite dall’epidemia di coronavirus. Questo schema da 800 milioni di euro consentirà all’Italia di risarcire i danni che hanno subito a causa delle restrizioni ai viaggi. che l’Italia e altri Paesi hanno avuto. Continuiamo a lavorare in stretta collaborazione con gli Stati membri per trovare soluzioni pratiche per mitigare l’impatto economico dell’epidemia di coronavirus, in linea con le regole dell’UE”.

Grafico italiano

annuncio pubblicitario

L’Italia ha notificato alla commissione una procedura di aiuto per risarcire gli aeroporti e gli operatori di assistenza a terra per i danni subiti tra il 1 marzo e il 14 luglio 2020 a causa dell’epidemia di coronavirus e delle restrizioni di viaggio in vigore.

Nell’ambito del programma, l’assistenza assumerà la forma di sovvenzioni dirette. La procedura sarà aperta a tutti gli aeroporti e gli operatori di assistenza a terra in possesso di regolare certificato di esercizio rilasciato da ENAC.

Il meccanismo di recupero garantirà che ogni sostegno pubblico ricevuto dai beneficiari oltre al danno effettivamente subito dovrà essere restituito allo Stato italiano.

annuncio pubblicitario

Il Comitato ha valutato la misura sotto Articolo 107, paragrafo 2, lettera b) Dal Trattato sull’azione dell’Unione europea (TFUE), che consente alla Commissione di approvare le misure di aiuto del governo concesse dagli Stati membri per risarcire alcune aziende o determinati settori per i danni causati direttamente da eventi eccezionali, come l’epidemia di coronavirus.

READ  Lo studio dice: Coca-Cola è il marchio più popolare sulle spiagge del Regno Unito Coca-Cola

La Commissione considera l’epidemia di coronavirus un evento eccezionale, poiché è un evento insolito e imprevisto con un impatto economico significativo. Di conseguenza, sono giustificati interventi straordinari da parte degli Stati membri per risarcire i danni associati all’epidemia.

La Commissione ha ritenuto che l’azione italiana risarcisse i danni direttamente connessi all’epidemia di Coronavirus e che fosse proporzionata, in quanto il risarcimento non supererebbe quanto necessario per riparare il danno, in linea con l’articolo 107, paragrafo 2, lettera b). . ) TFUE.

Su questa base, la Commissione ha approvato la procedura ai sensi delle norme UE sugli aiuti di Stato.

sfondo

Il sostegno finanziario dell’Unione europea o dei fondi nazionali concessi ai servizi sanitari o ad altri servizi pubblici per affrontare la situazione del coronavirus è al di fuori del controllo degli aiuti di Stato. Lo stesso vale per qualsiasi sostegno finanziario pubblico fornito direttamente ai cittadini. Allo stesso modo, le misure di sostegno pubblico a disposizione di tutte le imprese come i sussidi salariali, la sospensione del pagamento dell’imposta sulle società e il valore aggiunto o i contributi sociali non sono soggette al controllo sugli aiuti di Stato e non richiedono l’approvazione della Commissione ai sensi delle norme UE sugli aiuti di Stato. In tutti questi casi, gli Stati membri possono agire immediatamente.

Laddove sono applicabili le norme sugli aiuti pubblici, gli Stati membri possono elaborare misure di aiuto adeguate per sostenere aziende o settori specifici che subiscono le conseguenze dell’epidemia di coronavirus in linea con l’attuale quadro di aiuti dell’UE.

Il 13 marzo 2020, l’autorità ha adottato un Comunicare su una risposta economica coordinata all’epidemia di COVID-19 Determina queste possibilità.

READ  Azienda italiana acquista l'ex stabilimento Castelli | Notizie, sport, lavoro

A tal proposito, ad esempio:

  • Gli Stati membri possono risarcire determinate aziende o settori specifici (sotto forma di regimi) per i danni loro causati da eventi eccezionali e direttamente causati, come quelli causati dall’epidemia di Corona virus. Ciò è previsto dall’articolo 107, paragrafo 2, lettera b), TFUE.
  • Le norme sugli aiuti di Stato basate sull’articolo 107, paragrafo 3, lettera c), TFUE consentono agli Stati membri di aiutare le imprese a far fronte alle carenze di liquidità che necessitano urgenti aiuti per il salvataggio.
  • Ciò può essere integrato da una serie di misure aggiuntive, ad esempio nell’ambito del regolamento minimo e del regolamento di esenzione generale, che possono essere attuate anche dagli Stati membri in loco, senza la partecipazione della Commissione.

In caso di situazioni economiche particolarmente gravi, come quelle attualmente affrontate da tutti gli Stati membri a causa dello scoppio del virus Corona, le norme sugli aiuti di Stato dell’UE consentono agli Stati membri di concedere sostegno per affrontare una grave interruzione della loro economia. Ciò è sancito dall’articolo 107, paragrafo 3, lettera b), TFUE del trattato sui lavori dell’Unione europea.

Il 19 marzo 2020 il Comitato ha adottato un Quadro temporaneo per l’assistenza governativa Sulla base dell’articolo 107, paragrafo 3, lettera b), del TFUE per consentire agli Stati membri di utilizzare la piena flessibilità prevista dalle norme sugli aiuti di Stato per sostenere l’economia nel contesto dell’epidemia di coronavirus. Frame provvisorio come modificato il 3 aprilee 8 maggioe 29 giugnoe 13 ottobre 2020 e 28 gennaio 2021, prevede le seguenti tipologie di aiuti, che possono essere concessi dagli Stati membri: (i) sovvenzioni dirette, apporti di capitale, agevolazioni fiscali selettive e acconti; (ii) garanzie statali per prestiti contratti da imprese; (3) prestiti agevolati generali alle imprese, compresi i prestiti subordinati; (4) garanzie per le banche che indirizzano gli aiuti di Stato all’economia reale; (v) assicurazione generale del credito all’esportazione a breve termine; (6) sostenere la ricerca e lo sviluppo relativi al coronavirus (ricerca e sviluppo); (vii) sostenere la costruzione e l’ampliamento delle strutture di prova; (8) sostenere la produzione di prodotti relativi alla risposta allo scoppio del Coronavirus; (ix) supporto diretto sotto forma di differimento del pagamento delle imposte e/o sospensione dei contributi previdenziali; (x) Sostegno mirato sotto forma di integrazioni salariali ai dipendenti; (11) supporto diretto sotto forma di azioni e/o strumenti di capitale misto; (12) Sostegno ai costi fissi scoperti per le imprese che devono far fronte a un fatturato ridotto nel contesto dell’epidemia di coronavirus.

READ  Le vendite di Ferragamo salgono nel secondo trimestre, in ritardo rispetto ai livelli pre-COVID

Il quadro temporaneo sarà in vigore fino alla fine di dicembre 2021. Al fine di garantire la certezza del diritto, la Commissione valuterà prima di tale data se è necessaria una proroga.

La versione non riservata della decisione sarà resa disponibile con il numero di caso SA.63074 all’indirizzo Registro degli aiuti di Stato nel comitato concorrenza sito web una volta risolti eventuali problemi di riservatezza. Nuove pubblicazioni di decisioni sugli aiuti di Stato su Internet e nella Gazzetta ufficiale sono elencate in Notizie settimanali sulla competizione.

Ulteriori informazioni sono disponibili sul quadro provvisorio e su altre azioni intraprese dalla Commissione per affrontare l’impatto economico della pandemia di coronavirus quaggiù.