TRVPPINAPLES

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’astronauta per la prima volta Kaya Barron ha nominato l’ultimo membro dell’equipaggio della NASA SpaceX a volare sulla Stazione Spaziale Internazionale.

La NASA ha ufficialmente nominato l’astronauta Kayla Barron come quarto e ultimo membro della sua imminente missione SpaceX Crew-3 sulla Stazione Spaziale Internazionale (ISS), prevista per il lancio a metà ottobre.

Barron, 33 anni, che ha frequentato la Astronaut Candidate School nel 2017, si unirà al volo con gli altri astronauti della NASA Raja Shari e Tom Marchburne.

I tre astronauti della NASA si recheranno al Floating Space Laboratory insieme a Matthias Maurer dell’Agenzia spaziale europea.

Sia Barron che Maurer agiranno come specialisti di missione, mentre Shari e Mashburn saranno rispettivamente capitano e pilota.

Kayla Barron sarà uno specialista senior della missione SpaceX Crew-3 sulla Stazione Spaziale Internazionale

Scorri verso il basso per visualizzare il video

Barron ha detto in un post su Instagram di essere “onorata ed entusiasta” di entrare a far parte del team, aggiungendo che non poteva “chiedere una squadra migliore o un’avventura più straordinaria”.

Barron è nata a Pocatello, Idaho, ma è considerata Richland, Washington, il suo luogo di nascita.

Prima di diventare astronauta, ha conseguito una laurea in ingegneria dei sistemi presso l’Accademia navale degli Stati Uniti e un master in ingegneria nucleare presso l’Università di Cambridge.

Ha anche conseguito la qualifica di ufficiale di guerra sottomarina ed è stata schierata tre volte nella USS Maine.

Barron, 33 anni, aveva già conseguito un master in ingegneria nucleare presso l'Università di Cambridge

Barron, 33 anni, aveva già conseguito un master in ingegneria nucleare presso l’Università di Cambridge

Questo sarà il primo volo spaziale di Barron, Shari e Maurer, ma sarà il terzo di Marshburn.

La NASA ha dichiarato in un comunicato stampa che Marshburn ha precedentemente servito come membro dell’equipaggio dello space shuttle STS-127 nel 2009 e della Expedition 34/35 a bordo della stazione spaziale, che si è conclusa nel 2013. dichiarazione.

READ  Terza ondata di Covid-19 in corso - scienziato del governo

I quattro astronauti si uniranno all’equipaggio della missione presso il laboratorio orbitante con un lancio mirato già il 23 ottobre per una missione di sei mesi.

Shari, Marshburn e Maurer erano stati precedentemente assegnati alla missione nel dicembre 2020.

Chari andrà nello spazio per la prima volta l’anno prossimo, solo tre anni dopo essere diventato astronauta alla NASA.

È nato a Milwaukee, ma è considerato Cedar Falls, Iowa, il suo luogo di nascita.

La NASA Raja Shari (nella foto) guiderà la missione di sei mesi.  In precedenza è stato colonnello dell'aeronautica militare degli Stati Uniti

La NASA Raja Shari (nella foto) guiderà la missione di sei mesi. In precedenza è stato colonnello dell’aeronautica militare degli Stati Uniti

Prima di diventare un astronauta, Shari ha prestato servizio nell’aeronautica degli Stati Uniti come colonnello e ha completato più di 2.500 ore di luce durante la sua carriera.

Il presidente è stato anche scelto per essere un membro del team di Artemis e potrebbe salire sulla luna nel 2024.

Marshburn è nato a Statesville, nella Carolina del Nord ed è diventato astronauta con la NASA nel 2004.

Prima di entrare nell’Agenzia Spaziale degli Stati Uniti, tuttavia, Marshburn ha lavorato come chirurgo di volo presso il Johnson Space Center della NASA a Houston.

Marchburn è nato a Statesville, nella Carolina del Nord, ed è diventato un astronauta alla NASA nel 2004. Ma prima di entrare nell'Agenzia spaziale degli Stati Uniti, Marshburn ha lavorato come chirurgo aeronautico presso il Johnson Space Center della NASA a Houston

Marchburn è nato a Statesville, nella Carolina del Nord, ed è diventato un astronauta alla NASA nel 2004. Ma prima di entrare nell’Agenzia spaziale degli Stati Uniti, Marshburn ha lavorato come chirurgo aeronautico presso il Johnson Space Center della NASA a Houston

Era anche il comandante delle operazioni mediche per la Stazione Spaziale Internazionale, rendendo la missione 2021 la sua terza visita alla stazione e la sua seconda missione a lungo termine.

READ  Matt Hancock ha annunciato una nuova sperimentazione di vaccini di richiamo per combattere l'ondata invernale

Marchburne ha precedentemente prestato servizio come membro dell’equipaggio dell’STS-127 nel 2009 e della Expedition 34/35, che si è conclusa nel 2013.

Anche l’astronauta dell’ESA Mawer di Sankt Wendel, nello stato tedesco del Saarland, viaggerà nello spazio per la prima volta con la missione Crew-3.

Prima di lavorare come astronauta, Maurer ha ricoperto diversi ruoli di ingegneria e ricerca, in un ambiente universitario o presso l’Agenzia spaziale europea.

Anche l'astronauta dell'ESA Mawer di Sankt Wendel, nello stato tedesco del Saarland, viaggerà nello spazio per la prima volta con la missione Crew-3.  Prima di lavorare come astronauta, Maurer ha ricoperto numerosi ruoli di ingegneria e ricerca, in un ambiente universitario o con l'Agenzia spaziale europea.

Anche l’astronauta dell’ESA Mawer di Sankt Wendel, nello stato tedesco del Saarland, viaggerà nello spazio per la prima volta con la missione Crew-3. Prima di lavorare come astronauta, Maurer ha ricoperto numerosi ruoli di ingegneria e ricerca, in un ambiente universitario o con l’Agenzia spaziale europea.

SpaceX Crew-3 segue due precedenti missioni di successo sulla Stazione Spaziale Internazionale, la più importante delle quali è il Demo-2 che ha aperto la strada ai loro predecessori.  L'astronauta della NASA Bob Behnken (a destra) e Doug Hurley (a sinistra) sono decollati dal Kennedy Space il 30 maggio.

SpaceX Crew-3 segue due precedenti missioni di successo sulla Stazione Spaziale Internazionale, la più importante delle quali è il Demo-2 che ha aperto la strada ai loro predecessori. L’astronauta della NASA Bob Behnken (a destra) e Doug Hurley (a sinistra) sono decollati dal Kennedy Space il 30 maggio.

Nel 2016, Maurer ha trascorso 16 giorni in una missione sottomarina nell’ambito delle operazioni della missione Extreme Environment della NASA, o NEEMO, spazio analogico.

SpaceX Crew-3 segue due precedenti missioni di successo sulla Stazione Spaziale Internazionale, la più importante delle quali è il Demo-2 che ha aperto la strada ai loro predecessori.

L’astronauta della NASA Bob Behnken e Doug Hurley sono decollati dal Kennedy Space il 30 maggio 2020, la prima volta in quasi un decennio che un razzo americano per la Stazione Spaziale Internazionale era stato lanciato dal suolo statunitense.

L’obiettivo del programma per l’equipaggio commerciale della NASA è fornire un accesso sicuro, affidabile ed economico all’equipaggio alla stazione spaziale e all’orbita terrestre bassa in collaborazione con l’industria aerospaziale statunitense.

READ  Ultimi tassi di infezione da coronavirus nella Greater Manchester, regione per città

La NASA e SpaceX hanno un contratto per eseguire un totale di sei missioni dell’equipaggio sulla Stazione Spaziale Internazionale utilizzando il razzo Falcon 9 di SpaceX e la capsula Crew Dragon.

Spiegato: La Stazione Spaziale Internazionale da 100 miliardi di dollari si trova a 250 miglia sopra la Terra

La Stazione Spaziale Internazionale (ISS) è un laboratorio di scienza e ingegneria da 100 miliardi di dollari (80 miliardi di sterline) in orbita a 400 chilometri sopra la Terra.

È stato permanentemente equipaggiato con equipaggi rotanti di astronauti e astronauti dal novembre 2000.

La ricerca condotta a bordo della Stazione Spaziale Internazionale richiede spesso una o più delle condizioni insolite che si trovano nell’orbita terrestre bassa, come la bassa gravità o l’ossigeno.

Gli studi della Stazione Spaziale Internazionale hanno studiato la ricerca umana, la medicina spaziale, le scienze della vita, le scienze fisiche, l’astronomia e la meteorologia.

La NASA spende circa 3 miliardi di dollari (2,4 miliardi di sterline) all’anno per il programma della stazione spaziale, il livello di finanziamento approvato dall’amministrazione Trump e dal Congresso.

Un comitato della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti che sovrintende alla NASA ha iniziato a valutare se estendere il programma oltre il 2024.

In alternativa, il denaro potrebbe essere utilizzato per accelerare le iniziative spaziali umane pianificate per la Luna e Marte.