TRVPPINAPLES

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La vendita di obbligazioni nell’Eurozona si è interrotta mentre la Fed ha minimizzato la retorica

* Rendimenti dei titoli di Stato nella periferia della zona euro tmsnrt.rs/2ii2Bqr

LONDRA (Reuters) – Giovedì i rendimenti dei titoli di Stato dell’Eurozona sono scesi al di sotto dei massimi di due mesi dopo che i politici statunitensi hanno suggerito che i rubinetti di stimolo continueranno a fluire per ora anche di fronte a un’economia in crescita e all’inflazione in aumento.

La possibilità di “limitare” gli acquisti di obbligazioni dalla banca centrale più potente del mondo ha portato a un forte sell-off dei principali titoli di Stato del mondo – inclusa la zona euro – nelle ultime settimane, soprattutto mercoledì.

Ma gli investitori hanno ricevuto alcune rassicurazioni dal presidente della Fed Jerome Powell dopo aver concluso una riunione dei responsabili dei tassi di interesse mercoledì che la Federal Reserve statunitense non avrebbe abbassato il suo sostegno alla ripresa economica degli Stati Uniti.

Gli analisti di Mizuho hanno affermato in una nota: “Powell ha mantenuto una nota profondamente pessimista nonostante la visione migliorata per l’economia, la ripetizione della natura temporanea dell’inflazione imminente, il focus sui progressi nel mercato del lavoro e ha respinto qualsiasi segno di diminuzione”. .

Giovedì i rendimenti obbligazionari di alta qualità della zona euro sono aumentati, ma mercoledì erano ancora al di sotto dei massimi. Il rendimento delle obbligazioni tedesche a 10 anni, il benchmark per il blocco, è aumentato di mezzo punto base a -0,228%, dopo essere salito a -0,203% nella sessione precedente.

Mizuho ritiene che questo rendimento obbligazionario record potrebbe essere spinto al ribasso a -0,15% nel secondo trimestre.

Dati che saltano

Lo spread obbligazionario italo-tedesco a 10 anni osservato da vicino si è ridotto a 105 punti base, entro il massimo di questa settimana di 108,2 punti base.

READ  Il Primo Ministro Justin Trudeau incontra il Primo Ministro italiano Mario Draghi

L’Italia è vista come uno dei maggiori beneficiari della generosità delle banche centrali, a causa dei suoi alti livelli di indebitamento e del rating relativamente basso. Sebbene i titoli di Stato abbiano tratto grandi benefici dalla stretta integrazione nell’Unione europea, rimangono sensibili alla stretta monetaria.

I dati sull’inflazione dovrebbero essere rilasciati da un certo numero di paesi della zona euro questa settimana e potrebbero aggiungere pressioni al rialzo sugli utili se i numeri si dimostrassero superiori alle attese.

I dati sull’inflazione tedesca per aprile sono attesi alle 1200 GMT di giovedì, preceduti da dati simili da un certo numero di stati tedeschi che potrebbero avere un impatto sui guadagni.

Un sondaggio Reuters ha indicato che i prezzi al consumo sarebbero aumentati del 2% rispetto all’anno precedente nella più grande economia europea. Gli analisti hanno detto che è probabile che una sorpresa rialzista spinga i rendimenti al rialzo.

Anche altri paesi dovrebbero pubblicare i dati sull’inflazione, mentre venerdì è previsto un dato completo per l’Eurozona. (Preparato da Abinav Ramnarayan Edito da Gareth Jones)