TRVPPINAPLES

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La Turchia è stata colpita dalla più grande diffusione di “liquido marino” di sempre, con il muco che si è scontrato con la costa del Mar di Marmara | notizie dal mondo

Uno spesso strato di “muco marino” ritenuto il più grande mai colpito dalla costa turca, mettendo in pericolo la vita marina e il commercio della pesca.

La gomma marina è uno strato appiccicoso di fango grigio che si forma quando le alghe vengono sopraffatte dai nutrienti a causa del caldo e dell’inquinamento dell’acqua.

È stato trovato per la prima volta in tacchino Nel 2007 però è stato scoperto anche nel vicino Mar Egeo Grecia.

Si ritiene che il recente focolaio in Turchia lungo la costa del Mar di Marmara sia il più grande della storia e stia causando il caos nelle comunità locali.

immagine:
Le foto subacquee mostrano come si forma il “muco”

Gli studi dimostrano che la melma si estende fino a 30 metri di profondità, minacciando di avvelenare cozze, granchi e altri crostacei.

Gli esperti accusano l’inquinamento dei rifiuti domestici, del vicino Mar Nero e del Danubio, nonché delle temperature dell’acqua più alte del normale dovute ai cambiamenti climatici.

Il regista locale Tahsin Gilan sta realizzando un documentario sul muco marino.

Ascolta e segui su ClimateCast spotifyE il Podcast di mele, o Altoparlante

“La difficile situazione del Mar di Marmara è il risultato di ciò che gli umani hanno fatto. Questo è il risultato dei rifiuti domestici e dell’inquinamento”, ha detto.

“L’unica cosa da fare è non gettare la spazzatura in mare. Penso che la natura non se lo meriti.”

I traghetti e le altre imbarcazioni che viaggiano lungo il Mar di Marmara, che corre tra il Bosforo e l’Egeo, devono navigare nei fanghi grigi.

Il & # 39;  moccio & # 39;  Colpisce il Mar di Marmara in Turchia
immagine:
Il muco inonda il porto meridionale di Istanbul

La costa, a sud di Istanbul, è densamente popolata e ospita molti siti industriali anch’essi danneggiati.

READ  Ultimo Coronavirus: Osaka e Tokyo chiedono decisioni sullo stato di emergenza aumentando il carburante variabile

Il ministro dell’Ambiente turco Murat Kurum ha riconosciuto il problema e ha inviato una squadra di 300 persone per valutare i danni.

Ma i leader dell’opposizione sostengono Presidente Recep Erdogan Non prendere la questione abbastanza sul serio e spingerlo ad accettare di Accordo di Parigi sul clima per facilitare i cambiamenti.