TRVPPINAPLES

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La piena tempesta economica della Siria non dovrebbe essere ignorata

Fadi Hassan è ricercatore associato presso il Centre for Economic Performance della London School of Economics e Andrea Presbytero è professore associato di economia presso la Johns Hopkins University. In questo guest post sostengono la necessità di riconsiderare le sanzioni economiche imposte alla Siria dopo un anno traumatico che ha messo più pressione sul Paese devastato dalla guerra.

Sono passati dieci anni dall’inizio della guerra in Siria. I suoi rifugiati hanno fatto notizia a livello internazionale, ma come stanno quelli che sono rimasti in Siria? Non va bene, e nell’ultimo anno è peggiorato molto. secondo Programma alimentare mondialePiù di 12 milioni di siriani – il 60 per cento della popolazione – hanno un’insicurezza alimentare. Di fronte alle crescenti difficoltà, la stragrande maggioranza delle famiglie siriane sta lottando per mangiare e persino fare a meno dei beni di prima necessità per far fronte al loro potere d’acquisto in diminuzione.

Prendiamo questo esempio: in Siria un chilo di manzo costa circa un quarto dello stipendio medio mensile di un dipendente pubblico. In prospettiva, in Italia questo si traduce in 700 euro al chilogrammo. nel Regno Unito? 300 sterline per libbra. La maggior parte delle necessità come riso, zucchero o carburante di fatto Legalizzato: lo stato siriano garantisce l’accesso a una quantità minima a un prezzo controllato. Attualmente, un individuo riceve un chilogrammo di riso al mese e 25 litri di carburante per auto a settimana. Quantità maggiori possono essere acquistate sul mercato duty free, ma per la maggior parte delle persone questo è insostenibile.

Per cominciare, una combinazione di tre shock negativi ha sconvolto l’economia anche più di quanto chiunque si aspettasse nell’ultimo anno. Tali shock sarebbero un disastro per qualsiasi paese e la Siria è una tempesta perfetta.

READ  L'attivista Minnow sta combattendo una battaglia con il gigante della difesa Leonardo

Il Legge di Cesare inoltrare. Con l’approvazione dell’amministrazione Trump nel dicembre 2019, e con il sostegno dell’Unione Europea, il suo effetto immediato è stato un forte deprezzamento della lira siriana, che ha perso quasi il 70% del suo valore nei confronti del dollaro nei mesi successivi. Ciò ha creato una spirale inflazionistica che ha influito sui prezzi degli alimenti, più che triplicati nel 2020.

© Note: Il grafico traccia l’indice dei prezzi alimentari (2018: m 1 = 1). La linea tratteggiata è il prezzo medio mentre l’area ombreggiata è l’intervallo tra le quantità. Il campione comprende 28 prodotti alimentari con almeno 36 osservazioni mensili. La linea nera continua è il tasso di cambio del mercato nero. Dati: Programma alimentare mondiale.

In linea di principio, le sanzioni avrebbero dovuto indebolire il regime politico del presidente siriano Bashar al-Assad, ma come Nazioni Unite Ha sottolineato che il suo impatto ha solo esacerbato la crisi umanitaria. In particolare, il Caesar Act impone sanzioni secondarie, il che significa che si applica non solo ai cittadini o alle società statunitensi che svolgono attività economiche in un gran numero di regioni economiche in Siria, ma anche a qualsiasi entità, indipendentemente dalla sua nazionalità. Tali sanzioni colpiscono gravemente l’economia locale soprattutto nei settori edilizio, energetico e finanziario, precludendo ogni possibilità di ricostruzione in questa fase del conflitto meno intenso.

Il secondo shock è stata la crisi finanziaria ed economica in Libano. Il Libano funge da centro per le transazioni finanziarie internazionali siriane e molte famiglie e aziende siriane hanno depositi stimati in miliardi di dollari – almeno $ 20 miliardi, per me Signor Leone. Così, il congelamento dei depositi in Libano ei controlli sui capitali si è tradotto in uno shock di liquidità in Siria insieme al deprezzamento del tasso di cambio. Inoltre, la crisi economica in Libano ha ridotto la domanda di prodotti siriani, il che ha danneggiato le esportazioni. Inoltre, la devastante esplosione nel porto di Beirut nell’agosto 2020 ha distrutto, tra le tante cose, i silos di base utilizzati per contenere materiali sfusi, colpendo l’approvvigionamento di grano in Siria.

Il terzo shock non ha bisogno di presentazioni. Il coronavirus ha messo a dura prova un sistema sanitario siriano che è già stato indebolito dalla guerra. Negli ultimi dieci anni, Il 70% degli operatori sanitari è fuggito dal paese La metà degli ospedali preesistenti è ancora operativa. Mentre l’epidemia avrebbe potuto trasformarsi in una vera tragedia per la Siria, l’isolamento internazionale e un basso grado di mobilità interna hanno contribuito a limitarne la diffusione. Ma le conseguenze economiche sono ancora alte. per me Ufficio delle Nazioni Unite per il coordinamento degli affari umanitari (UNOCHA), la Siria ha visto un calo del 50% delle rimesse in uscita a causa della perdita di posti di lavoro in entrata all’estero e della mancanza di viaggi internazionali, che hanno ostacolato fisicamente le rimesse.

Forse una delle conseguenze più pericolose del coronavirus emergente è che la comunità internazionale si è dimenticata della Siria.

Il sostegno economico, l’attenzione dei media e la volontà politica di risolvere la crisi sono andati persi e i recenti passi non sono sufficienti per affrontare la portata del problema. A marzo alla quinta conferenza di Bruxelles su “Sostenere il futuro della Siria e della regione” donatori internazionali Impegno $ 4,4 miliardi nel 2021 (e altri $ 2 miliardi nel 2022 e oltre). Può sembrare molto, ma in un formato dichiarazione congiunta Prima della conferenza, diverse agenzie delle Nazioni Unite hanno annunciato che erano necessari più di 10 miliardi di dollari. Date le urgenti esigenze di finanziamento della Siria, la mancanza di un adeguato sostegno esterno potrebbe costringere il governo a fare affidamento su finanziamenti in contanti, che potrebbero aumentare i prezzi e peggiorare l’insicurezza alimentare.

Per superare la crisi umanitaria e stabilizzare l’economia in deterioramento, è necessaria una seria revisione dell’attuale regime di sanzioni. Sfortunatamente, l’amministrazione Biden non sembra pronta a cambiare l’approccio di Trump discorso moderno Josep Borrell, Alto Commissario UE per gli Affari Esteri e la Politica di Sicurezza, ha dichiarato al Parlamento Europeo: “Non ci sarà fine alle sanzioni, nessuna normalizzazione, nessun sostegno alla ricostruzione, fino all’inizio della transizione politica”.

Fino a che punto la popolazione debba essere messa sotto pressione per imporre un cambiamento politico in un paese straniero è una questione vecchia e aperta. Ma l’incapacità della comunità internazionale di trovare una soluzione politica alla crisi non è più accettabile e non vanno dimenticati i costi catastrofici sul campo, che non faranno che peggiorare.