TRVPPINAPLES

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La NASA sta cercando di riportare sulla Terra parti di Titano, la luna di Saturno, che potrebbe essere l’habitat della vita

La NASA ha dato a ricercatori avanzati soldi per scoprire come inviare una missione sulla luna di Saturno Titano e restituire qualsiasi forma di vita extraterrestre che scopre.

Il viaggio di ritorno della sonda, che mira a restituire “composti organici” per ulteriori studi, Sarà alimentato dai vasti laghi di metano che si trovano nel satellite celeste.

L’Agenzia Spaziale ha recentemente fornito una sovvenzione di $ 125.000 dalla NASA per Innovative Advanced Concepts (NIAC) al Glenn Research Center della NASA a Cleveland, OH. Per vedere se un tale compito potrebbe essere possibile.

Oltre all’oceano liquido che molti scienziati ritengono possa ospitare la vita, c’è una classe di composti chimici trovati sulla sua superficie e nell’atmosfera, noti come tholine, che non si trovano sulla Terra.

Questi composti, che la missione si propone di recuperare, potrebbero trarre vantaggio dalle analisi nei laboratori della Terra.

La NASA ha detto che Thulin potrebbe anche essere “alcuni degli elementi costitutivi del sistema solare che potrebbero aiutarci a capire l’origine della vita sul nostro pianeta”.

La missione di ritorno di esempio richiede un missile supportato dalle risorse su Titano per decollare durante un viaggio di ritorno sulla Terra, come mostrato nel rendering di questo artista

A differenza dei “sette minuti di terrore” che le agenzie spaziali sperimentano quando tentano di atterrare su Marte, la pressione atmosferica di Titano renderà molto più facile l’atterraggio della navicella sulla sua superficie.

“Ci aspettiamo che l’atterraggio su Titano sarà relativamente facile”, ha detto Stephen Olison, capo del Compass Laboratory di Glenn, che sta conducendo la progettazione concettuale del veicolo spaziale per la NASA. dichiarazione. “Titano ha un’atmosfera densa di azoto – 1,5 volte la pressione atmosferica della Terra – che può rallentare la discesa con una caduta d’aria e un paracadute per un atterraggio tranquillo, proprio come gli astronauti che tornano sulla Terra”.

READ  Yellowstone non è il vulcano più pericoloso - l'eruzione di Campy Flegre costringerebbe l'evacuazione di massa | Scienza | notizia

L’agenzia ha affermato nella dichiarazione che il NIAC sta finanziando idee che sono nelle prime fasi di sviluppo e non ancora un incarico formale.

Thomas Zurbuchen, direttore associato della direzione dei compiti scientifici dell’Agenzia, ha aggiunto: “NIAC è uno dei modi in cui l’agenzia abbraccia idee” selvagge “che richiedono un decennio o più di sviluppo, ma che alla fine possono portare a innovazioni rivoluzionarie che contribuiscono a nuove e compiti entusiasmanti. Oggi, le idee sono state “selvagge” per anni.

Titano, la seconda luna più grande del sistema solare e seconda solo a Giove Ganimede, è ricoperta da un oceano globale fatto interamente di metano liquido, secondo la missione Cassini della NASA su Saturno.

Cassini, che si è intenzionalmente immerso nell’atmosfera di Saturno nel settembre 2017 dopo un volo di 13 anni, ha rilevato tempeste di polvere su Titano.

Oltre ai suoi enormi dintorni, Titano ha modelli meteorologici estremi, con temperature superficiali che raggiungono -290 gradi Fahrenheit (-179 gradi Celsius), qualcosa che ha stuzzicato l’interesse degli scienziati per anni.

“Titano è un mondo fantastico”, ha spiegato Geoffrey Landis, capo ricercatore scientifico di Compass. È ricoperto di composti organici protetti da una densa atmosfera di azoto e contiene mari di gas naturale liquido delle dimensioni e della profondità dei grandi laghi terrestri sulla sua superficie. Sotto la sua crosta, Titano è un mondo oceanico, con un secondo oceano di acqua liquida nascosto nelle profondità del mare.

Il team proseguirà per scoprire come l’ossigeno liquido crea la potenziale missione. La NASA ha aggiunto che le rocce di Titano sono costituite da ghiaccio d’acqua che può sciogliersi utilizzando il calore di una fonte nucleare e quindi elettrolizzare.

“La produzione di carburante per missili su Titano non richiederà un trattamento chimico: tutto ciò di cui hai bisogno è un tubo e una pompa”, ha spiegato Oleson. Il metano è già liquido, quindi è pronto per l’uso.

La NASA spera di inviare una missione su Titano nel 2027 e vedere se è la patria della vita, come hanno suggerito molti scienziati.

La NASA spera di inviare una missione su Titano nel 2027 e vedere se è la patria della vita, come hanno suggerito molti scienziati.

“Il nostro obiettivo è progettare un concetto di missione moderno ed economico in grado di trovare e utilizzare le risorse a destinazione”, ha affermato Landis.

Nel giugno 2019, la NASA ha rivelato una nuova missione su Titano, nota come Dragonfly, che volerà per più di 100 miglia attorno al satellite celeste.

Inizialmente era previsto il lancio nel 2026, ma la pandemia COVID-19 pagare Il lancio risale al 2027.

Cosa ha scoperto Cassini durante la sua missione ventennale?

Cassini è stato lanciato da Cape Canaveral, in Florida, nel 1997, e ha trascorso sette anni in transito seguiti da 13 anni in orbita attorno a Saturno.

Rappresentazione artistica della navicella Cassini che studia Saturno

Rappresentazione artistica della navicella Cassini che studia Saturno

Nel 2000, ha trascorso sei mesi a studiare Giove prima di raggiungere Saturno nel 2004.

A quel tempo, ha scoperto altre sei lune intorno a Saturno, strutture 3D torreggianti sopra gli anelli di Saturno e una tempesta gigante che ha spazzato il pianeta per circa un anno.

Il 13 dicembre 2004, ha effettuato il suo primo volo dalle lune di Saturno Titano e Dion.

Il 24 dicembre, la sonda Huygens costruita dall’Agenzia spaziale europea è stata lanciata sulla luna di Saturno Titano per studiarne l’atmosfera e la composizione della superficie.

Lì scoprì strani laghi di idrocarburi fatti di etano e metano.

Nel 2008, Cassini ha completato la sua missione primaria di esplorare il sistema Saturno e ha iniziato ad estendere la sua missione (la missione Cassini Equinox).

READ  L'esitazione su vaccini e varianti significa che l'Australia potrebbe non raggiungere l'immunità di gregge Covid - ricercatori | Corona virus

Nel 2010 ha iniziato la sua seconda missione (la Cassini Solstice Mission), che è continuata fino a quando non è esplosa nell’atmosfera di Saturno.

Nel dicembre 2011, Cassini ha ottenuto le immagini a più alta risoluzione della luna di Saturno Encelado.

Nel dicembre dell’anno successivo, ho seguito il transito di Venere per testare la fattibilità dell’osservazione di pianeti al di fuori del nostro sistema solare.

Nel marzo 2013, la sonda Cassini ha effettuato l’ultimo volo della luna di Saturno Rea e ne ha misurato la struttura interna e la forza gravitazionale.

Cassini non solo ha studiato Saturno, ma ha anche catturato fantastiche vedute delle sue numerose lune.  Sopra, la luna di Saturno Encelado può essere vista alla deriva davanti agli anelli e la piccola luna Pandora.  Scatto il 1 novembre 2009, con il sole in controluce per l'intera scena

Cassini non solo ha studiato Saturno, ma ha anche catturato fantastiche vedute delle sue numerose lune. Sopra, la luna di Saturno Encelado può essere vista alla deriva davanti agli anelli e la piccola luna Pandora. Scatto il 1 novembre 2009, con il sole in controluce per l’intera scena

Nel luglio di quell’anno, Cassini ha catturato un Saturno illuminato di nero per esaminare gli anelli in dettaglio e ha anche scattato una foto della Terra.

Nell’aprile di quest’anno, ha completato il suo volo più vicino su Titano e ha iniziato la sua orbita alla Grande Finale, che si è conclusa il 15 settembre.

“La missione ha cambiato il modo in cui pensiamo a dove potrebbe essersi evoluta la vita extraterrestre”, ha detto Andrew Coates, capo del gruppo di scienze planetarie del Mollard Space Science Laboratory dell’University College di Londra.

“Oltre a Marte, le lune dei pianeti esterni come Encelado, Europa e persino Titano sono ora i più grandi concorrenti per la vita altrove”. “Abbiamo completamente riscritto libri di testo su Saturno”.