TRVPPINAPLES

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La NASA pubblica una splendida immagine del centro della Via Lattea, a 26.000 anni luce di distanza | Notizie di scienza e tecnologia

La NASA ha rilasciato una nuova splendida immagine della Via Lattea.

La foto mostra il violento e vivace “Downtown” della galassia, un composito di 370 note tratte da NASAChandra X-ray Observatory.

Le immagini sono state scattate negli ultimi due decenni e raffigurano miliardi di stelle e buchi neri al centro o al centro della Via Lattea.

Un radiotelescopio in Sud Africa ha contribuito all’immagine, mentre l’astronomo Daniel Wang dell’Università del Massachusetts Amherst ci stava lavorando mentre era a casa durante la pandemia.

“Quello che vediamo nell’immagine è un ecosistema violento o attivo nel mezzo della nostra galassia”, ha detto Wang.

“Ci sono molti resti di supernove, buchi neri e stelle di neutroni là fuori. Ogni punto o caratteristica dei raggi X rappresenta una sorgente attiva, la maggior parte di loro al centro”.

Questo centro occupato e ad alta energia della galassia è a 26.000 anni luce di distanza. Ciò significa che se aumenti la scoperta dello space shuttle, ci vorranno circa 967.200.000 anni per arrivarci.

Chandra, lanciato nel 1999, si trova in un’intensa orbita ellittica attorno alla Terra.

Iscriviti al podcast giornaliero su Podcast di AppleE il Google PodcastE il SpotifyE il Altoparlante

Nel 2019 ha scoperto Chandra e telescopi in Cina, Spagna e Hawaii Buco nero Così grande che gli scienziati hanno detto che non dovrebbe nemmeno esistere.

Il buco nero è stato fotografato a 15.000 anni luce dalla Terra ed era 70 volte più massiccio del Sole.

Un team di scienziati dell’International Dark Energy Survey (DES) ha rilasciato venerdì a La nuova mappa della materia oscura Copre un quarto del cielo nell’emisfero australe.

READ  I medici hanno risposto ai loro piani per vedere di nuovo i pazienti faccia a faccia

La materia oscura non è visibile dalla Terra, ma gli scienziati hanno messo insieme la mappa osservando come la luce proveniente da galassie lontane viene distorta nel suo cammino verso la Terra.

La presenza di materia oscura piegherebbe i raggi in arrivo.