TRVPPINAPLES

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La formazione rocciosa su Marte sembra una cupola solitaria perduta vicino a un cratere dalla forma strana

Forse ti starai chiedendo perché, da un po’ di tempo, ti mostriamo scorci di Marte, catturati sulla fotocamera da vari pezzi di hardware che l’umanità ha dentro o intorno al mondo alieno. La risposta è semplice: potremmo andarci, magari anche durante la nostra vita, e potremmo anche iniziare a conoscere un po’ meglio il posto.

Marte L’argomento dei sogni umani è sempre stato qui sulla Terra, ma ora siamo più vicini che mai ad andarci davvero. L’Artemis Moon Exploration Program, recentemente annunciato, è (ancora) il primo grande passo in quell’incredibile viaggio, in quanto non è un obiettivo in sé, ma solo un passo verso il raggiungimento di quel grande obiettivo rosso in un futuro non troppo lontano.

Quindi sì, abbiamo timidamente iniziato un po’ di tempo nel nostro supporto Scopri Marte Quindi cose come questa cosa verranno mostrate qui.

E questa cosa qui è un affioramento a forma di cupola nella regione di Orcus Patera del pianeta, una piccola depressione ellittica lunga 380 km (240 miglia) e larga 140 km (87 miglia). Il bordo della depressione sorge a 1,8 chilometri (1,11 mi) sopra le pianure circostanti e la depressione stessa raggiunge i 600 metri (1.968 piedi) sotto la sua circonferenza.

Le origini degli affioramenti non sono completamente note e potrebbero essersi formati in seguito a processi vulcanici o tettonici. Per quanto riguarda il cratere, gli scienziati non giudicano che a un certo punto possa essere stato un impatto circolare, distorto da forze di compressione.

Ma la maggior parte delle persone investe su Orcus Patera come risultato di un effetto barra, “Forse meno di cinque gradi dall’orizzontale.” Secondo l’Agenzia spaziale europea.

READ  Il cristallo quantico con "inversione del tempo" potrebbe essere un nuovo sensore di materia oscura

L’immagine principale di questo pezzo mostra una delle immagini più recenti dell’area, scattata da un’altitudine di 278 km (173 miglia) dalla telecamera HiRISE installata sul Mars Reconnaissance Orbiter (MRO) nel settembre 2015, e recentemente ripubblicato dalla NASA e dall’Università dell’Arizona.