TRVPPINAPLES

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Joe Biden volta le spalle al libero scambio con il Regno Unito

Cinque anni dopo, le previsioni del giorno del giudizio per l’economia britannica, se quel paese oserà lasciare l’Unione europea, deve ancora concretizzarsi. In effetti, hanno ampiamente mancato il bersaglio.

Nell’ultimo aggiornamento del suo periodico World Economic Outlook, il Fondo monetario internazionale (FMI) prevede che l’economia britannica post-Brexit crescerà del 7% quest’anno, un ritmo molto più forte rispetto ai suoi ex colleghi dell’UE come Germania (3,6%) e Francia (5,8%) e Italia (4,9%).

La valutazione rialzista del FMI sull’economia britannica riflette il recente aggiornamento delle prospettive economiche della Gran Bretagna da parte di una delle principali agenzie di rating internazionale. Notando che “i risultati macroeconomici, del mercato del lavoro e finanziari dall’inizio del 2021 hanno dimostrato che l’economia è stata più resiliente all’impatto dello shock pandemico”, Fitch Ratings ha aumentato le prospettive della Gran Bretagna a “stabili” da “negative” a giugno.

Il processo Brexit è stato tutt’altro che facile. Mentre Londra ha lavorato duramente per liberare il Regno Unito da decenni di controllo dell’UE sulle sue relazioni commerciali, l’UE ha posto numerosi ostacoli sul suo cammino. Ma la competitività e la resilienza consolidate dell’economia britannica hanno funzionato bene.

>>> Perché il Regno Unito è il partner di libero scambio ideale per gli Stati Uniti

Le chiavi della capacità della Gran Bretagna di superare l’ostilità dell’UE includono un profondo attaccamento allo stato di diritto, una posizione politica favorevole alle imprese, una posizione favorevole agli investimenti esteri e mercati del lavoro relativamente flessibili. Le perturbazioni nel commercio di merci si sono stabilizzate dopo alcune sfide iniziali a seguito dell’attuazione dell’accordo di commercio e cooperazione tra il Regno Unito e l’Unione europea il 1 gennaio 2021.

READ  I profitti di Tesco sono scesi a 825 milioni di sterline quest'anno nonostante la diffusione della pandemia

L’economia britannica in generale si è dimostrata notevolmente forte, dopo aver resistito alla recessione causata da molteplici blocchi e restrizioni legate al COVID-19. Come confermato dal rapporto Fitch Ratings, “un migliore adattamento delle imprese al business con vincoli economici e una maggiore flessibilità per il consumo e gli investimenti privati” ha portato a prospettive economiche migliori del previsto per il Regno Unito

Mentre il Regno Unito continua ad allentare i controlli sulla pandemia, Londra deve rivolgere la sua attenzione alle politiche economiche che rafforzeranno gli attuali punti di forza competitivi del paese nelle aree dell’efficienza normativa e dell’apertura del mercato.

L’ultima edizione dell’Indice della libertà economica della Heritage Foundation classifica l’economia del Regno Unito come la settima economia più libera del mondo, ben al di sopra delle economie di altre principali nazioni occidentali del G7 come Stati Uniti, Canada, Francia e Germania.

Ci sarà un’enorme opportunità per una maggiore libertà economica nell’economia del Regno Unito dopo la Brexit. Non vincolata dai vincoli della burocrazia dell’Unione europea, l’economia britannica può ottenere miglioramenti significativi in ​​aree politiche chiave come la libertà degli affari e il libero scambio.

Da una prospettiva di politica estera più ampia, è un peccato che l’amministrazione Biden non abbia lavorato con la Gran Bretagna in modo più aggressivo e strategico per accelerare la ripresa economica transatlantica. Washington ha scelto di non dare priorità e potrebbe far deragliare un’opportunità unica di perseguire la sua partnership per la libertà economica con la Londra dell’era Brexit, rallentando di fatto i negoziati per un accordo bilaterale di libero scambio.

>>> La Brexit è un dato di fatto; Gli Stati Uniti dovrebbero agire di conseguenza

READ  La coppia Trumbull apre un ristorante italiano a Fairfield

Il libero scambio è una componente essenziale della libertà economica ed è stato parte integrante dello straordinario progresso economico americano negli ultimi decenni. In particolare nel contesto dell’attuale pandemia di coronavirus, difendere e promuovere il libero scambio è diventato ancora più importante.

Garantire una maggiore libertà negli scambi, a livello bilaterale, regionale o multilaterale, si è dimostrato uno dei modi migliori per promuovere la prosperità sostenibile dell’America. Il palese fallimento del presidente Biden nel promuovere il libero scambio indica che nuovi e innovativi accordi commerciali USA-Regno Unito che potrebbero effettivamente facilitare la ripresa economica americana non sono all’ordine del giorno.

Il signor Biden continua a dire che “l’America è tornata”. Ma i principali alleati degli Stati Uniti, in particolare la Gran Bretagna, saranno sempre più delusi dalla mancanza di una leadership proattiva da parte del presidente sul fronte commerciale.