TRVPPINAPLES

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il terremoto più lungo del mondo è durato 32 anni, forse uccidendo migliaia di persone | Scienza | notizia

I ricercatori della Nanyang Technological University di Singapore hanno identificato il terremoto più lungo conosciuto al mondo. Il cosiddetto “evento di scivolamento lento” probabilmente iniziò al largo della costa di Sumatra nel 1829, prima di culminare in un grave disastro 32 anni dopo. Un articolo pubblicato su Nature Geoscience ha trovato un collegamento tra l’evento decennale e un potente terremoto di magnitudo 8,5 nel 1861.

Un terremoto nel 1861 scoppiò lungo il fiume Giant Sundra – una linea di faglia a est di Sumatra – e causò un devastante tsunami.

Si ritiene che uno tsunami abbia colpito più di 500 chilometri al largo della costa, uccidendo diverse migliaia di persone.

Le scosse sono state avvertite fino alla Malesia e le scosse di assestamento hanno continuato a scuotere la regione per altri sette mesi.

Identificando una potenziale fonte del disastro, gli scienziati vogliono aiutare a individuare pericolosi terremoti in futuro.

Per saperne di più: Avviso vulcano hawaiano: terremoto colpisce sotto il vulcano Kīlauea

Secondo lo United States Geological Survey (USGS), gli eventi di scivolamento lento sono talvolta noti come “terremoti lenti”.

I tremori iniziano quando una linea di faglia inizia a scivolare, come accadrebbe in un normale terremoto, ma a un ritmo lento.

I terremoti possono richiedere diversi giorni per finire, invece di secondi, ma il nuovo studio mostra che possono durare più a lungo.

Gli eventi di rallentamento sono spesso registrati a Kilauea, che è il più attivo dei cinque vulcani che compongono la Big Island delle Hawaii.

L’US Geological Survey ha dichiarato: “Tuttavia, i terremoti lenti non producono onde sismiche e quindi non causano nessuna delle vibrazioni distruttive di un normale terremoto.

READ  La variante di Covid "Delta" dell'India si sta diffondendo molto rapidamente poiché fa copie di se stessa più rapidamente

La barriera corallina osservata vicino a Simeulue sembra mostrare una storia ripetuta di movimenti lungo la spaccatura tra il 1738 e il 1861.

Per circa 90 anni, il corallo ha dimostrato che la Terra sta cadendo a un ritmo molto costante da circa 1 a 2 millimetri all’anno.

Intorno al 1982, un improvviso cambiamento nell’attività sismica fece affondare i coralli a una velocità sette volte più veloce – si verificò una lenta scivolata.

Ma tutto cambiò nel 1861 quando un forte terremoto fece cambiare di nuovo l’affondamento.

L’evento di slittamento lento può essere un catalizzatore o un innesco per un terremoto di magnitudo 8,5.

Rishav Malik, studente di dottorato e autore principale dello studio, ha detto a Scientific American che i terremoti potrebbero aver creato una certa tensione lungo una parte della spaccatura, ma hanno messo più pressione su un’altra.

Disse: “È come un mucchio di molle. Se una di esse si libera, le altre devono sopportare quel carico”.

Secondo l’US Geological Survey, un terremoto di magnitudo 7.1 ad Anchorage, in Alaska, potrebbe essere causato da una combinazione di eventi sismici, incluso un lento evento di scivolamento.

In un articolo pubblicato su Geophysical Research Letters, gli autori dello studio scrivono: “Il terremoto è stato incoraggiato da un accumulo di stress causato da una lenta scivolata sulla superficie che separa la placca e la placca nordamericana.

“Gli eventi di scivolamento lento hanno anche più che raddoppiato il tasso di terremoto M3 a Cook Inlet a partire dagli anni ’90”.