TRVPPINAPLES

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il “sole artificiale” della Cina stabilisce il nuovo record mondiale dopo aver fatto jogging a 216 milioni di gradi Fahrenheit per 100 secondi

Il reattore a fusione nucleare cinese “sole artificiale” ha stabilito un nuovo record mondiale dopo aver funzionato a 216 milioni di gradi Fahrenheit (120 milioni di gradi Celsius) per 100 secondi, secondo i media statali.

La temperatura massima ha anche raggiunto i 288 milioni di gradi Fahrenheit (160 milioni di gradi Celsius), più di dieci volte più calda del sole.

Scienziati cinesi sperano che l’Experimental Advanced Superconducting Tokamak (EAST) sbloccherà una potente fonte di energia verde nella ricerca di Pechino di “energia pulita senza confini”.

Scorri verso il basso per visualizzare il video

Energia pulita: gli scienziati cinesi sperano che l’impianto Experimental Advanced Superconducting Tokamak (EAST) aprirà una potente fonte di energia verde nella ricerca di Pechino di “energia pulita senza confini”

Sono state scattate foto di lavoratori che controllano le attrezzature nella Cina orientale, nella provincia di Anhui, nella Cina orientale

Sono state scattate foto di lavoratori che controllano le attrezzature nella Cina orientale, nella provincia di Anhui, nella Cina orientale

Nuovo record: acceso il reattore a fusione nucleare

Nuovo record: il reattore a fusione nucleare cinese del “sole artificiale” ha funzionato a 216 milioni di gradi Fahrenheit (120 milioni di gradi Celsius) per 100 secondi. Il suo record precedente era di 180 milioni di gradi Fahrenheit per 100 secondi

Il dispositivo avanzato, lanciato per la prima volta lo scorso dicembre, ha battuto il record precedente per il mantenimento di una temperatura del plasma di 180 milioni di gradi Fahrenheit (100 milioni di gradi Celsius) per 100 secondi.

Il suo prossimo obiettivo potrebbe essere quello di correre a una temperatura costante per una settimana, secondo Li Miao, direttore del dipartimento di fisica della Southern University of Science and Technology di Shenzhen.

“La svolta è un grande passo avanti e l’obiettivo finale dovrebbe essere quello di mantenere la temperatura a un livello costante per lungo tempo”, ha detto al quotidiano statale cinese. Tempi globali.

READ  CDPR è in trattative per includere le mod di The Witcher 3 nell'aggiornamento di prossima generazione

La macchina, il più grande e avanzato dispositivo di ricerca sperimentale sulla fusione nucleare della Cina, utilizza un forte campo magnetico per fondere il plasma caldo.

È progettato per replicare il processo di fusione nucleare che avviene naturalmente nel sole e nelle stelle per fornire energia pulita quasi illimitata.

Situato nella provincia di Anhui, nella Cina orientale, e completato alla fine dello scorso anno, il reattore è spesso chiamato il “sole artificiale” a causa dell’enorme calore e dell’energia che produce.

Ha sede negli Hefei Institutes of Physical Sciences dell’Accademia cinese delle scienze.

Il suo prossimo obiettivo potrebbe essere quello di correre a una temperatura costante per una settimana, secondo Li Miao, del Dipartimento di Fisica della Southern University of Science and Technology di Shenzhen.

Il suo prossimo obiettivo potrebbe essere quello di correre a una temperatura costante per una settimana, secondo Li Miao, del Dipartimento di Fisica della Southern University of Science and Technology di Shenzhen.

La macchina, il più grande e avanzato dispositivo di ricerca sperimentale sulla fusione nucleare della Cina, utilizza un forte campo magnetico per fondere il plasma caldo.  Un lavoratore è stato fotografato mentre controllava il dispositivo

La macchina, il più grande e avanzato dispositivo di ricerca sperimentale sulla fusione nucleare della Cina, utilizza un forte campo magnetico per fondere il plasma caldo. Un lavoratore è stato fotografato mentre controllava il dispositivo

Scopo: il dispositivo è progettato per replicare il processo di fusione nucleare naturale nel Sole e nelle stelle per fornire energia pulita quasi illimitata.  Completato alla fine dell'anno scorso

Scopo: il dispositivo è progettato per replicare il processo di fusione nucleare naturale nel Sole e nelle stelle per fornire energia pulita quasi illimitata. Completato alla fine dell’anno scorso

Ha sede negli Hefei Institutes of Physical Sciences dell'Accademia cinese delle scienze

Ha sede negli Hefei Institutes of Physical Sciences dell’Accademia cinese delle scienze

“Lo sviluppo dell’energia da fusione nucleare non è solo un modo per risolvere i bisogni energetici strategici della Cina, ma ha anche un grande significato per il futuro sviluppo sostenibile dell’energia e dell’economia nazionale cinesi”, ha affermato. Quotidiano del PopoloPortavoce del Partito Comunista al potere.

Gli scienziati cinesi hanno lavorato allo sviluppo di versioni più piccole del reattore a fusione nucleare dal 2006.

READ  Il bellissimo JRPG indipendente Edge Of Eternity ha lasciato l'accesso anticipato oggi

Hanno in programma di utilizzare il dispositivo in collaborazione con gli scienziati che lavorano presso l’International Thermonuclear Experimental Reactor (ITER), il più grande progetto di ricerca sulla fusione nucleare al mondo con sede in Francia, che dovrebbe essere completato nel 2025.

È il più grande sforzo di collaborazione scientifica globale dalla creazione della Stazione Spaziale Internazionale più di 20 anni fa.

Gli ingegneri sono visti lavorare su un motore tokamak superconduttore avanzato sperimentale a Hefei

Gli ingegneri sono visti lavorare su un motore tokamak superconduttore avanzato sperimentale a Hefei

registrato

Il “sole artificiale” della Cina ha stabilito un nuovo record mondiale dopo aver toccato i 216 milioni di gradi Fahrenheit. Ha anche raggiunto una temperatura massima di 288 milioni di gradi Fahrenheit, dieci volte più calda del sole

Gli scienziati cinesi hanno sviluppato versioni più piccole di un reattore a fusione nucleare dal 2006. Foto di uno scienziato che lavora al primo reattore a fusione nucleare della Cina

Gli scienziati cinesi hanno sviluppato versioni più piccole di un reattore a fusione nucleare dal 2006. Foto di uno scienziato che lavora al primo reattore a fusione nucleare della Cina

La Corea del Sud ha anche il suo “sole artificiale”, il coreano Superconducting Tokamak Research Advanced (KSTAR), che opera a 180 milioni di gradi Fahrenheit (100 milioni di gradi Celsius) per 20 secondi.

La fusione è il Santo Graal dell’energia ed è ciò che alimenta il nostro sole, che brucia a circa 27 milioni di gradi Fahrenheit (15 milioni di gradi Celsius).

Unisce i nuclei atomici per produrre enormi quantità di energia, l’opposto del processo di fissione utilizzato nelle armi atomiche e nelle centrali nucleari, che la scompone in pezzi.

A differenza della fissione, la fusione non produce gas serra e comporta un minor rischio di incidenti o furto di materiali atomici.

Ma realizzare la fusione è molto difficile e molto costoso, con il costo totale di ITER stimato in 22,5 miliardi di dollari (15,9 miliardi di sterline).

READ  F1 2021 è ora disponibile su PlayStation, Xbox e Steam

Come funziona un reattore a fusione?

La fusione è il processo mediante il quale un gas viene riscaldato e separato nei suoi componenti ioni ed elettroni.

Coinvolge elementi leggeri, come l’idrogeno, che si scontrano per formare elementi più pesanti, come l’elio.

Affinché avvenga la fusione, gli atomi di idrogeno vengono posti sotto un calore e una pressione elevati finché non si fondono insieme.

Il tokamak (impressione d'artista) è il sistema di confinamento magnetico più avanzato ed è la base per la progettazione di molti moderni reattori a fusione.  Il viola al centro del grafico mostra il plasma all'interno

Il tokamak (impressione d’artista) è il sistema di confinamento magnetico più avanzato ed è la base per la progettazione di molti moderni reattori a fusione. Il viola al centro del grafico mostra il plasma all’interno بال

Quando i nuclei di deuterio e trizio, che si trovano nell’idrogeno, si fondono, formano un nucleo di elio, un neutrone e molta energia.

Questo viene fatto riscaldando il carburante a temperature di oltre 150 milioni di gradi Celsius e formando plasma caldo, una zuppa gassosa di particelle subatomiche.

Forti campi magnetici vengono utilizzati per tenere il plasma lontano dalle pareti del reattore, in modo che non si raffreddi e perda la sua energia potenziale.

Questi campi sono prodotti da bobine superconduttrici che circondano la nave e da una corrente elettrica guidata attraverso il plasma.

Per produrre energia, il plasma deve essere confinato abbastanza a lungo da consentire la fusione.

Quando gli ioni sono sufficientemente riscaldati, possono superare la repulsione reciproca e la collisione, fondendosi insieme.

Quando ciò accade, rilascia circa un milione di volte più energia di una reazione chimica e tre o quattro volte più di un reattore nucleare a fissione convenzionale.