TRVPPINAPLES

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il saggio esperto avverte che le restrizioni “cattive” non possono durare per sempre

Uno degli scienziati più anziani del paese ha avvertito che le chiuse sono “cattive” e che la Gran Bretagna deve imparare a convivere con la baia senza ritegno.

Sir Jeremy Farrer, direttore del Welcome Trust e membro del comitato consultivo scientifico per le emergenze, ha affermato che le misure hanno “profonda conseguenze” per la salute mentale, l’istruzione e l’occupazione del paese.

Ma finora credeva che il governo potesse aprire il 21 giugno sulla base dei dati, ma ha sottolineato che le prossime settimane saranno “importanti”.

Sir Jeremy Furrer (nella foto), direttore del Welcome Trust e membro del comitato consultivo scientifico per le emergenze, ha affermato che le misure hanno avuto “effetti profondi” sulla salute mentale, sull’istruzione e sull’occupazione del paese.

Ha sottolineato che a quel punto più di otto adulti su dieci sarebbero stati vaccinati, aggiungendo che Jabs era “molto fiducioso” nel lavoro.

“C’è il rischio di non aprirsi, questa infezione ora è un’infezione umana. Non sta andando via, ” ha detto. “L’umanità vivrà per sempre con questo virus. Ci saranno più nuove varietà. Quest’anno, l’anno prossimo, l’anno prossimo ci saranno nuove varietà: dobbiamo imparare ad affrontarle.

«Le serrature sono pessime. Sono un segno che non puoi controllare il virus in nessun altro modo. Hanno implicazioni di vasta portata per influenzare la salute mentale, l’istruzione, l’occupazione e, in particolare, le persone a basso reddito.

‘Le associazioni non possono essere sempre in quella modalità.’

All’inizio di questa settimana Boris Johnson ha affermato che i numeri erano “ancora poco chiari”, sebbene non ci fossero dati che suggerissero che la fine del blocco del 21 giugno non potesse essere anticipata.

READ  Quattro arrestati nella protesta anti-immigrazione di Dover | Immigrazione e asilo

Ma Sir Jeremy ha affermato di ritenere che i colpi avessero “diviso” le inevitabili infezioni, il che avrebbe allentato le restrizioni e aumentato i ricoveri ospedalieri in seguito.

Quando gli è stato chiesto se pensava di poter aprire il paese il 21 giugno, ha aggiunto: “Se davvero mi spingessi oggi, direi che sono molto ottimista perché penso che i vaccini abbiano avuto un incredibile successo”.

Sir Jeremy Farrer credeva di potersi aprire al governo il 21 giugno sulla base dei dati finora raccolti, ma ha insistito sul fatto che le prossime settimane sarebbero state

Sir Jeremy Farrer credeva di potersi aprire al governo il 21 giugno sulla base dei dati finora raccolti, ma ha insistito sul fatto che le prossime settimane sarebbero state “importanti”. Immagine: Londra, Regno Unito 01 giugno 2021 Le famiglie si godono il tempo

I casi di Covid sono aumentati di oltre il 36% in una settimana oggi, per l'ottavo giorno consecutivo a oltre 3.000 e per il secondo giorno a oltre 4.000 in una settimana.

I casi di Covid sono aumentati di oltre il 36% in una settimana oggi, per l’ottavo giorno consecutivo a oltre 3.000 e per il secondo giorno a oltre 4.000 in una settimana.

Il virus è aumentato di un terzo mercoledì scorso - ieri sono state perse altre 12 vite - dopo aver registrato ieri 10 chiamate a zero per attenersi alla sua tabella di marcia.

Il virus è aumentato di un terzo mercoledì scorso – ieri sono state perse altre 12 vite – dopo aver registrato ieri 10 chiamate a zero per attenersi alla sua tabella di marcia.

Ha affermato che, sebbene rimuoverà le restrizioni in base ai dati attuali, dovrebbero essere ancora in vigore suggerimenti sensati come indossare una maschera a casa.

Sir Jeremy ha aggiunto: “Se i ricoveri ospedalieri fossero bassi e i decessi fossero bassi, accetterei una diffusione della scala e mi aprirei.

“Penso che questa sia stata una decisione molto difficile negli ultimi 18 mesi. Sono fiducioso nel senso che credo che i vaccini siano incredibilmente sicuri e molto efficaci. ‘

The Welcome Trust è una fondazione di beneficenza globale che supporta la scienza nella risoluzione delle sfide sanitarie di emergenza ed è il direttore da Sir Jeremy 2013.

READ  Bernardecci: l'Italia può fare molto bene a Euro 2020

Ha anche detto che spera che i vaccini forniscano protezione dal virus per almeno un anno: “Penso che i dati siano più convincenti che la risposta immunitaria sia più forte e viva più a lungo di quanto si sognasse un anno fa”.

Ma Sir Jeremy ha affermato che era imperativo che altri paesi del G7, inclusi Regno Unito e Stati Uniti, Francia, Germania e Giappone, donassero i posti di lavoro disponibili ai paesi in via di sviluppo.

Scrive una lettera al signor Johnson chiedendogli di somministrare alla Gran Bretagna una dose di dieci milioni nei prossimi tre mesi, che dice rimetterà in carreggiata la nostra campagna di vaccinazione entro dieci giorni.

Ha detto che fermare i colpi dai paesi poveri era “giocare con il fuoco” perché sarebbe passato molto tempo prima che apparisse un nuovo e pericoloso ceppo.

La mail di ieri ha rivelato come i funzionari di Whitehall siano preoccupati per una nuova variante trovata in Nepal, Portogallo, Stati Uniti, Giappone e India, che potrebbe opporsi ai vaccini.

Sir Jeremy ha detto: ‘Ci sono 1,4 miliardi di persone in India e centinaia di milioni in Indonesia, Brasile e Nigeria.

“È questa enorme popolazione che non ha alcun controllo su infezioni e vaccini incontrollati, ed è qui che entra in gioco una variazione”.

Un altro membro saggio, i vaccini del governo hanno lasciato il Regno Unito in un “posto migliore” per porre fine al blocco nonostante l’emergere di nuove varietà.

John Edmunds, professore alla London School of Hygiene and Tropical Medicine, ha dichiarato il 21 giugno che, sebbene il governo possa allentare le restrizioni, “non significa necessariamente che le persone sfrutteranno l’opportunità”. Questo, insieme al programma di vaccinazione, mette il Regno Unito in un “posto migliore” per porre fine alle restrizioni.

READ  L'italiano Soneko batte Fritz a Cochlear, incontra Djiere in finale | TENNIS.com

Sir Jeremy prevede che i bambini di età superiore ai 12 anni potranno essere vaccinati contro il governo entro la fine di quest’anno. Ha aggiunto che i colpi possono essere estesi ai bambini di cinque anni se sono sicuri ed efficaci.