TRVPPINAPLES

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il professore 38enne muore di coronavirus dopo aver interrogato un letto di terapia intensiva su Twitter – World News

Dopo che un disperato appello è stato pubblicato alla famiglia di terapia intensiva Twitter Un assistente professore è tragicamente scomparso da Covid-19 10 giorni dopo sua madre.

Nabila Sadiq, 38 anni, è morta a causa del virus mortale solo una settimana dopo aver confermato la sua infezione con il virus, 10 giorni dopo la morte di sua madre, Nazha, 76 anni, per complicazioni legate alla malattia.

Suo padre è stato portato in ospedale a causa di Covid, ma alla fine è stato dimesso e sottoposto a quarantena domestica.

Nei suoi ultimi giorni, la ricercatrice ha pubblicato su Gender Studies su Twitter sentendosi disperata di trovare un letto in terapia intensiva.

Ha chiesto alla gente di “pregare” per lei e per i suoi genitori ed ha espresso il suo timore che “nessuno sopravviverà a Delhi”.

Da aprile ho iniziato a condividere un torrente di tweet rabbiosi sulla crisi Covid in India, scrivendo il 24 aprile: “Giovani e famosi stanno morendo di ipossia.

I suoi amici dicono che Nabila, che è una donna
I suoi amici dicono che Nabila, una donna “onorevole”, ha aiutato molte persone durante la pandemia

“Ogni giorno mi sveglio con la notizia della morte. Molto per lo stato mentale. Quando finirà tutto questo.”

Il 1 ° maggio ha scritto: “Pregate per me e per i miei genitori, per favore. Stiamo navigando”.

Quindi ha implorato le persone di aiutarla a trovare un letto in terapia intensiva, poco dopo che gli ospedali indiani sono stati costretti a respingere i pazienti a causa di un picco di casi Covid.

Il 4 maggio ha scritto: “Che cosa fa il letto in terapia intensiva? Per me”.

READ  Il primo ministro giapponese uscente sostiene il ministro delle vaccinazioni Tara Kono come suo successore - rapporto | Giappone

Il suo ultimo tweet, pubblicato lo stesso giorno, diceva semplicemente: “Okay”.

Ma questo è stato il suo ultimo tweet. Sebbene il suo letto d’ospedale fosse assicurato, dopo essere stato rifiutato da tre ospedali, i polmoni di Nabila erano già gravemente danneggiati ed è morta lunedì notte, NDTV menzionato.

Mentre era al Fortis Hospital di Faridabad, anche Nabila non sarebbe stata informata quando anche sua madre, Nazha, stava combattendo Corona virus, Il 7 maggio.

Gli studenti hanno detto che Nabila era un insegnante interessato che amava scrivere poesie e discutere di politica e teoria del genere.

I suoi studenti hanno aiutato a eseguire gli ultimi rituali di sua madre il 7 maggio. Più o meno nello stesso periodo, la salute di Nabila iniziò a peggiorare rapidamente.

Waqar, un’amica e studentessa della sua università, ha detto che hanno chiamato “tutti gli ospedali di Delhi per procurarle un letto di ossigeno”.

Ha spiegato: “Abbiamo aiutato i suoi amici a trovare un letto al Fortis Hospital di Faridabad. Tuttavia, i suoi livelli di ossigeno sono scesi al 32%”.

“Dopo una TAC, il medico ha detto che i suoi polmoni erano danneggiati. Ho ricevuto centinaia di chiamate ogni giorno da colleghi, parenti e amici che chiedevano informazioni sulla sua salute. Non sapevamo cosa fare”.

“Ogni studentessa che stava perseguendo studi di genere voleva ottenere un dottorato di ricerca sotto la sua supervisione. Ha aiutato così tante persone durante la pandemia”.

“Stavamo parlando con lei e dicendole che ai suoi genitori mancava, sperando che si sentisse meglio e si riprendesse. Ma sabato sera è stata messa su un ventilatore”.

READ  Vero o no, sembra che la storia del leak del laboratorio di Wuhan cambierà il mondo

Indian Express Ho detto che i medici di Nabila hanno detto che non rispondeva ai farmaci e alle cure. È morta intorno alle 23 di lunedì.

Martedì, i suoi studenti e amici hanno eseguito i suoi riti finali a Manjulpuri, dove sua madre era stata sepolta dieci giorni prima.

“Penso che amasse di più sua madre e se ne sia andata con lei, lasciandomi qui da solo”, ha detto il padre di Nabila, Sadiq, 80 anni, un professore in pensione che ha studiato alla Aligarh Islamic University.

“Conosco Nabila e la sua famiglia da sette anni. Mi hanno aiutato il mese scorso quando ho avuto Covid”, ha detto Taranum, il mio amico, un nobile collega e amico.

“Quando Nabila è stata ricoverata in terapia intensiva, le ho mandato i suoi messaggi sul cellulare, sapevo che non lo stava leggendo ma aspettavo che si riprendesse, leggendo quei messaggi e incontrandomi.

“Era una donna onorevole. Entrambi insegnavamo studi di genere. Non posso credere che mi abbia lasciato”.

Ciò avviene in un momento in cui l’Organizzazione mondiale della sanità ha segnalato 25772440 casi confermati di Coronavirus in India con 287.122 morti.

A partire dal 4 maggio, nel paese sono state somministrate un totale di 175171482 dosi di vaccino.