TRVPPINAPLES

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il primo ministro italiano Mario Draghi afferma che l’UE dovrebbe allentare le regole fiscali per consentire maggiori stimoli

Gestisci l’economia globale e scopri cosa intendono quotidianamente i politici, le imprese, gli investitori e la nuova economia per te. Registrati qui.

Il primo ministro italiano Mario Draghi ha chiesto un cambiamento nella struttura di controllo del debito dell’UE per aiutare la zona euro a far fronte ai danni economici causati dall’epidemia del coronavirus.

“Le attuali regole finanziarie non sono sufficienti, e non è ancora sufficiente perché un’economia si riprenda da un’epidemia”, ha detto Draghi mercoledì ai legislatori italiani a Roma. “La modifica delle regole dovrebbe garantire maggiori margini per agire come una forza da non sottovalutare nella politica anticiclica”.

Il primo ministro italiano Draghi per dire al parlamento come spenderà miliardi in aiuti Ue

Fotografo: Alicia Pyrotomeniko / Bloomberg

Le norme dell’UE sono state sospese durante le epidemie, consentendo agli Stati membri di sostenere case e attività commerciali attraverso serrature ripetute. Il commissario all’Economia Pavlo Gentiloni ha dichiarato mercoledì che la sospensione dovrebbe durare fino alla fine del prossimo anno.

Quando ciò accadrà, non sarà facile tornare ai vecchi limiti poiché il debito pubblico del campo valutario è salito al 100% del PIL. In particolare, il governo italiano ha finora speso 17 170 miliardi (205 miliardi di dollari) in stimoli economici, con un debito che è aumentato fino a sfiorare il 160% della produzione quest’anno.