TRVPPINAPLES

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il missile cinese da 21 tonnellate cade a terra e può spargere detriti in aree popolate

Gli esperti avvertono che il missile cinese Long March 5b da 21 tonnellate orbita attorno al pianeta su un percorso che potrebbe portare al mega-velivolo che si schianta sulla Terra nei prossimi giorni.

Lo stadio di base è stato lanciato giovedì per consegnare la prima unità del paese della nuova stazione spaziale, ma invece di tornare in un centro pre-designato nell’oceano, si prevede che farà un rientro senza supervisione – e possibilmente in un’area popolata.

Ha detto Jonathan McDowell, un astronomo che segue gli oggetti in orbita attorno alla Terra Notizie dallo spazio Il Sentiero 5b della Marcia Lunga lo porta “un po ‘più a nord da New York, Madrid e Pechino e a sud fino al Cile meridionale e Wellington, in Nuova Zelanda”, e può atterrare ovunque in questo intervallo.

Quando lo stadio del missile cade a terra, la maggior parte di esso può bruciare nell’atmosfera, ma i pezzi di grandi dimensioni possono sopravvivere, il che potrebbe portare a un problema se la traiettoria porta una Marcia Lunga 5b in un’area popolata.

Localizzatore satellitare Ha anche scoperto lo stadio base Long March 5B lungo 100 piedi e 16 piedi, ora designato “2021-035B”, e viaggia a velocità di oltre quattro miglia al secondo.

Scorri verso il basso per visualizzare il video

Gli esperti avvertono che il missile Long March 5b da 21 tonnellate orbita attorno al pianeta su un percorso che potrebbe portare alla mega-astronave che si schianta sulla Terra nei prossimi giorni. Nella foto è raffigurato il missile quando è stato lanciato la scorsa settimana

La Cina ha lanciato il Long March 5B giovedì alle 11:23 ora locale per consegnare la prima fase della sua imminente stazione spaziale.

Il modulo, chiamato “Tianhe” o “Harmony of the Heavens”, diventerà l’abitazione di tre membri dell’equipaggio una volta completato l’enorme scafo.

I media statali hanno riferito che la Cina mira a completare la stazione spaziale cinese, nota come Tiangong (Palazzo celeste) entro la fine del 2022, dopo aver lanciato molti altri moduli.

Una volta completata, la Stazione Spaziale di Tiangong orbiterà attorno alla Terra ad un’altitudine di 211-280 miglia.

Un rendering 3D della stazione spaziale cinese, o stazione spaziale Tiangong, dove apparirà quando sarà completamente costruita.  Tianhe sarà il principale alloggio dei tre membri dell'equipaggio.  Shenzhou è un veicolo spaziale già esistente che attraccherebbe alla stazione con l'equipaggio.  Tianzhou è un veicolo spaziale da carico esistente

Un rendering 3D della stazione spaziale cinese, o stazione spaziale Tiangong, dove apparirà quando sarà completamente costruita. Tianhe sarà il principale alloggio dei tre membri dell’equipaggio. Shenzhou è un veicolo spaziale già esistente che attraccherebbe alla stazione con l’equipaggio. Tianzhou è un veicolo spaziale da carico esistente

Si prevede che peserà tra 180.000 e 220.000 libbre, circa un quinto della massa della Stazione Spaziale Internazionale, ovvero 925.335 libbre.

La Cina mira a diventare una grande potenza spaziale entro il 2030 per tenere il passo con i concorrenti, inclusi gli Stati Uniti, la Russia e l’Agenzia spaziale europea, e per creare la stazione spaziale più avanzata in orbita attorno alla Terra.

Unità della stazione spaziale cinese

Tianhe: L’unità di base. È stato lanciato il 29 aprile 2021

WentianSperimenta prima l’unità. Previsto per il lancio nel 2022

MingtianUnità sperimentale II. Lancio previsto nel 2022

Xuntian: Un’unità telescopio spaziale. Il lancio previsto nel 2024 in orbita congiunta con la stazione spaziale cinese

La Stazione Spaziale Internazionale, attualmente in orbita, ha impiegato 10 anni e più di 30 missioni per essere assemblata dal lancio del primo modulo nel 1998.

La Stazione Spaziale Internazionale supporta cinque agenzie spaziali partecipanti – NASA (Stati Uniti), Roscosmos (Russia), JAXA (Giappone), Agenzia spaziale europea (Europa) e Agenzia spaziale canadese (Canada) – ma alla Cina è stato inizialmente impedito di partecipare da gli Stati Uniti.

Tuttavia, il ritorno del missile potrebbe porre fine alla celebrazione cinese se il veicolo atterra in un’area popolata.

Gli inseguitori di detriti spaziali hanno notato che si è spostato lentamente e inaspettatamente sulla Terra negli ultimi giorni e il rientro della navicella sarà una delle più grandi discese incontrollate di sempre.

Long March 5B è lungo circa 100 piedi e largo 16 piedi, e sebbene più di 10 tonnellate di detriti spaziali siano stati lasciati in orbita per il rientro incontrollato, McDowell ha detto: “ Secondo gli standard attuali, è inaccettabile permettergli di ri -entrare incustodito.

READ  Il team del telescopio Hubble celebra il suo 31 ° compleanno con l'immagine di una rara stella super luminosa sull'orlo dell'estinzione - RT World News

La Cina è consapevole della possibilità di un atterraggio incontrollato, Holger Krag, capo dell’ufficio del programma di sicurezza spaziale dell’Agenzia spaziale europea, ha dichiarato a SpaceNews: “ È sempre difficile valutare la quantità di massa e il numero di frammenti rimasti senza conoscere il design dell’oggetto , ma una ragionevole “regola generale” è di circa il 20. -40% della massa secca originale.

La Cina ha lanciato il Long March 5B giovedì alle 11:23 ora locale per consegnare la prima fase della sua imminente stazione spaziale.  Diventerà il modulo, denominato

La Cina ha lanciato il Long March 5B giovedì alle 11:23 ora locale per consegnare la prima fase della sua prossima stazione spaziale. Il modulo, chiamato “Tianhe” o “Harmony of the Heavens”, diventerà l’abitazione di tre membri dell’equipaggio una volta completato l’enorme scafo.

La Cina aveva già lanciato Long March 5b nel maggio 2020 (nella foto) per testare il veicolo in preparazione a inviare persone sulla luna, ma anche quella missione si è conclusa con un ritorno senza censure.

La Cina aveva già lanciato Long March 5b nel maggio 2020 (nella foto) per testare il veicolo in preparazione a inviare persone sulla luna, ma anche quella missione si è conclusa con un ritorno senza censure.

La Cina aveva già lanciato Long March 5b nel maggio 2020 per testare il veicolo in preparazione a inviare persone sulla luna, ma questa missione si è conclusa anche con il ritorno dell’ingresso non censurato.

Lo stadio base del missile Long March 5B è stato inviato nello spazio il 5 maggio ed è caduto sulla Terra pochi giorni dopo, al largo delle coste dell’Africa occidentale.

La sua discesa è stata confermata dal 18 ° Space Control Squadron, un’unità dell’aeronautica americana che traccia i detriti spaziali nell’orbita terrestre.

Lo stadio base del missile Long March 5B è stato inviato nello spazio il 5 maggio ed è caduto sulla Terra pochi giorni dopo, al largo delle coste dell'Africa occidentale.  La sua discesa è stata confermata dal 18 ° Space Control Squadron, un'unità dell'aeronautica americana che traccia i detriti spaziali nell'orbita terrestre.

Lo stadio base del missile Long March 5B è stato inviato nello spazio il 5 maggio ed è caduto sulla Terra pochi giorni dopo, al largo delle coste dell’Africa occidentale. La sua discesa è stata confermata dal 18 ° Space Control Squadron, un’unità dell’aeronautica americana che traccia i detriti spaziali nell’orbita terrestre.

La forza ha detto che non era solo una questione di dimensioni del missile, ma anche della sua finestra di atterraggio incontrollata.

Questo atterraggio incontrollato ha lasciato gli inseguitori a indovinare esattamente dove sarebbe atterrato alla fine, con la speculazione che potesse essere nell’oceano o sulla terraferma in Africa, negli Stati Uniti o in Australia.

Prima che il missile cadesse nelle acque al largo della costa occidentale della Mauritania, il nucleo ha sorvolato Los Angeles e New York City.

READ  I microbi possono prosperare sotto la superficie di Marte sopravvivendo grazie all'energia chimica delle acque sotterranee

La Cina sta portando avanti i suoi piani per diventare una super potenza spaziale con missioni su Marte e sulla Luna

I funzionari dell’Agenzia spaziale cinese stanno lavorando per diventare una superpotenza nello spazio insieme a Stati Uniti e Russia.

Hanno già inviato il primo lander per esplorare il lato più lontano della luna, condividendo le foto di una parte del nostro vicino più vicino che raramente vediamo come parte della missione Chang’e-4.

Nel novembre 2020, hanno inviato la sonda spaziale Chang’e-5 sulla luna per raccogliere e restituire i primi campioni di suolo lunare 45 anni fa.

Ciò è stato fatto in collaborazione con l’Agenzia spaziale europea, che ha fornito informazioni di tracciamento per l’astronave cinese.

Chang’e-6 sarà la prima missione ad esplorare il polo sud della luna e dovrebbe essere lanciata nel 2023 o 2024.

Secondo la China Space Authority, Chang’e-7 studierà la superficie terrestre, la composizione e l’ambiente spaziale in una missione globale, mentre Chang’e-8 si concentrerà sull’analisi tecnica della superficie.

Secondo quanto riferito, la Cina sta anche lavorando alla costruzione di una base lunare utilizzando la tecnologia di stampa 3D e inviando una futura missione con equipaggio in superficie.

È probabile che l’attività 8 getti le basi per questo mentre si sforza di verificare la tecnologia assegnata al progetto.

La CNSA sta anche costruendo una stazione spaziale in orbita attorno alla Terra dove gli astronauti cinesi condurranno esperimenti scientifici, simili all’equipaggio della Stazione Spaziale Internazionale.

L’agenzia ha anche lanciato una missione su Marte nell’estate del 2020 che lo vedrà atterrare sulla superficie del Pianeta Rosso nel febbraio 2021.

Si dice anche che la Cina stia lavorando a un progetto per costruire un generatore di energia solare nello spazio che invierebbe energia sulla Terra e diventerebbe il più grande oggetto artificiale in orbita.

Hanno anche una serie di ambiziosi progetti di scienze spaziali tra cui satelliti per la ricerca di segni di onde gravitazionali e veicoli spaziali di osservazione della Terra per monitorare i cambiamenti climatici.