TRVPPINAPLES

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il governo inizia a spostare le regioni italiane nelle ‘zone bianche’

Le tre regioni italiane stanno passando da zone gialle a rischio moderato a zone bianche a basso rischio.

Le regioni italiane di Friuli, Venezia, Giulia, Mollis e Sardegna diventeranno “ zone bianche ” – il tipo di rischio più basso sotto i controlli del virus corona con codice colore in Italia – a partire da lunedì 31 maggio.

Per essere classificati come zona bianca, 50 casi Govt-19 ogni 100.000 abitanti in una regione devono essere registrati per tre settimane consecutive.

Il resto dell’Italia si troverà in una “zona gialla” moderatamente pericolosa, anche se le aree di Abruzzo, Liguria, Umbria e Veneto dovrebbero diventare “bianche” dal 7 giugno, se l’attuale tendenza al ribasso continuerà, riferisce il quotidiano italiano. 24 ore al sole.

Attualmente non ci sono territori italiani o province autonome nelle zone “rosse” o “arancioni” a rischio medio dove si applicano regole di controllo elevato.

Se si conferma il trend di riqualificazione del Govt-19, le seguenti aree potrebbero diventare zone bianche dal 14 giugno: Emilia Romagna, Lazio (Roma), Lombardia (Milano), Pymont, Buglia e Trento.

Allora quali sono le regole della “zona bianca” in Italia?

Le uniche restrizioni applicabili nelle zone bianche sono legate alla distanza sociale e all’uso di maschere all’interno e in spazi esterni affollati.

Le zone bianche sono esenti dal coprifuoco notturno attualmente in vigore in altre parti d’Italia (23.00-05.00). (L’ordine del coprifuoco nelle zone gialle sarà spostato dal 7 giugno a mezzanotte e sarà completamente revocato il 21 giugno).

Le persone nelle zone bianche possono cenare a casa nei ristoranti. Nei negozi di liquori un numero limitato di persone può bere allo sportello e mantenersi a un metro di distanza l’uno dall’altro. Le palestre e le piscine coperte potrebbero riaprire.

READ  I progetti del tunnel di Stonehenge continuano nonostante la sentenza dell'Alta Corte Stonehenge

Una delle regole più insolite della zona bianca riguarda le discoteche autorizzate ad aprire, ma senza ballare.

Il National Institutes of Health (ISS) italiano ha annunciato venerdì che il tasso di riproduzione nazionale ‘R’ è sceso da 0,78 la scorsa settimana a 0,72, secondo gli ultimi dati Covid-19.

Il tasso di incidenza in Italia è sceso a 47 casi di coronavirus ogni 100.000 abitanti, rispetto ai 66 della scorsa settimana.

Il miglioramento della situazione ha portato alla speculazione che le regole della zona bianca potrebbero applicarsi a tutta l’Italia entro il 21 giugno.

Per informazioni ufficiali sulla situazione del Covid-19 in Italia – vedi – in inglese Sito web del Ministero della Salute.

Immagine: Riomagior, Liguria. Credito fotografico: Kirk Fisher / Shutterstock.com.