TRVPPINAPLES

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il cessate il fuoco tra Kirghizistan e Tagikistan continua dopo una giornata di pesanti combattimenti | Kirghizistan

Venerdì il giorno successivo sembra entrare in vigore un cessate il fuoco al confine tra Kirghizistan e Tagikistan Pesanti combattimenti tra i due ex vicini sovietici in Asia centrale Di conseguenza, circa 40 persone sono state uccise e circa 175 ferite.

Più di 7.000 persone dal Kirghizistan sono state evacuate dall’area colpita dai combattimenti mentre le forze dei due paesi hanno scambiato il fuoco intorno a un impianto di approvvigionamento idrico vicino al villaggio di Kok Tash, nel Kirghizistan occidentale al confine con Tagikistan.

Entrambi i paesi hanno rivendicato l’area intorno alla struttura di approvvigionamento idrico di Kok Tach, una disputa che risale a decenni fa.

Le comunità si scontrano regolarmente lungo il confine, ma la sparatoria di giovedì tra i due eserciti è stata la battaglia più feroce degli ultimi anni e ha sollevato il timore che potesse degenerare in un conflitto più ampio.

All’inizio di venerdì, i funzionari kirghisi hanno riferito di alcuni colpi di arma da fuoco al confine, ma in seguito hanno affermato che la tregua era stata osservata.

KirghizistanIl vice ministro della Salute Jalaluddin Rahmatlayev ha detto all’agenzia di stampa Interfax che 31 persone sono state uccise e altre 154 ferite negli scontri, che sono stati il ​​peggior scoppio di ostilità tra i due paesi dalla loro indipendenza nel 1991. L’Unione Sovietica.

E i funzionari locali della città tagika di Isfara, vicino all’area degli scontri, hanno riferito di otto morti e più di 30 feriti.

Gran parte del confine tagico-kirghiso rimane non segnato, alimentando aspre controversie su acqua, terra e pascoli. Le delegazioni del Kirghizistan e del Tagikistan hanno tenuto diversi cicli di colloqui negli ultimi anni, ma non sono riuscite a porre fine alla disputa sul confine.

READ  15 volontari francesi lasciano la grotta dopo 40 giorni senza luce né ore | Francia

L’ultimo conflitto è scoppiato mercoledì quando i funzionari tagiki hanno cercato di installare telecamere di sorveglianza per monitorare l’impianto di approvvigionamento idrico tra le tensioni sulla distribuzione dell’acqua, e i residenti del Kirghizistan si sono opposti alla mossa. Le due parti iniziarono a lanciarsi pietre a vicenda e presto le forze entrarono in battaglia.

Kirghizistan e Tagikistan Entrambi sono membri dell’Organizzazione del Trattato di sicurezza collettiva, che è dominata dalla Russia. Venerdì il ministero degli Esteri russo ha espresso preoccupazione per il conflitto e lo ha esortato a negoziare una soluzione permanente.

Venerdì l’Unione europea ha accolto con favore l’accordo di cessate il fuoco e ha sottolineato la necessità di una “soluzione durevole e pacifica”.

“Entrambe le parti dovranno prendere tutte le misure necessarie per evitare qualsiasi conflitto futuro”, ha detto Peter Stano, portavoce dell’Unione europea, aggiungendo che il blocco è pronto a fornire assistenza tecnica sulla gestione delle frontiere e delle acque, nonché supporto politico .