TRVPPINAPLES

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il bassista dei Cure Simon Gallup ha annunciato la sua partenza dalla band

trattamento Il bassista Simon Gallup ha annunciato sabato che lascerà la band dopo quasi 40 anni con leggende del rock goth.

“Con il cuore un po’ pesante non sono più un membro di The Therapy! Buona fortuna a tutti loro”, Gallup libri su Facebook. Quando un fan ha chiesto se l’uscita fosse legata alla salute, Gallup ha risposto: “Sto bene… sono solo stufo dell’infedeltà”.

I Cure e il cantante Robert Smith devono ancora commentare la partenza di Gallup. Tuttavia, il tastierista di lunga data della band Roger O’Donnell cinguettare Dopo l’annuncio di Gallup, “Un amico mi ha appena detto di aver visto Lol al Guitar Center comprare un basso????? Rapporti dell’autopsia del bulbo oculare.

Gallup, che era istigatore Inserito nella Rock and Roll Hall of Fame nel 2019 insieme ai suoi colleghi Cure, ha anche cancellato il suo account Twitter privato.

Sebbene Gallup non fosse il chitarrista fondatore dei Cure, si unì subito dopo l’uscita dell’album di debutto della band nel 1979. Tre ragazzi immaginari, che ha caratterizzato il chitarrista Michael Dempsey. Gallup è apparso su tutti e tre gli LP in “Dark Trilogy” dei Cure – 1980 diciassette secondi, 1981 Fede e 1982 pornografia Prima che le crescenti tensioni con Smith portassero alla sua uscita dai Cure nel 1982.

Due anni dopo, dopo il rilascio del trattamento quanto sopra Senza Gallup, Smith chiese al bassista di riunirsi al gruppo nel 1984, cosa che fece; Da allora Gallup è rimasto il chitarrista della band. L’ultimo album in studio del gruppo risale al 2008 4:13 sogno, ma Smith Raccontare roccia rotolante Nel 2019, la band stava lavorando a un nuovo album ispirato allo sbarco sulla luna del 1969.

READ  Corona virus ultima: il Festival di Cannes riprende dopo la fine della pandemia

in un Un 2019 NME colloquioSmith ha parlato dell’importanza di Gallup per la band. “Per me, Simon è sempre stato il cuore della band dal vivo, ed è sempre stato il mio migliore amico. È strano che nel corso degli anni e dei decenni sia stato spesso trascurato. Non rilascia interviste, non è davvero in giro e non non giocarmi il fioretto in pubblico, e con esso è assolutamente vitale per quello che facciamo”.

“Abbiamo attraversato alcuni momenti difficili nel corso degli anni, ma siamo riusciti a mantenere un’amicizia molto forte che è nata da quell’esperienza condivisa quando eravamo adolescenti. Quando hai amici così, soprattutto da così tanto tempo, ci vorrebbe qualcosa di veramente straordinario per quell’amicizia da rompere.”