TRVPPINAPLES

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

I proprietari di ristoranti dell’area di Madison che hanno resistito al COVID-19 dicono di sentirsi grati e supportati | Ristoranti

Ristoranti vicini

Almeno 30 ristoranti di fascia alta – inclusi caffè, caffè, pub e bar – sono stati chiusi nella zona di Madison lo scorso anno, a partire da alcuni prima dell’arrivo del COVID-19.

Molti hanno sofferto durante i mesi invernali, incapaci di coprire le proprie spese a causa dei ridotti limiti di capacità interna o dell’incapacità di fornire posti a sedere all’aperto.

Altri hanno chiuso temporaneamente, in attesa del dilagare della pandemia, alcuni devono ancora riaprire. Molti posti si sono concentrati sulla deportazione e / o sulla consegna per farti superare momenti difficili.

Nel 2018, la sanità pubblica Madison e la contea di Dane hanno rilasciato 254 licenze per alimenti e bevande. Questo è lo stesso numero che è stato rilasciato, nel 2019, a 249. Ma nel 2020, quel numero è sceso a 97.

Dal 29 marzo di quest’anno, con la promessa di vaccinazioni di massa e la graduale riapertura della società, 223 aziende hanno richiesto licenze per alimenti e bevande. Di questi, 115 sono stati approvati mentre 108 sono in attesa di visita sanitaria.

Sebbene le perdite inflitte dalla pandemia a molte aziende siano state gravi, non sembra aver avuto un impatto significativo sulla chiusura dei ristoranti, che stanno fallendo così spesso e per una serie di altri motivi.

Infatti, il numero di operatori che avevano smesso di operare nell’anno prima della pandemia è stato il doppio rispetto all’anno successivo. Tra il 15 marzo 2019 e il 15 marzo 2020, 309 titolari di licenza non sono stati rinnovati. Tra il 15 marzo 2020 e il 15 marzo 2021, questo numero era pari a 149, sebbene 58 di questi fossero dovuti a un cambio di operatore / proprietario.

READ  L'amato fondatore del Café Diplomatico e leader della comunità Rocco Mastrangelo Sr. muore a 87 anni

È importante notare che molti titolari di licenza potrebbero rimanere senza attività prima che le tasse di rinnovo vengano riscosse entro la fine di giugno e la loro amministrazione verificherà la chiusura, ha affermato Bonnie Koenig, che sovrintende ai servizi di salute ambientale presso il Dipartimento della sanità pubblica.

Eppure molte persone hanno richiesto nuove licenze durante la pandemia: 349, ovvero più del doppio del numero che ha smesso di funzionare.