TRVPPINAPLES

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

I parlamentari affermano che il Regno Unito ha bisogno del registro nazionale dei decessi per disturbi alimentari | problemi alimentari

I decessi per disturbi alimentari dovrebbero essere registrati nel registro nazionale, esortano i parlamentari, poiché gli esperti avvertono di una “crisi” non segnalata nel crescente numero di persone nel Regno Unito che soffrono di disturbi potenzialmente letali.

Mentre i dati dell’ONS mostrano che 36 persone sono morte nel 2019 per condizioni come l’anoressia, si teme che questo sottostimi il vero bilancio. Uno studio statunitense di alto livello fornisce dati stimati sui tassi di mortalità che, una volta trasferiti nel Regno Unito, indicano che il tasso di mortalità annuale potrebbe essere di circa 1.860 persone all’anno.

I rappresentanti di tutto lo spettro politico chiedono una migliore ricerca e raccolta di dati su condizioni come l’anoressia e la bulimia. L’analisi dei dati del Guardian mostra che c’è anche un’epidemia nascosta tra gli uomini e tempi di attesa aumentati per bambini e ragazzi in cerca di aiuto.

Caroline Knox, deputata conservatrice per Rumsey e Southampton North, ha dichiarato: “Sono preoccupato che i decessi per disturbi alimentari vengano raccolti in modi diversi in tutto il paese, il che potrebbe risultare in una sottostima. Ho chiesto al dipartimento Salute e benessere se prenderanno in considerazione un metodo di segnalazione centralizzata”.

Olivia Blake, deputata laburista di Sheffield Hallam, ha dichiarato: “Anche con i dati limitati disponibili, sappiamo che i disturbi alimentari sono il più grande killer di qualsiasi condizione di salute mentale. Possiamo solo prevedere che i numeri esatti sono in realtà molto più alti”.

Agnes Eaton, presidente della School of Eating Disorders presso il Royal College of Psychiatrists, ha affermato che i disturbi alimentari non sono sempre la causa diretta della morte – ad esempio, una persona gravemente malnutrita può morire per insufficienza d’organo – quindi l’impatto potrebbe essere sottovalutato. “Dobbiamo formare medici e altri professionisti come i coroner, che hanno la responsabilità di registrare questi decessi sia in ambito acuto che ospedaliero, ma anche a casa”, ha affermato.

READ  Russia: Lasceremo la Stazione Spaziale Internazionale e costruiremo il nostro | Stazione Spaziale Internazionale

esperti avvertito all’inizio di quest’anno La pandemia ha portato a livelli crescenti di disturbi alimentari poiché le persone si sono trovate isolate durante i blocchi e si sono sentite fuori controllo.

Le statistiche ufficiali di morte si basano sui dati raccolti nell’ambito dell’anagrafe civile, che si basa sul certificato medico di causa di morte compilato dal medico o sulle conclusioni del patologo dopo l’indagine.

medico legale Sean Hursted ha recentemente espresso preoccupazione per una “significativa sottostima” dei decessi per disturbi alimentari. Egli ha detto in un rapporto Data la morte di cinque donne, c’era una “mancanza di dati robusti e affidabili” sulla malattia.

Il medico legale ha affermato che sebbene i disturbi alimentari abbiano il più alto tasso di mortalità per malattie mentali, era “preoccupato che potesse esserci una significativa sotto-segnalazione della misura in cui i disturbi alimentari causano o contribuiscono alla morte”.

La preoccupazione per la mancanza di ricerca arriva in mezzo a una cosiddetta “crisi” nel numero crescente di persone con disturbi alimentari che non possono ottenere un trattamento tempestivo.

L’analisi dei dati del Guardian mostra un aumento significativo del numero di uomini con problemi NHS I dati numerici che mostrano coloro che si presentano in ospedale sono passati da 911 nel 2016 a 1.825 nel 2020.

Eaton ha affermato che questa è probabilmente la “punta dell’iceberg” con i disturbi alimentari tra gli uomini spesso un “problema nascosto”.

Eaton ha detto che gli uomini possono lottare con i disturbi alimentari per decenni e poi essere in cliniche. “I dati sull’accettazione sono davvero la punta dell’iceberg”, ha detto, aggiungendo che hanno dovuto affrontare una crescente pressione sull’immagine corporea e sono stati anche influenzati dai messaggi anti-obesità del governo.

Separatamente, le cifre mostrano un aumento di sette volte del numero di bambini e giovani in attesa di cure urgenti per un disturbo alimentare e un aumento del 158,6% di quelli in attesa di cure di routine rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso.

Knox, che in qualità di presidente della Commissione per le donne e l’uguaglianza, ha contribuito a produrre un rapporto evidenziando L’impatto della pandemia su come le persone vedono il proprio corpoIl coronavirus, ha detto, è stato un catalizzatore perché “le interazioni sociali e le reti di supporto sono state strappate alle persone”.

Ha aggiunto: “C’è una crisi nel numero di persone con disturbi alimentari, ma c’è anche una crisi nella loro capacità di accedere ai servizi di supporto in modo tempestivo… Se qualcuno che sembra avere difficoltà a mangiare si fa avanti e chiede aiuto , questa è la cosa peggiore per te.” La sua cosa è allontanarli e dire loro di aspettare.”

Il ministro della salute mentale Nadine Dorries ha dichiarato: “Riconosco quanto sia importante per le persone con disturbi alimentari ottenere il supporto di cui hanno bisogno e invito chiunque abbia bisogno di aiuto a farsi avanti.

“Il nostro impegno per espandere e trasformare i servizi di salute mentale in Inghilterra è sostenuto da ulteriori 2,3 miliardi di sterline all’anno entro il 2023-24, nonché dal nostro piano d’azione per il recupero della salute mentale, che ci assicura di fornire il giusto accesso nei prossimi anni per aiutare le persone una varietà di condizioni di salute mentale, compresi i disturbi alimentari”.