TRVPPINAPLES

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

I manifestanti thailandesi si scontrano con la polizia antisommossa per la gestione del Covid | Tailandia

Più di mille manifestanti anti-governativi in ​​Thailandia si sono scontrati sabato con la polizia a Bangkok mentre si sono radunati contro l’incapacità del governo di affrontare l’epidemia di coronavirus e il suo impatto sull’economia.

I manifestanti hanno marciato verso la sede del governo, l’ufficio del primo ministro, Prayut Chan-ocha, chiedendo le dimissioni del leader.

La polizia ha bloccato una strada vicino al Monumento alla Vittoria nella capitale thailandese utilizzando container e ha sparato gas lacrimogeni e proiettili di gomma per costringere i manifestanti a tornare indietro.

“Stiamo mantenendo questa linea”, ha annunciato la polizia attraverso gli altoparlanti.

Circa 100 agenti in tenuta antisommossa e scudi sono stati visti a pochi metri da dove si erano radunati i manifestanti.

Diversi gruppi, tra cui gli ex alleati politici di Prayuth, hanno organizzato proteste di piazza contro il governo nelle ultime settimane, mentre la frustrazione aumenta per la sua gestione dell’epidemia di coronavirus e per i danni che le misure pandemiche hanno causato all’economia.

La Thailandia sabato ha registrato un numero record di quasi 22.000 nuove infezioni da Covid-19 in un solo giorno e 212 decessi, il numero più alto mai raggiunto.

In totale, il paese del sud-est asiatico ha segnalato 736.522 casi e 6.066 decessi dall’inizio della pandemia lo scorso anno.

READ  La diciassettenne che ha spinto l'orso giù da un muro per salvare i suoi cani condivide le sue ferite