TRVPPINAPLES

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

I colloqui volti a raggiungere un accordo turco-greco hanno invece acceso polemiche

Gli alti diplomatici di Turchia e Grecia hanno litigato pubblicamente giovedì sera dopo una serie di colloqui volti ad allentare le tensioni sulle differenze regionali tra i due vicini e l’isola divisa di Cipro.

Il ministro degli Esteri greco Nikos Dendias si è recato in Turchia per la prima volta da quando le navi da guerra dei due paesi erano state assediate Scontro pericoloso Nel Mediterraneo orientale lo scorso anno, la perforazione di idrocarburi nelle acque contese ha suscitato minacce da parte dell’Unione europea di imporre sanzioni.

La Turchia è un candidato per l’adesione all’Unione europea, ma ha deboli rapporti con gli Stati membri di Grecia e Cipro Erosione dei diritti umani in patria Aveva interrotto il suo tentativo.

In una dichiarazione congiunta televisiva, Dendias ha affermato che Atene ha sostenuto l’ingresso della Turchia nell’Unione europea perché era nell’interesse della Grecia avere il suo vicino come alleato nel blocco – ma la Turchia ha dovuto prima “fermare l’escalation ed evitare dichiarazioni che potrebbero rovinare il nostro relazioni.”

Ha sottolineato che “le violazioni regionali sono aumentate negli ultimi tempi e queste violazioni costituiscono un ostacolo alla creazione di un ambiente di fiducia”. “Se la Turchia continua a violare i nostri diritti sovrani, le sanzioni e le misure sul tavolo torneranno all’ordine del giorno”.

Le sue assicurazioni hanno evidentemente fatto arrabbiare il ministro degli Esteri di Ankara Mevlut Cavusoglu, che ha accusato Dendias di deviare dal testo del messaggio “positivo” concordato durante i colloqui chiusi e di fare “accuse altamente inaccettabili” per fare appello all’opinione pubblica greca non appena si fosse opposto. Di fronte alle telecamere.

Cavusoglu ha detto: “Non siamo d’accordo su questi temi, e nonostante il consenso che abbiamo raggiunto su questi temi durante il nostro incontro, se vengo qui e incolpo la Turchia, risponderò”. Ha detto che la Turchia non sta violando la sovranità greca, ma sta solo difendendo i suoi diritti nel Mediterraneo orientale ei diritti dei turco-ciprioti.

READ  La coppia la cui "rivelazione" di genere ha causato gli incendi in California è stata accusata | Notizie meteo

Dendias rispose: “Sarei sorpreso se ti aspettassi che fossi qui ad Ankara e non esprimessi queste preoccupazioni, come se nulla fosse accaduto nell’Egeo o nel Mediterraneo orientale”.

La Turchia ha detto di voler “voltare pagina” con l’Unione Europea, ma i suoi recenti metodi diplomatici sono stati offuscati da imbarazzanti scivoloni.

La scorsa settimana, Ursula von der Leyen, presidente della Commissione europea, cosa Non dare una sedia accanto al presidente Recep Tayyip Erdogan Durante la sua visita ad Ankara. Charles Michel, presidente del Consiglio europeo, si è insediato al fianco di Erdogan, e la violazione del protocollo ha portato ad accuse di sessismo nei confronti dei due uomini.

Gli alleati della NATO, Grecia e Turchia, sono in disaccordo sui confini marittimi nell’Egeo e nel Mediterraneo e intorno a Cipro, che sono stati divisi lungo linee etniche dall’invasione della Turchia nel 1974 in risposta a un colpo di stato di breve durata da parte dei greco-ciprioti.

Cavusoglu e Dendias si incontreranno di nuovo alla fine del mese, quando si terranno a Ginevra i colloqui su Cipro, mediati dalle Nazioni Unite.

Cavusoglu ha respinto il suggerimento di Dendias secondo cui Ankara ha utilizzato milioni di rifugiati siriani in Turchia come leva contro la Grecia e l’Unione europea. “In quattro anni, ho costretto 80.000 persone a tornare e ho scaricato coloro che non erano tornati in mare”, ha detto Dendias.

Dendias, che ha anche incontrato Erdogan, ha invitato la Turchia a sostenere la libertà religiosa per la sua popolazione in calo di 3.000 o giù di lì di etnia greca. Ha detto che Atene si aspetta che la Turchia converta gli antichi insegnanti ortodossi in musei. Erdogan si è trasformato lo scorso anno Hagia Sophia del VI secolo E la chiesa di Chora di 1.000 anni nelle moschee, che sfida le obiezioni di Grecia, Stati Uniti e UNESCO.

READ  Ultime notizie di viaggio: questa settimana l'Europa revoca il divieto di viaggio negli Stati Uniti

Un funzionario dell’ufficio di Mitsotakis, che ha richiesto l’anonimato, ha detto che Dendias ha tenuto “consultazioni complete” con Kyriakos Mitsotakis, il primo ministro greco. Ha detto: “Il ministro degli Esteri aveva un ordine esplicito: se è provocato, deve essere risposto in questo modo”.