TRVPPINAPLES

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

I cervelli degli uccelli si sono lasciati alle spalle altri dinosauri

Modello 3D del cervello di Ichthyornis

Modello 3D trasparente di un teschio e un cervello di uccello fossilizzati (rosa). Credito: Christopher Torres/Università del Texas ad Austin

Oggi essere “presuntuoso” significa dimenticare dove hai lasciato le chiavi o il portafoglio. Ma 66 milioni di anni fa, questo potrebbe aver significato la differenza tra la vita e la morte e potrebbe aiutare a spiegare perché gli uccelli erano gli unici dinosauri rimasti sulla Terra.

La ricerca su un fossile di uccello recentemente scoperto condotta dall’Università del Texas ad Austin ha scoperto che la forma unica del cervello potrebbe essere il motivo per cui gli antenati degli uccelli viventi sono sopravvissuti all’estinzione di massa che ha ucciso tutti gli altri dinosauri conosciuti.

“Gli uccelli viventi hanno cervelli più complessi di qualsiasi altro animale conosciuto ad eccezione dei mammiferi”, ha detto il ricercatore capo Christopher Torres, che ha condotto la ricerca mentre riceveva il suo dottorato di ricerca. Ha conseguito il dottorato di ricerca presso il College of Natural Sciences dell’Università del Texas ed è ora Postdoctoral Fellow presso la Ohio University National Science Foundation e Research Associate presso la School of Geosciences di UT Jackson. “Questo nuovo fossile ci permette finalmente di testare l’idea che questi cervelli abbiano avuto un ruolo chiave nella loro sopravvivenza”.

Il fossile ha circa 70 milioni di anni e ha un cranio quasi completo, un evento raro nella documentazione fossile che ha permesso agli scienziati di confrontare gli uccelli antichi con quelli viventi oggi.

I risultati sono stati pubblicati il ​​30 luglio 2021 sulla rivista progresso scientifico.

Ecchiornis teschio fossile

Cranio fossile di Ichthyornis, un uccello vissuto 70 milioni di anni fa durante il tardo Cretaceo. Credito: Christopher Torres/Università del Texas ad Austin

Il fossile è un nuovo esemplare di un uccello di nome attrice, che si estinse contemporaneamente ad altri dinosauri non marini e visse in quello che oggi è il Kansas durante la tarda gessoso intervallo. attrice Ha un mix di caratteristiche di dinosauro e uccello, comprese le mascelle piene di denti ma un becco. Il cranio intatto ha permesso a Torres e ai suoi collaboratori di dare un’occhiata più da vicino al cervello.

READ  Il riscaldamento globale indotto dall'uomo "causa più di un terzo dei decessi legati al calore" | Cambiamento climatico

I teschi degli uccelli sono strettamente avvolti intorno ai loro cervelli. Utilizzando i dati della tomografia computerizzata, i ricercatori hanno utilizzato un teschio attrice Come un modello per creare una replica 3D del suo cervello chiamato endocast. Hanno confrontato questa trasmissione indoor con quelle create per uccelli vivi e lontani parenti di dinosauri.

confronto del cervello degli uccelli

Gli antenati degli uccelli viventi avevano una forma del cervello molto diversa dagli altri dinosauri (compresi altri primi uccelli). Ciò suggerisce che le differenze cerebrali potrebbero aver influenzato la sopravvivenza durante l’estinzione di massa che ha spazzato via tutti i dinosauri non galleggianti. Credito: Christopher Torres/Università del Texas ad Austin.

I ricercatori hanno scoperto che il cervello attrice Aveva più in comune con i dinosauri non galleggianti che con gli uccelli viventi. In particolare, gli emisferi cerebrali – dove nell’uomo si verificano funzioni cognitive superiori come la parola, il pensiero e le emozioni – sono molto più grandi negli uccelli viventi che negli uccelli viventi. attrice. Questo modello suggerisce che queste funzioni possono essere collegate alle estinzioni di massa sopravvissute.

“Se un tratto del cervello influenzasse la sopravvivenza, ci aspetteremmo che fosse presente nei sopravvissuti ma assente nelle lesioni, come attricedisse Torres. “Questo è esattamente quello che vediamo qui.”

La ricerca di teschi dei primi uccelli e di dinosauri strettamente correlati è stata per secoli una sfida per i paleontologi. Gli scheletri di uccelli sono notoriamente fragili e raramente sopravvivono nei reperti fossili intatti in tre dimensioni. I crani ben conservati sono particolarmente rari, ma è esattamente ciò di cui gli scienziati hanno bisogno per capire come appare il loro cervello nella vita.

READ  La NASA sta cercando di riportare sulla Terra parti di Titano, la luna di Saturno, che potrebbe essere l'habitat della vita

attrice “È la chiave per risolvere questo enigma”, ha detto Julia Clark, professore alla School of Geosciences di UT Jackson e co-autrice dello studio. “Questo fossile ci aiuta ad avvicinarci a rispondere ad alcune domande urgenti sugli uccelli viventi e sulla loro sopravvivenza tra i dinosauri”.

Riferimento: “The Evolution of Bird Nerve Mass and Body Mass Through the End-Cretaceous Mass Extinctions: The Shape of the Bird Brain Behind Other Dinosaurs” di Christopher R. Torres, Mark A. Norell e Julia A. Clark, 30 luglio, 2021 Disponibile qui. progresso scientifico.
DOI: 10.1126 / sciadv.abg7099

Mark Norell, curatore e presidente del Dipartimento di Paleontologia presso l’American Museum of Natural History, è stato coautore dello studio. Questo lavoro è stato finanziato dal Science Education Program dell’Howard Hughes Medical Institute, dalla Jackson School of Earth Sciences e dall’American Museum of Natural History.