TRVPPINAPLES

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

I britannici hanno una scadenza per mantenere i loro diritti in cinque paesi dell’Unione europea | Brexit

Decine di migliaia di cittadini britannici in cinque Stati membri dell’UE, tra cui Francia e Paesi Bassi, devono ancora richiedere la residenza dopo la Brexit e rischiano di perdere il diritto di vivere e lavorare lì a meno che non presentino le loro richieste entro 30 giorni.

Michaela Benson, professoressa di sociologia generale alla Lancaster University, specializzata in: Studia i residenti britannici nell’Unione europea.

“Abbiamo urgentemente bisogno di più contatti – dal Regno Unito, dall’Unione Europea e dagli Stati membri – per entrare in contatto, soprattutto con i cittadini britannici vulnerabili e difficili da raggiungere che rischiano di perdere un punto di svolta vitale”.

Secondo i termini dell’accordo di recesso, i cittadini britannici che risiedevano legalmente in uno dei 27 stati membri dell’Unione europea alla fine del periodo di transizione il 31 dicembre hanno diritto alla residenza permanente e alla protezione dei loro diritti fondamentali.

Quattordici paesi, tra cui Spagna, Germania, Portogallo e Italia, hanno optato per sistemi che concedono automaticamente un nuovo status di residenza dopo la Brexit ai residenti legali britannici, senza il rischio di perdere i diritti se non viene rispettata la scadenza amministrativa.

Tuttavia, gli altri 13 gestiscono sistemi in base ai quali i cittadini britannici devono richiedere formalmente il loro nuovo status di residente. Cinque di loro – Francia, Paesi Bassi, Malta, Lussemburgo e Lettonia – avevano precedentemente fissato il 30 giugno come termine per farlo.

Le persone che sono a rischio di “cadere attraverso le lacune” sono spesso le più a rischio, ha detto Benson. “Coloro che sono usciti dal radar per qualsiasi motivo, forse perché non potevano dimostrare di restare legalmente quando dovevano”, ha detto.

“Le persone di cui preoccuparsi sono solo coloro che stanno demolendo, forse nelle zone periferiche. È improbabile che avanzino da soli. Ci saranno anche britannici senzatetto, britannici malati, bambini britannici in custodia”.

Secondo la Commissione mista tra l’Unione europea e il Regno Unito sui diritti dei cittadini, il cui ultimo rapporto è stato pubblicato il 28 aprile Rilasciato venerdì, Si stima che 298.000 britannici vivano in 13 paesi con i cosiddetti sistemi costituenti. Solo 190.000 hanno presentato domanda per il loro nuovo status.

Nei cinque paesi con una scadenza fissata alla fine di giugno, 25.500 residenti britannici in Francia che sono circa 148.000, secondo gli ultimi dati, devono ancora registrarsi, così come 8.300 dei 45.000 nei Paesi Bassi stimati a 45.000.

Quasi 800 devono ancora presentare domanda in Lettonia, 1.700 in Lussemburgo e 5.300 a Malta, insieme a 12.000 in Finlandia e Svezia, che hanno scadenza il 30 settembre. La scadenza in Belgio, Danimarca, Austria, Ungheria e Slovenia è il 31 dicembre.

Benson ha affermato che i numeri sono approssimativi perché la maggior parte di essi si basava sui dati del 2018 e alcuni paesi dell’Unione europea, come la Francia, non richiedevano ai residenti dell’UE di registrarsi presso le autorità per poter beneficiare dei servizi pubblici, quindi potrebbe essere un eufemismo .

“Ciò significa che potrebbero esserci molti più residenti britannici di quanto si possa immaginare, proprio come il Regno Unito aveva molti più residenti nell’Unione europea di quanto pensasse”, ha detto. “Inoltre, li rende più difficili da raggiungere rispetto a posti come i Paesi Bassi con record recenti”.

Secondo le direttive UE post-Brexit, “la mancata applicazione in tempo … può comportare la perdita di qualsiasi diritto ai sensi dell’accordo di recesso” nei paesi con regolamenti costitutivi, incluso il diritto di continuare a vivere in essi.

Secondo il rapporto della Commissione, circa 762.000 cittadini britannici vivono nei paesi dell’Unione Europea con sistemi automatici – o “illustrativi” – dello status di residenza post-Brexit, e quasi 165.000 cittadini sono stati registrati finora.

Molti di questi 14 paesi hanno anche delle scadenze per i residenti nel Regno Unito per registrarsi per il loro nuovo status, ma coloro che non devono affrontare una multa piuttosto che perdere i diritti.

READ  L'assassino di Robert F Kennedy ha concesso la libertà vigilata dopo 53 anni di carcere