TRVPPINAPLES

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Huawei potrebbe aver ascoltato le chiamate dalla rete mobile olandese Huawei

Fornitore cinese di apparecchiature per le telecomunicazioni Huawei È stato in grado di monitorare tutte le chiamate effettuate a una delle più grandi reti mobili dei Paesi Bassi, secondo un rapporto riservato visto dal quotidiano olandese De Volkskrant.

Il rapporto, preparato da Capgemini, una società di consulenza nel 2010 per KPN, ha concluso che la società cinese avrebbe potuto monitorare le chiamate del provider di 6,5 milioni di utenti senza che la società olandese ne fosse a conoscenza. Secondo il giornale.

Le conversazioni in cui fanno i dipendenti Huawei Olanda La Cina avrebbe potuto monitorarli, comprese le chiamate dell’allora primo ministro Jan Peter Balkenende e dei dissidenti cinesi, afferma il rapporto.

Sebbene la KPN abbia riconosciuto l’esistenza del rapporto, lunedì ha affermato di “non averlo mai notato”. Huawei Ha preso le informazioni dei clienti “, aggiungendo che nessuno dei suoi fornitori aveva” accesso non autorizzato, non censurato o illimitato alle nostre reti e ai nostri sistemi “.

Huawei, che solleva diffuse preoccupazioni sulla sicurezza in diversi paesi occidentali, ha respinto qualsiasi affermazione secondo cui potrebbe intercettare gli utenti di KPN. “Non siamo mai stati accusati dalle agenzie governative di agire in modo non autorizzato”, ha detto.

KPN ha iniziato a utilizzare la tecnologia Huawei nel 2009 e ha commissionato il rapporto dopo che il servizio di intelligence nazionale olandese AIVD aveva avvertito della possibilità di spionaggio. Il rapporto ha anche scoperto che Huawei potrebbe accedere ai numeri sfruttati dai servizi di sicurezza olandesi.

Il rapporto ha concluso che le sue scoperte mettono “la continua esistenza di KPN Mobile a grave rischio” perché gli utenti “potrebbero perdere la fiducia … se si venisse a sapere che il governo cinese può monitorare i numeri di telefono di KPN”.

READ  Nestlé taglierà quasi 600 posti di lavoro con la chiusura di uno stabilimento nel Regno Unito e trasferirà parte della produzione in Europa Notizie di affari

KPN ha continuato ad aggiudicare numerosi contratti per parti delle principali reti 3G e 4G a Huawei dopo aver ricevuto il rapporto Capgemini, che non ha mai annunciato.

Nel luglio 2019, una task force del governo olandese ha raccomandato uno screening più rigoroso dei fornitori di apparecchiature di telecomunicazione, ma nonostante gli avvertimenti del governo degli Stati Uniti e altri pericoli dello spionaggio cinese, Huawei non è stata bandita.

Tuttavia, nell’ultimo anno, KPN è diventato uno dei primi operatori europei ad escludere l’azienda cinese dalla rete centrale 5G, optando invece per la svedese Ericsson, mentre il governo olandese ha annunciato restrizioni più severe sui fornitori di apparecchiature, compresi i controlli dei precedenti. alle reti.

Nonostante la forte pressione degli Stati Uniti e l’annuncio del divieto in paesi come il Regno Unito – a partire da settembre 2021 – e la Svezia, i paesi europei sono divisi sulla loro posizione su Huawei, che ha ripetutamente negato lo spionaggio per lo stato cinese.

Tuttavia, l’Europa rimane un importante campo di battaglia per l’azienda: l’anno scorso ha annunciato di aver ottenuto 91 contratti commerciali per reti 5G, di cui 47 in Europa.