TRVPPINAPLES

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Hay Festival allo sbando mentre il regista si dimette dopo aver sostenuto le accuse di bullismo | Hai Festival

Il futuro dell’Hay Festival of Literature and the Arts, una delle più antiche e rispettate attrazioni culturali annuali della Gran Bretagna, è in uno stato di confusione questo fine settimana a seguito delle dimissioni del suo fondatore e direttore Peter Florence.

La sua decisione di dimettersi segue quello che il consiglio ha chiamato il sostegno unanime di giovedì scorso ai risultati di un’indagine indipendente che ha confermato una denuncia interna di bullismo contro Florence.

La decisione di Florence di dimettersi dopo oltre tre decenni alla guida dell’azienda segue un anno turbolento per l’evento, che si svolge ogni estate nella cittadina gallese di Hay-on-Wye.

Firenze è stata sospesa lo scorso ottobre Dopo le accuse di bullismo da parte di un membro dello staff, da allora è stato dichiarato malato. Florence afferma di aver “più volte comunicato con il consiglio di amministrazione allo scopo di risolvere le questioni in via amichevole, ma questo è stato rifiutato”.

Il direttore del festival Peter Florence, malato da quando ha commentato un presunto bullismo lo scorso ottobre.
Il direttore del festival Peter Florence, malato da quando ha commentato un presunto bullismo lo scorso ottobre. Fotografia: Peter Williams/Almy

In una pubblicità interna ho visto caposquadraFlorence, 56 anni, scrive: “Ritengo che il mio ruolo sia reso insostenibile dalla condotta del Consiglio di amministrazione e dalla loro insistenza nel tenere un’udienza disciplinare in mia assenza mentre ero malato dopo un tracollo”.

membri C’è un festival Si dice che il consiglio sia sconvolto questo fine settimana da “una soluzione così triste” di una controversia che minaccia di danneggiare il prestigio di un evento estremamente popolare, cruciale per il commercio di libri.

Il comunicato di Florence ha proseguito: “Per tutelare la mia salute non ho avuto altra scelta che dimettermi. Non ho avuto modo di affrontare o affrontare appieno le questioni interne sollevate e il Consiglio di Amministrazione ha cercato di isolarmi completamente dal processo. Sono estremamente orgoglioso dei successi di Hay Festival nel corso dei 35 anni”. Spero che continui a progredire sempre di più. Non desidero commentare ulteriormente in questo momento e continuo a cercare consulenza legale”.

Il consiglio ha affermato che la sua decisione ha seguito un “processo approfondito ed esteso, che è stato considerato una prova sostanziale a sostegno”. Florence si dimette subito e il cda cerca un nuovo direttore.

Da quando l’adesione di Florence è stata sospesa l’anno scorso, la CFO Tanya Hudson ha guidato la squadra Eventi digitali a dicembre e maggio.

La partenza di Firenze arriva dopo un periodo di espansione, con avamposti stabiliti in paesi come Spagna, Messico, Colombia e Perù. Per decenni, il festival ha collaborato con custodee orari della domenica, telegrafo Arte del cielo. Hay Festival International continuerà ad essere diretto da Christina Fuentes-La Roche.

Il festival, che in tempi normali dura 10 giorni a maggio e giugno e occupa la maggior parte della città stipata di librerie, è stato gravemente macchiato lo scorso autunno quando il curatore è stato Caitlin McNamara afferma di essere stata aggredita sessualmente Febbraio negli Emirati Arabi Uniti da un membro di una grande famiglia degli Emirati, Nahyan bin Mubarak Al Nahyan. Nahyan ha negato le accuse.

McNamara è stato inviato ad Abu Dhabi per un evento letterario autorizzato, alleato degli Emirati Arabi Uniti. Trovandosi a lavorare direttamente in un dipartimento governativo, il Ministero della Tolleranza, McNamara ha cercato di sollevare i diritti umani e le questioni femministe ed è stata invitata a casa di Nahyan, che gestisce il ministero. Ha subito affermato di essere stata gravemente aggredita sessualmente lì, e Florence è volata per aiutare. Ho lasciato il paese prima dell’inizio del festival e da allora Ha cercato di evidenziare l’incapacità del governo britannico di far avanzare il suo caso.

McNamara non ha indicato che il festival non è riuscito a sostenerlo, ma i critici hanno sostenuto che l’organizzazione letteraria non dovrebbe lavorare con uno stato accusato di fallimenti significativi nei diritti dei cittadini e nella libertà di espressione.

Hilary Mantell parla all'Hay Festival
Hilary Mantell è uno dei grandi letterati che sono apparsi all’Hay Festival nel corso degli anni Fotografia: Jeff Morgan/Almy

La presidente del festival, Caroline Michel, ha dichiarato l’anno scorso che l’evento non sarebbe tornato ad Abu Dhabi, a sostegno di McNamara, le cui accuse contro il ministro sono state segnalate ai pubblici ministeri britannici lo scorso novembre.

La pandemia ha pianificato per due anni un festival personale, durante il quale si ritiene che Firenze abbia sofferto di cattive condizioni di salute mentale. A marzo, il festival ha lanciato un appello al crowdfunding dopo che l’evento è stato spostato online.

Le accuse di mobbing che hanno portato alle dimissioni di Florence di un dipendente di Hay sono emerse poco dopo la notizia del presunto attentato a McNamara, ma i casi non sono collegati. All’epoca, l’avvocato di Florence ha dichiarato: “Il mio cliente è impegnato in un processo interno in corso e, in conformità con il suo dovere di mantenere la riservatezza con Hay Festival, non è in grado di commentare ulteriormente”.

Fin dalla sua fondazione nel 1988 da Florence e dai suoi genitori Rhoda e Norman, il festival ha ospitato molti nomi importanti della letteratura mondiale, da Mario Vargas Llosa e Young Chang a Martin Amis e Hilary MantellPer non parlare di statisti cosmopoliti come Bill Clinton, meglio conosciuto come il “Woodstock della mente”.

Florence, laureata a Cambridge e residente nell’Herefordshire, è stata anche al centro di polemiche nel 2019 quando ha presieduto la giuria del Booker Prize. Era l’anno in cui il premio metteva in discussione una regola fondamentale e Il premio viene assegnato a due autori congiuntamente. Bernardine Evaristo è stata la prima donna di colore a ricevere il premio per ragazza, donna, altro, ma l’ha condiviso con Margaret Atwood, per comandamenti, seguito di Il racconto dell’ancella.

READ  Quale film di auto ti ha cambiato?