TRVPPINAPLES

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Govt-19: Matt Hankok dice “abbiamo lavorato sodo per proteggere le case di manutenzione” dopo le critiche di Dominic Cummings | Notizie dal Regno Unito

A seguito delle forti critiche di Dominic Cummings, Matt Hancock ha insistito sul fatto che il governo “ha lavorato il più duramente possibile per proteggere le case di cura”.

Il segretario alla salute si è difeso per la seconda volta in un giorno A seguito degli attacchi all’ex consigliere capo di Boris Johnson.

Una delle affermazioni principali del signor Cummings era che il signor Hancock Kovit ha mentito sulle persone sottoposte a test prima di tornare alle case di cura nelle prime fasi delle infezioni.

L’onorevole Cummings ha detto ai legislatori mercoledì Il primo ministro ha scoperto nell’aprile 2020 che i pazienti ospedalieri non testati erano stati dimessi in case di cura e il signor Hancock ha detto al primo ministro che sarebbero stati esaminati un mese prima.

Segui in diretta: il segretario alla salute fornisce una descrizione di Downing Street

Alla domanda su questa affermazione, il signor Hancock ha detto a una conferenza stampa di Downing Street: “Ovviamente avevamo promesso di ottenere la polizza, l’ho promesso, ma ci è voluto del tempo per costruire il test.

“Non abbiamo iniziato con un grande sistema di test nel Regno Unito, e poi abbiamo sviluppato quel sistema di test, motivo per cui l’obiettivo di 100.000 era così importante perché ha davvero accelerato la disponibilità dei test, per dare priorità alle esigenze mediche quando non si ho molti test. “

Se nel marzo 2020 avesse detto al Primo Ministro e al signor Cummings che sarebbero stati tutti testati, il signor Hancock avrebbe detto: “Il mio ricordo degli eventi è che mi sono impegnato a fornire quel test agli assistenti dell’ospedale.

READ  I capi militari britannici si autoisolano dopo la cattura del capo militare Govt Corona virus

“Poi ho sviluppato la capacità di test per svariati motivi, inclusi tutti i tipi di applicazioni, e poi ho preso l’impegno che avevo preso”.

Dopo ulteriori domande, Hancock ha aggiunto: “Ci sarà un momento in cui potremo esaminare tutto questo in dettaglio, ma la cosa più importante ora è che abbiamo ancora un’epidemia”.

Il corrispondente politico di Sky News Joe Pike ha affermato che nonostante sia stato interrogato più volte sulla questione, Hancock non ha fornito risposte specifiche, ma ha fornito risposte generali.

Affrontando l’accusa di aver mentito il signor Hancock, il segretario alla sanità ha detto oggi ai Commons: “Abbiamo seguito i consigli medici sulla linea di condotta appropriata”.

I documenti del governo mostrano che i pazienti dimessi dall’ospedale non hanno bisogno di essere visitati in una casa di cura fino al 15 aprile 2020.

Utilizza il browser Chrome per un lettore video più accessibile

“Abbiamo ricevuto consulenza medica sui piani di dimissione”

Guida per le case di cura del 2 aprile 2020, le persone positive al COVID-19 possono essere dimesse in case di cura, ma dovrebbero essere isolate una volta lì.

Ha aggiunto: “Non sono richiesti test negativi prima del trasferimento / ricovero alla casa di cura”.

E a partire dal 13 marzo 2020, la linea guida affermava che lo scambio sociale è molto basso, “che chiunque riceva assistenza in una casa di cura o in una comunità ha molte meno probabilità di essere colpito”.

Gli ultimi dati delle agenzie statistiche del Regno Unito mostrano che ci sono stati 36.275 decessi correlati al COVID-19 nelle case di cura dallo scoppio dell’epidemia.

READ  Brexit News: la Gran Bretagna boicotta l'UE mentre le aziende minacciano di abbandonare il Regno Unito per rappresaglia | Regno Unito | notizia

Adam Burnell, responsabile dell’assistenza e della qualità presso la Cablegate Care Home nel Lancashire, ha dichiarato a Sky News: “Fino a maggio dell’anno scorso, ci era stato detto che non c’era bisogno di test per trasferire le persone dall’ospedale alle case di cura.

“Ci è stato detto che eravamo protetti, ma in ogni webinar che abbiamo avuto, ci è stato detto che le persone asintomatiche non avevano bisogno di essere testate”.

Il segretario alla salute Matt Hankok ha risposto a una domanda urgente a seguito di Dominic Cummings ''  Prove per i parlamentari
Immagine:
Il segretario alla sanità Matt Hancock aveva già risposto in pubblico a una domanda urgente

Il signor Cummings ieri ha mentito più volte al segretario sanitario, accusandolo di essere catastroficamente incompetente e dicendo che avrebbe dovuto essere rimosso in diverse occasioni durante le epidemie.

Il signor Hancock è stato attaccato per la sua politica sulle case di cura, l’acquisto di dispositivi di protezione individuale (DPI) e la sua promessa pubblica di mirare a 100 kg di test Kovit al giorno entro la fine di aprile 2020, cosa che ha interrotto la Whitehall.

All’inizio della giornata, il signor Cummings ha sottolineato che le accuse del signor Cummings erano “infondate” e “non vere”: “Ero sincero con il pubblico e con il privato”.

Il signor Cummings ha detto che un secondo ritardo di blocco lo scorso autunno ha portato a “decine di migliaia” di morti in più.

Utilizza il browser Chrome per un lettore video più accessibile

Cummings: “Hancock avrebbe dovuto essere rimosso”

Boris Johnson, durante una visita in ospedale giovedì, ha evitato di chiedersi se avesse fiducia nel signor Hancock.

Ma ha negato l’affermazione del signor Cummings secondo cui migliaia di persone erano morte inutilmente a causa del primo ministro.

READ  Matteo Salvini dovrà affrontare un processo per collisione con la nave di soccorso dei migranti | Italia

Al sig. Hancock è stato chiesto se i parlamentari avessero parlato al Primo Ministro della testimonianza del sig. Cummings e se Boris Johnson gli avesse personalmente assicurato la fiducia come segretario alla salute.

Ha risposto: “Il Primo Ministro e io parliamo sempre, stiamo lavorando incredibilmente duramente per ottenere il rilascio di questo vaccino il più ampiamente possibile, assicurandoci che le persone ricevano la loro seconda dose, specialmente nelle parti del paese in cui i casi iniziano a salire quando me ne vado. .

“Siamo concentrati.”