TRVPPINAPLES

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Google, Facebook e altre aziende tecnologiche minacciano di lasciare Hong Kong per legge sulla privacy | Hong Kong

Un gruppo industriale asiatico che include Google, Facebook e Twitter ha avvertito che le aziende tecnologiche potrebbero smettere di offrire i loro servizi al loro interno Hong Kong Se il territorio cinese persiste nei piani per modificare le leggi sulla privacy.

L’avvertimento è arrivato in una lettera inviata dall’Asia Internet Alliance, che comprende tutte e tre le società, nonché una mela Inc, LinkedIn e altri sono membri.

La lettera datata 25 giugno al commissario per la privacy del territorio sui dati personali, Ada Chung Lai-ling, ha affermato che gli emendamenti proposti alle leggi sulla privacy di Hong Kong potrebbero comportare “gravi sanzioni” per le persone, senza specificare quali siano le sanzioni.

“Imporre sanzioni mirate contro gli individui non è in linea con gli standard e le tendenze globali”, si legge nella lettera, i cui contenuti sono stati pubblicati per la prima volta dal Wall Street Journal.

“L’unico modo per evitare queste sanzioni alle società tecnologiche è astenersi dall’investire e fornire i propri servizi a Hong Kong, privando così i propri affari e consumatori di diritti, e creando al contempo nuove barriere al commercio”.

Nel documento di sei pagine, il direttore dell’AIC Jeff Payne ha riconosciuto che gli emendamenti proposti si concentrano sulla sicurezza e la riservatezza dei dati personali delle persone. “Tuttavia, vorremmo sottolineare che la diffamazione è una seria preoccupazione”, ha scritto.

Esperienza di Hong Kong Un’ondata di diffamazione senza precedenti — o la divulgazione pubblica di informazioni private o di identificazione personale su un individuo o un’organizzazione — durante le proteste di massa a favore della democrazia a Hong Kong nel 2019. Le parti di entrambe le parti hanno rilasciato dettagli personali, prendendo di mira polizia, politici, giornalisti e attivisti, nonché i loro famiglie.

I dettagli degli indirizzi di casa di alcuni ufficiali e scuole per bambini sono stati rivelati anche da manifestanti anti-governativi, alcuni dei quali hanno minacciato loro e le loro famiglie online.

“Noi … crediamo che qualsiasi legislazione contro la diffamazione, che può avere l’effetto di limitare la libertà di espressione, dovrebbe essere basata sui principi di necessità e proporzionalità”, ha affermato l’AIC.

Martedì, in una normale conferenza stampa, l’amministratore delegato di Hong Kong, Carrie Lam, ha affermato che la proposta di legge riguarderà solo la diffamazione “illegale” e ha affermato che il commissario per la privacy sarebbe felice di incontrare le aziende tecnologiche in caso di dubbi.

“C’è un ampio sostegno per la necessità di legalizzare la diffamazione”, ha detto Lam. “L’esercizio di emendamento è quello di affrontare la questione della diffamazione. Il commissario per la privacy ha il potere di agire e condurre un’indagine imbronciata, tutto qui”.

Ha detto che tutta la nuova legislazione ha sollevato preoccupazioni, prendendo come esempio il National Security Act, ma ha affermato che le preoccupazioni espresse sull’impatto che sarebbe stato mostrato non si sarebbero verificate. La legge sulla sicurezza nazionale è stata ampiamente condannata a livello internazionale, ma le autorità di Hong Kong sostengono che ha portato stabilità alla città.

Lam ha detto che la legge sulla sicurezza è stata “calunniata e calunniata”. “È lo stesso caso con la legge sulla privacy”, ha concluso.

Facebook non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento di Reuters, mentre Twitter ha rivolto domande all’AIC. Google ha rifiutato di commentare.

Un giro di vite completo sul dissenso e il dissenso da parte delle autorità di Hong Kong ha accelerato con l’attuazione del suo piano di Pechino Legge sulla sicurezza nazionale l’anno scorso. Più di 10.000 persone sono state arrestate in relazione alle proteste e almeno 128 persone, inclusi giornalisti e politici, sono state arrestate in relazione a nuovi crimini di sicurezza nazionale. Il governo di Hong Kong ha respinto le critiche internazionali alla repressione, promettendo invece di rafforzare le leggi.

– Reuters ha contribuito a questo rapporto

READ  La corte giordana incarcera ex funzionari per 15 anni per presunto complotto reale | Giordania