TRVPPINAPLES

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Gli scienziati avvertono del “pericolo spericolato” che deriva dai nostri sforzi per contattare gli alieni

Il contatto con gli alieni potrebbe portare alla “fine della vita sulla Terra” e dovremmo smettere di cercare di comunicare con gli esseri extraterrestri, avverte un grande fisico.

  • Un gruppo di astronomi si sta ritirando dalla preoccupazione dell’umanità per il contatto alieno, avvertendo che potrebbe portare alla “fine della vita sulla Terra”.
  • L’astronomo SETI Joe Gertz afferma che i nostri tentativi di comunicare con gli extraterrestri sono un “sconsiderato pericolo per tutta l’umanità”.
  • In un articolo apparso sul Washington Post, il fisico e scrittore scientifico Mark Buchanan descrive in dettaglio alcuni recenti incontri UFO con la Marina degli Stati Uniti.
  • Data l’età relativamente giovane della nostra galassia rispetto al resto dell’universo, Buchanan crede che saremo senza dubbio la civiltà più primitiva.
  • Tuttavia, gli astronomi di una diversa scuola di pensiero sostengono che la comunicazione spaziale è la chiave per la futura sostenibilità del nostro pianeta attraverso la tecnologia spaziale.

Il fisico e scrittore scientifico Mark Buchanan ha scritto in un recente rapporto: Washington Post editoriale.

Buchanan inizia la clip facendo riferimento ai video rilasciati nell’aprile 2020 dal Dipartimento della Difesa, uno dei quali mostra un aereo della Marina degli Stati Uniti che sperimenta “fenomeni aerei non identificati”, inclusi oggetti che volano e si muovono a velocità e direzioni impossibili per l’uomo. volare.

Solo un anno fa, il filmato trapelato dal Pentagono mostrava un oggetto volante non identificato in bilico su San Diego, suggerendo che forse un “incontro ravvicinato con il Tipo III” non è lontano dall’avvenire.

READ  La NASA sta cercando di riportare sulla Terra parti di Titano, la luna di Saturno, che potrebbe essere l'habitat della vita

Ma non dovremmo presumere che questi aspiranti alieni arrivino in pace, secondo un gruppo di astronomi citato nell’articolo di Buchanan.

In un video pubblicato dal Dipartimento della Difesa l’anno scorso, un aereo della Marina degli Stati Uniti incontra un UFO, mentre gli oggetti volano e si muovono a velocità e direzioni impossibili per il volo artificiale.

Nel 2019, il filmato trapelato dal Pentagono mostrava un oggetto volante in bilico su San Diego, suggerendo che forse un

Nel 2019, il filmato trapelato dal Pentagono mostrava un oggetto volante in bilico su San Diego, suggerendo che forse un “incontro ravvicinato del terzo” non è lontano dall’accadere dopotutto.

È probabile che dovremmo essere tutti grati di non avere ancora alcuna prova di contatto con civiltà aliene, ha scritto Buchanan.

“Cercare di comunicare con gli extraterrestri, se esistono, potrebbe essere molto pericoloso per noi”.

La ricerca dell’intelligenza extraterrestre L’astronomo Joe Geertz ha fatto eco ai sentimenti di Buchanan, osservando che tutti i nostri tentativi di comunicare con gli extraterrestri potrebbero alla fine “mettere in pericolo l’intera umanità”, essere fuorilegge con conseguenze criminali, presumibilmente praticati a livello nazionale o amministrati. Attraverso la Corte internazionale di giustizia dell’Aia.

Buchanan ha paragonato un possibile incontro con un alieno alla venuta di Cristoforo Colombo in Nord America, dove l’antica civiltà era vulnerabile agli europei tecnologicamente più avanzati.

Nella foto: Douglas Vakoch gestisce un'organizzazione di ricerca senza scopo di lucro dedicata alla trasmissione di segnali destinati alle civiltà extraterrestri.

Nella foto: Douglas Vakoch gestisce un’organizzazione di ricerca senza scopo di lucro dedicata alla trasmissione di segnali destinati alle civiltà extraterrestri.

Mark Buchanan (nella foto) crede che saremo senza dubbio la civiltà più primitiva di fronte a popolazioni di galassie e pianeti di milioni di anni più vecchi di noi.

Mark Buchanan (nella foto) crede che saremo senza dubbio la civiltà più primitiva di fronte a popolazioni di galassie e pianeti di milioni di anni più vecchi di noi.

Data l’età relativamente giovane della nostra galassia, Buchanan crede che saremo senza dubbio la civiltà più primitiva di fronte a popolazioni di galassie e pianeti di milioni di anni più vecchi di noi.

READ  I casi di coronavirus cadono per il quarto giorno consecutivo, ma gli esperti avvertono di "falsi picchi"

Tuttavia, astronomi e scienziati di una diversa scuola di pensiero ritengono che la comunicazione extraterrestre possa giovare all’umanità solo attraverso l’uso della tecnologia spaziale, che a sua volta può migliorare la sostenibilità del pianeta.

Douglas Vakoch, astrobiologo americano, ricercatore di intelligence extraterrestre, psicologo e presidente di METI International, è un astronomo che non solo crede nella comunicazione con gli alieni, ma lo fa attivamente.

In qualità di presidente di METI International, Vakoch gestisce un’organizzazione di ricerca senza scopo di lucro dedicata alla trasmissione di segnali destinati alle civiltà extraterrestri.

Ignorando i nostri doveri come membri di un quartiere potenzialmente galattico, rischiamo di “perdere la guida che può migliorare la sostenibilità della nostra civiltà”, scrive.

Vakoch ha anche curato più di una dozzina di libri presso SETI, che forniscono copie delle proposte dell’organizzazione su sito web Coinvolgere il pubblico nella partecipazione a questa conversazione sull’opportunità o meno di raggiungere le stelle.

Annunci