TRVPPINAPLES

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Gli inglesi devono lavorare da casa a tempo indeterminato, dicono i funzionari del governo

I funzionari del governo ritengono che gli inglesi dovrebbero continuare a lavorare da casa a tempo indeterminato nonostante il tasso di infezione sia al minimo dall’inizio di settembre.

Dicono che non c’è bisogno di tornare di corsa in ufficio poiché ciò aumenta notevolmente la loro connessione con gli altri.

I dati pubblicati dall’Office for National Statistics hanno mostrato un ulteriore calo di 1 settimana nel numero di infezioni.

Solo una persona su 1.180 ha contratto il virus nei sette giorni fino al 2 maggio, rispetto a una su 1.010 della settimana precedente.

Questo è il più basso dalla settimana terminata il 5 settembre, quando era 1 su 1.400.

L’efficacia del lavoro da casa è stata oggetto di molte ricerche, con uno studio pubblicato alla fine di aprile che lo afferma Potrebbe portare i britannici a perdere opportunità di lavoro e creare discriminazioni in ufficio.

I cosiddetti modelli di “lavoro ibrido” che danno ai dipendenti la flessibilità di lavorare tra casa e ufficio potrebbero “ritardare il lavoro di decenni indietro”, secondo un team di psicologi aziendali della società OE Cam con sede a Cambridge.

Ma gli alti consiglieri del governo hanno messo in guardia contro la promozione di un ritorno in carica in estate tra le preoccupazioni che ciò potrebbe incoraggiare una terza ondata di Coronavirus.

I membri di Sage hanno sostenuto che lavorare in modo semplice ed economico per ridurre i contatti.

I funzionari del governo ritengono che gli inglesi dovrebbero continuare a lavorare da casa a tempo indeterminato nonostante il tasso di infezione sia al minimo dall’inizio di settembre. (File foto)

Il consiglio attuale è di lavorare da casa a meno che non sia richiesta la presenza in ufficio.

Una fonte di consulenza di alto livello ha detto volte Non sarebbe meglio tornare negli uffici su larga scala, almeno fino a quando non si sarà capito come le riaperture aggiuntive avrebbero influenzato il Paese.

Ian Boyd, un membro di Sage e professore presso l’Università di St Andrews, è d’accordo, dicendo: “ Sulla base delle informazioni che ho visto, non dovremmo ignorare la capacità del virus di tornare da noi. Mantenere misure ragionevoli per ridurre il tasso di contatti non necessari tra le persone è proporzionale alle circostanze.

Ma Mike Tildesley dell’Università di Warwick, che è anche membro del Sage Spi-M Modeling Committee, ha dichiarato: “ Le persone che lavorano da casa ridurranno il rischio di infezione, ma a un certo punto abbiamo anche bisogno di una sorta di ritorno alla vita normale dal punto di vista della salute mentale e del lusso.

R è compreso tra 0,8 e 1 – in linea di massima come è stato negli ultimi mesi – il che significa che l’epidemia si sta ancora riducendo.

Ieri sono stati confermati 2.490 nuovi casi e 15 decessi.

Fonti governative ritengono che i dipendenti dovrebbero continuare a lavorare da casa anche dopo il 21 giugno, quando Boris Johnson spera che quasi tutte le restrizioni vengano eliminate.

Dicono che la pandemia non è finita e c’è ancora molta incertezza.

Le fonti ritengono inoltre che alcune misure di allontanamento sociale, tra cui tenere i tavoli separati nei ristoranti e le finestre lasciate aperte negli edifici pubblici e sui mezzi di trasporto, siano destinate a restare.

READ  La carenza di manodopera nel Regno Unito colpisce le imprese di consumo mentre la produzione di automobili crolla un lavoro

Sospettano che se il 17 maggio il pubblico spingesse al limite un ulteriore allentamento delle restrizioni, le infezioni potrebbero aumentare.

Tra nove giorni, amici e parenti potranno incontrarsi dentro e abbracciarsi per la prima volta in quasi sei mesi.

Potranno anche sedersi al chiuso in bar e ristoranti. Tuttavia, i funzionari dicono che i lavoratori non dovrebbero tornare in ufficio “per intero” fino a quando la pandemia non si sarà aggravata, non solo nel Regno Unito ma in tutto il mondo.

Diverse aziende hanno adattato le loro pratiche e stanno pianificando di introdurre modelli “ibridi” in cui i dipendenti entrano a turno uno o due giorni alla settimana.

All’inizio di questa settimana, un sondaggio della BBC ha rilevato che 43 delle 50 più grandi aziende del paese non hanno intenzione di riportare i dipendenti negli uffici a tempo pieno.

Molti di loro hanno affermato che avrebbero consentito ai lavoratori di stabilire le proprie regole sul numero di giorni della settimana in cui lavoravano in ufficio o da casa. Tuttavia, alcuni leader aziendali ritengono che i loro dipendenti siano molto meno produttivi al lavoro da casa e perdano la collaborazione con i colleghi.

Ieri l’ex capo ad interim della Vaccine Task Force del governo Cliff Dix ha detto che non potrebbe esserci alcun virus in circolazione nel Regno Unito entro agosto.

Tuttavia, le sue dichiarazioni hanno contraddetto le aspettative del professor Chris Whitty dell’ufficiale medico capo, che ha detto che dovremo convivere con un virus come l’influenza.